A Porta San Martino il Palio di Primavera

 a Porta San Martino il Palio di PrimaveraE’ andato a Porta San Martino il Palio di Primavera. È questo il risultato “sportivo” della due giorni che ha caratterizzato la manifestazione organizzata dall’Ente Giochi de le Porte. Ma il risultato vero è stato lo spirito con cui tutti i protagonisti, dai giovani Priori, ai giocolieri, ai figuranti, ai giovani sbandieratori e musici, si sono avvicinati al Palio loro dedicato. Emozioni che hanno pervaso tutti, dai protagonisti ai tanti che hanno deciso di affollare piazza Martiri della Libertà per assistere alla manifestazione sia nella serata di sabato che in quella di domenica. In tutti questi giovani protagonisti si è notata una passione per i Giochi grandissima, una volontà di essere positivi protagonisti del Palio con la purezza e la gioia che solo i più giovani sanno dimostrare.
Pomeriggio di domenica che è iniziato con l’esibizione, molto apprezzata, dei giovani sbandieratori e musici “Città di Gualdo”. Poi Filippo Matarazzi e Damiana Bossi, per Porta San Donato, Gabriele Passeri e Alessandra Catasti, per San Martino, Leonardo Pascucci e Alessandra Franceschini, per porta San Facondino, e Leonardo Pigliapoco ed Elisa Mosconi per Porta San Benedetto hanno guidato i propri cortei storici all’interno dell’arengo maggiore.
Dopo la benedizione impartita da Emmanuele Komla Saga e il saluto del Commissario straordinario Salvatore Grillo il via alle gare, con quella a carretto. Già da qui si capiva che il Palio sarebbe stato emozionante. Infatti San Martino, con auriga Alessio Passeri e frenatore Matteo Parlanti guidava il somaro Gennarino a un tempo straordinario di 22”, precedendo Rocco per San Facondino condotto da Niccolò Niccolò Depretis e da Matteo Pasquarelli che chiudeva a 29” il suo giro. Risicatissimo il margine su San Donato che con Filomena guidata da Alessandro Scassellati e Mattia Fidati finiva a un secondo dai gialloverdi. A 36” secondi San Benedetto con Pallino condotta da Andrea Monacelli e Francesco Paciotti, complice un’indecisione iniziale. Si passava quindi alla fionda dove un precisissimo Valerio Pinchi Pica (San Martino) realizzava un 5 su 5 degno del palchetto di settembre, seguito da Samuele Paciotti (San Benedetto) 3/5 che ha avuto la meglio allo spareggio con Samuele Brunetti (San Donato), mentre Sebastiano Cossentino (San Facondino) centrava 2 piatti. San Martino quindi in testa a punteggio pieno. La gara con l’arco sparigliava tutta la classifica rimettendo in corsa sia San Donato che con Filippo Acciari si aggiudicava la gara con un ottimo 39/50, che San Facondino con Alessandro Bossi che otteneva un buon 37/50, con Andrea Tacchi (San Martino) che finiva terzo con 33/50, davanti a Elia Anastasi (San Benedetto) con 24/50.
Decisiva diventava la corsa a pelo con San Martino, favorito, e San Donato e San Facondino a cercare di rendergli la vita difficile. Alla fine di un giro dell’anello realizzato in piazza Martiri con una gara magistrale era Edoardo Mariani in sella a Gennarino a regalare la vittoria a San Martino tra un tripudio di colori giallorossi. Dietro di lui Niccolò Niccolò Depretis (San Facondino) seguito da Mattia Fidati (San Donato) e precedendo Lorenzo Biscontini (San Benedetto). Palio dunque a San Martino, davanti a San Donato, stessi punti di San Facondino terzo per la vittoria dei giallobianchi nell’arco, a chiudere San Benedetto.
Poi via come i grandi a dar fuoco al fantoccio della strega nemica di Gualdo, la Bastola, e a festeggiare la vittoria del Palio disegnato da Samuele Brunetti e realizzato da Erika Comodi. Il tutto per la soddisfazione dei grandi a iniziare dall’Ente Giochi.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giochi de le Porte e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.