Altri Atti illegittimi: La Comunanza Agraria chiede il rinvio al TAR

Altri Atti illegittimi: La Comunanza Agraria chiede il rinvio al TARAltri Atti illegittimi: La Comunanza Agraria chiede il rinvio al TAR

Basta chiacchiere e strumentalizzazioni, ma solo fatti e rispetto della legge”

Gualdo Tadino, 25 ottobre 2017 – La Comunanza Agraria Appennino Gualdese ha chiesto il rinvio al TAR Umbria relativamente alla causa sulla proroga della concessione Rocchetta del 21 novembre 2017.

La richiesta è stata necessaria a causa di ulteriori documenti ed atti ritenuti illegittimi prodotti dal Comune di Gualdo Tadino e dalla Regione proprio in questi ultimi giorni.

La Comunanza è costretta ad impugnarli perché incidono direttamente sui ricorsi al TAR. Al momento sono in essere quattro giudizi al TAR dell’Umbria ed un tentativo di accordo presso il Commissario degli usi civici ( che è un tribunale dedicato).

Non ci saranno interventi di replica, ma tutto quello che sarà illegittimamente prodotto da altri sarà trasmesso alle competenti autorità.

La Comunanza ha fiducia che la giustizia segua il suo corso ed è convinta che tutti stiano in attesa dei responsi dei giudici affinché si facciano le scelte giuste ma anche legali per il bene della nostra Gualdo.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 Responses to Altri Atti illegittimi: La Comunanza Agraria chiede il rinvio al TAR

  1. bazzucchi enzo scrive:

    quello che mi preoccupa da sempre è l’ultima frase : Per il bene di gualdo.cioè chi siete voi per dire per il bene di gualdo?ma siete proprio sicuri che in tutto quello che fate sia un bene per gualdo?siete sicuri che tutti questi ricorsi ai tar tutti questi rinvii questo andare a testa bassa allo scontro è un bene per gualdo?ma soprattutto siete sicuri che tutto questo bene lo vogliamo a gualdo.io stavo meglio quando a gualdo se stava male.

  2. Dino Mazzoleni scrive:

    Proprio così!!!

  3. Maurizio Biscontini scrive:

    Per prima cosa occorrerebbe convenire su quale sia il “Bene” della nostra Gualdo.

    Per seconda cosa occorrerebbe avere un consenso largo e democratico a favore dei delegati alla tutela del “Bene” della nostra Gualdo.

    Io purtroppo sono un semplice ed umile somaro, ottuso e duro a comprendere.

I commenti sono chiusi.