A Cerqueto e Palazzo Ceccoli lavori per contenere le perdite di acqua

A Cerqueto e Palazzo Ceccoli lavori per contenere le perdite di acquaBuone notizie giungono per i cittadini gualdesi. Dopo l’impegno preso lo scorso novembre tra l’Amministrazione Comunale ed i vertici di Umbra Acque e dell’ATI 1 e 2 per affrontare le annose questioni legate alle ingenti perdite dell’acquedotto di Gualdo Tadino, sono partiti in questi ultimi giorni importanti lavori nelle frazioni di Cerqueto e Palazzo Ceccoli.
Interventi nello specifico che saranno in grado da un lato di ridurre in maniera consistente le varie perdite d’acqua (riparazione tubazioni di Cerqueto che in un punto perdevano 1,5 litri/secondo e un altro tratto 4,5 litri/secondo) e dall’altro di trovare soluzioni definitive a questioni che si trascinano da ormai troppi anni, su tutte il completamento degli allacci previsti nel PIR (saranno oltre 300 le utenze che saranno allacciate alla nuova tubazione, che dal periodo del terremoto non era state ancora agganciate). A queste due azioni si aggiungono poi la realizzazione di un nuovo tratto di conduttura tra Cerqueto e Palazzo Ceccoli e la messa in opera di un nuovo acquedotto in Via Lussemburgo per permettere di avere più acqua anche nella frazione di Osteria-Cerasa.

“Questi interventi – sottolinea il Sindaco Massimiliano Presciutti – porteranno nel biennio 2016-2017 ingenti investimenti nel Comune di Gualdo Tadino. Solo nel caso dei lavori iniziati in questi giorni nelle frazioni di Cerqueto e Palazzo Ceccoli parliamo di 250.000 € stanziati dalla Giunta Regionale. Prime azioni che consentiranno di allacciare più di 300 utenze alla nuova conduttura e allo stesso tempo permetteranno di abbattere le perdite esistenti nelle tubazioni, che solo nei due tratti di Cerqueto ammontano a ben 6 litri/secondo. Ancora una volta è arrivata dunque una risposta concreta ad un problema molto sentito, che ci consentirà di tutelare i cittadini di Gualdo Tadino e di diminuire di gran lunga gli sprechi e le perdite d’acqua. Come di consueto alle parole noi preferiamo rispondere con i fatti”.

I lavori in questione a Cerqueto e Palazzo Ceccoli si protrarranno per diversi mesi. A tal proposito l’Amministrazione Comunale si scusa in anticipo con i cittadini e gli automobilisti se ci sarà qualche disagio nelle due frazioni.

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a A Cerqueto e Palazzo Ceccoli lavori per contenere le perdite di acqua

  1. micumicu scrive:

    Grazie Francesco per i precisi chiarimenti.

  2. Francesco Troni scrive:

    “Perchè nessuno stressa questi problemi”:
    In realtà, questi problemi sono già stati affrontati.
    Prima ne ha parlato Sindaco Presciutti a Radio Tadino, poi la Comunanza Agraria tramite un video postato anche sul suo sito (video 5 di 5 dove parla la presidentessa in persona).
    La Comunanza Agraria, tra l’altro, ha anche evidenziato il fatto che nel 2007 noi cittadini abbiamo pagato non so quante autobotti provenienti da Branca (quindi Gubbio) per approvvigionare l’acquedotto che a sua volta approvvigiona i rubinetti delle case di noi cittadini Gualdesi mentre Rocchetta S.p.A. continuava a prelevare indisturbata l’acqua in barba a molte leggi Italiane.

    Quanti sono 200 milioni di litri/anno?:
    Oggettivamente non lo so, ma personalmente penso che trattandosi di uno spreco sono un’esagerazione.

    Confrontabili con gli emungimenti?:
    Il conto presto è fatto.
    In questo pezzo di acquedotto vanno sprecati 6 litri/secondo mentre Rocchetta S.p.A., a partire dal 7/3/2016, potrà prelevare 25 litri/secondo; cioè poco più di 4 volte lo spreco che si andrà ad eliminare, se non già eliminato, con questi lavori.
    Si deve considerare, però, che i 25 litri/secondo di Rocchetta S.p.A non vanno tutti nelle bottiglie che poi saranno vendute, ma parte vanno “sprecati” per operazioni accessorie al ciclo produttivo; operazioni, queste, non eliminabili sia per motivi igienico-sanitari che di ciclo produttivo tipico dell’imbottigliamento delle acque.

    Quante altre situazioni come questa insisteranno nel nostro territorio considerando la osolescenza delle condutture?:
    Personalmente non ne ho idea ma dobbiamo considerare che l’acquedotto di Gualdo Tadino ha subito una seria manutenzione subito dopo il terremoto del 1997; quindi credo che molti sprechi siano stati eliminati in quell’occasione.
    Poi, girano dei documenti ufficiali che dicono che le perdite dell’ acquedotto di Gualdo Tadino ammontano al 75%; ciò significa che ogni 100 litri immessi 75 ne vanno sprecati.
    Vedasi a tal proposito sia l’intervista di Presciutti a Radio Tadino.
    Per paragonare questi sprechi dichiarati con gli emungimenti di Rochhatta S.p.A. manca un dato fondamentale: Quanta acqua viene immessa nell’acquedotto di Gualdo Tadino ogni secondo?
    Infine, sempre sul’intervista di Presciutti a Radio Tadino, il Sindaco stesso dice che molte utenze di Gualdo Tadino sono allacciate all’acquedotto di Gualdo Tadino ma per qualche strano motivo non pagano bolletta ad Umbra Acque.
    Ora le domande sono:
    1 – Per caso l’acqua che queste utenze prelevano dall’acquedotto di Gualdo Tadino fa per caso parte del famoso 75% di perdite?
    2 – Se la risposta alla domanda precedente è “SI”, allora una volta regolarizzata la posizione di tali utenze, il famoso 75% di perdite non scenderà, per caso e miracolosamente, di colpo in maniera vertiginosa senza fare altri lavori?

  3. micumicu scrive:

    Infuriano in altre sedi le giuste discussioni riguardo i prelievi d’acqua di una grande azienda che opera sul territorio, della legalità delle concessioni (non entro in merito) e del diritto dei cittadini di aver garantito un bene non illimitato e vitale quale è l’acqua.
    Possiamo fare una mano di conti sui numeri indicati in questo – quasi inosservato post?

    totale di 6 lt/s di perdite (solo in loc. Cerqueto).
    In un anno sono 31536000 (sì, 31,5 milioni e rotti mila) secondi.
    Quindi fanno all’anno quasi 190 milioni di litri d’acqua che andrebbero persi, stante la bontà dei numeri riportati, irrimediabilmente, senza utilità per la comunità ma anzi, da noi pagati.

    Quante altre situazioni come questa insisteranno nel nostro territorio considerando la osolescenza delle condutture?
    Quanti sono 200 milioni di litri/anno? Confrontabili con gli emungimenti? Perchè nessuno stressa questi problemi.

  4. cittadino scrive:

    Contenere ???????
    Come, “contenere le perdite” ??

I commenti sono chiusi.