A dimora 20 piante di biancospino del Beato Angelo

A dimora 20 piante di biancospino del Beato AngeloE’ stata una vera e propria festa quella che ha avuto come protagonisti 70 bambini e bambine delle classi quarte e quinte delle scuole primarie di Cartiere: hanno messo a dimora 20 piante di biancospino del Beato Angelo lungo il percorso che va dall’Eremo al bivio per Casale. L’operazione punta alla salvaguardia delle piante ed alla loro moltiplicazione, per riconquistare quanto è stato perduto e cancellato con l’urbanizzazione che ha visto estirpare nel tempo tanti arbusti che fiorivano in gennaio, ripetendo il miracolo avvenuto per la prima volta nel 1324, al passaggio del corteo che accompagnava le spoglie mortali dell’eremita Angelo, poi eletto protettore della città.
Grazie ai bambini del plesso del centro storico, sinora ne erano state messe a dimora circa 200, soprattutto in via del Biancospino col sostegno della pro loco. Ora, con l’impegno degli scolari e delle loro brave insegnanti, con l’ottima, generosa disponibilità ed organizzazione della pro loco “3 C” (Cartiere, Casale, Caselle) presieduta da Lucio Marinelli, oltre al sempre più encomiabile cultore del biancospino, Sandro Sabbatini, il progetto della “riconquista” continuerà anche nei prossimi anni; c’è anche l’impegno del preside Gaetano Ferrara: ha salutato con entusiasmo l’iniziativa che collega il presente al passato per un migliore futuro di tutti. Il parroco don Franco Berrettini ha benedetto e fornito una chiave di lettura semplice su quanto stava avvenendo in collegamento col passato e con la santità del Beato Angelo.
I bambini hanno coperto di terra le radici delle piantine, le hanno contrassegnate con un cartello col nome dei “piantatori”, in qualche modo adottandole, hanno cantato ed ascoltato “poesie” sul tema; hanno conosciuto una storia ed una tradizione che caratterizza il loro ambiente. Sono stati seminatori di valori religiosi e culturali.

Alberto Cecconi

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.