A MAURIZIO TITTARELLI RUBBOLI IL CONCORSO DEI PRESEPI

Il Concorso Nazionale dei Presepi è stato vinto dall’artista gualdese Maurizio Tittarelli RubboliLa seconda edizione della Mostra Concorso Nazionale dei Presepi Città di Gualdo Tadino si è conclusa con ben 3.200 visitatori in meno di un mese, provenienti da tutta Italia. Sabato 8 gennaio, di fronte a una numerosissima platea, si è svolta la premiazione ufficiale del Concorso alla presenza del sindaco Roberto Morroni, dell’assessore alla cultura Fausto Cambiotti, del consigliere regionale Sandra Monacelli e del portavoce della giuria di esperti, l’artista Vincenzo Martini. La mostra, promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con il Polo Museale della città e curata nell’allestimento dall’architetto Nello Teodori, ha raccolto nella Chiesa monumentale di San Francesco sessanta opere presepiali. Tra queste, la giuria del concorso ha individuato un “Miglior Presepe” per ogni categoria (tradizionale, autore e studente) ed un vincitore assoluto del concorso. Inoltre è stato assegnato il “Premio del Pubblico” al presepe più votato dai visitatori della mostra.
Vincitore Assoluto della seconda edizione del Concorso è l’opera Venite adoremus Dominum di Maurizio Tittarelli Rubboli “per il rispetto della tradizione locale nell’uso raffinato del materiale ceramico e della tecnica a lustro, per la simbologia della rappresentazione ed il richiamo alla cultura concettuale definita dallo specchio, per la circolarità dell’impianto scenico che evoca la sacralità delle leggi dell’universo”. Inoltre, per la categoria autore, la giuria ha deciso di assegnare tre menzioni speciali ai presepi maggiormente apprezzati per qualità tecnica e di realizzazione: Il cuore consiglia, la pietra realizza di Maria Rita Pagliacci, Icona della Nativita’ di Barbara Morganti e Sacra famiglia di Alain Armand Bolzan.
Il miglior presepe della categoria tradizionale è Miniatura Museo San Martino di Carlo Bastioni apprezzato dalla giuria per l’uso appropriato della tecnica, la resa scenografica ed il rispetto della tradizione popolare e colta che si connota per il giusto inquadramento nel periodo storico rappresentato.
Per la categoria studente, la giura ha deciso di assegnare due menzioni speciali alle opere Il Presepe Pop dell’Istituto superiore Ceccherelli – Einaudi di Piombino, e Presepe nell’astuccio dell’Istituto Bambin Gesù di Gualdo Tadino per la creatività e l’originalità delle rappresentazioni. Il premio di miglior presepe della categoria è stato invece assegnato a Dolcissimo Natale Gualdese della Scuola primaria di Cartiere di Gualdo Tadino, scelto per l’uso appropriato dei materiali, la semplicità delle soluzioni tecniche e la suggestiva evocazione della piazza quale luogo aperto ad ogni forma di vita idoneo all’universalità del messaggio della natività.
“La mostra ha riscosso un notevole successo sia per la partecipazione numerosa di scuole ed artisti del territorio e di molte regioni italiane, sia per la grande affluenza dei visitatori – ha sottolineato il sindaco Roberto Morroni – L’iniziativa si ripeterà anche nel 2011 e diventerà l’evento caratterizzante delle festività natalizie della città.”
Il consigliere regionale Sandra Monacelli ha ribadito invece l’importanza della partecipazione delle scuole, “per le quali l’iniziativa ha rappresentato un valido strumento di espressione del grande potenziale artistico dei ragazzi”. “Il grande successo della mostra – ha ricordato infine l’assessore alla cultura Fausto Cambiotti – è dovuto principalmente alla qualità delle opere di tutti i partecipanti che, a prescindere dai risultati finali del concorso, ci hanno regalato delle vere emozioni come solo gli artisti sanno fare.”

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo. Contrassegna il permalink.