Bellezza è verità, verità è bellezza

Bellezza è verità, verità è bellezzaIl prossimo primo maggio ad Ascoli Piceno verrà inaugurato il Terzo Concorso Internazionale della Ceramica, che ha come tema consueto il perenne dilemma “Tra tradizione e modernità”.
Quest’anno il tema scelto è stato la figura femminile. Il nostro concittadino Maurizio Tittarelli Rubboli ha partecipato alla selezione, ed è stato ammesso, con un’opera che ha come lungo titolo i versi del poeta romantico inglese John Keats: «Bellezza è verità, verità è bellezza – questo solo sulla Terra sapete, ed è quanto basta».
Maurizio, che non disdegna affatto la contemporaneità, ma ne ha fatto una cifra costante dei suoi lavori e del suo impegno ha, in questo caso, fatto una scelta opposta dichiarando, di fatto, che la figura femminile non può essere cambiata, poiché è la sua bellezza ad essere la verità. Sulla figura femminile molto (forse tutto?) è stato già detto da Picasso con “Le demoiselles d’Avignon”, da Gustav Klimt, da Egon Schiele, da Modigliani e da tanti altri, ma oggi “forse” la modernità/verità è questa Simonetta Vespucci ritratta da Sandro Botticelli nel 1480.
La mattonella misura 40×30 cm ed è una maiolica lustrata in oro e rubino, con fumo di ginestra, nelle muffole di famiglia di Gualdo Tadino. La tecnica usata è quella di tradizione mastrogiorgesca, codificata da Cipriano Piccolpasso nel 1558.
Contemporaneamente all’apertura della mostra ci sarà un interessante convegno dal titolo “Promozione, tutela e sviluppo delle produzioni di Ceramiche Artistiche e Tradizionali – Evoluzione del Design Ceramico e prospettive di riorganizzazione del settore che esprime una rilevante vocazione al femminile in ambito nazionale ed europeo”. Tra i tanti sarà presente il Sen. Stefano Collina, presidente dell’AICC (Associazione Italiana Città della Ceramica).

Sandro Farinacci

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ceramica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 Responses to Bellezza è verità, verità è bellezza

  1. Siamo uomini perché percepiamo il senso della bellezza, diversamente saremmo animali o politici.

  2. la Bellezza è democratica!

I commenti sono chiusi.