Comitato per la difesa del Rio Fergia, solidarietà e condivisione alla Comunanza Agraria

Comitato per la difesa del Rio Fergia, solidarietà e condivisione alla Comunanza AgrariaIl comitato per la difesa del Rio Fergia, dopo i ripetuti e sistematici articoli di stampa atti a screditare  e delegittimare la funzione della Comunanza Agraria Appennino Gualdese, intende esprimere a quest’ultimo ente giuridico la massima solidarietà e la totale condivisione di intenti. Non potrebbe essere diversamente, visto che la ricostituzione della comunanza è la conseguenza logica e temporale della vicenda”Rio Fergia”e”Abutinato”e delle relative sentenze. Riteniamo che alla luce della sentenza del Commissario agli usi civici,debbano essere annullati gli atti amministrativi che rinnovano la concessione a Rocchetta (includendo un nuovo marchio), in scadenza nel 2022, per altri 25 anni e che nella ridiscussione venga inserita la rappresentanza della comunanza, che ricordiamo da recente sentenza è deputata a difendere gli interessi della collettività degli usi civici. Esprimiamo inoltre perplessità circa lo stato di abbandono istituzionale e la mancanza di iniziative per il ripristino della”Valle del Fonno”, impraticabile dall’alluvione del 2013. Ci pare che il ripristino dei luoghi non abbia niente a che fare con il progetto denominato “Oasi Rocchetta”, nella cui discussione nessuno ha mai coinvolto i legittimi proprietari. L’ultima considerazione va rivolta al terrorismo mediatico verso chi paventa futuri tragici dell’occupazione gualdese: nessun posto di lavoro perso e se per il prossimo futuro si prospettassero nuove assunzioni, ben vengano,purchè derivanti dal rispetto dei luoghi, delle proprietà e delle regole.

Il presidente del comitato per la difesa del Rio Fergia
Dario Toffano

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Comitato per la difesa del Rio Fergia, solidarietà e condivisione alla Comunanza Agraria

  1. Dario Toffano scrive:

    Sig Toni, nei giorni scorsi l’avevo invitata a documentarsi prima di esprimere giudizi affrettati, ora devo annotare che in modo strumentale Lei pubblica notizie false e lesive nei confronti di un comitato che dal 1990 difende i diritti di una intera comunità con immani sacrifici. Lei riporta un evento che Le ricordo fu organizzato dalla Pro Loco di Boschetto che nulla ha a che vedere con il Comitato per la difesa del Rio Fergia e che il comitato stesso si dissociò, non partecipando a tale evento. Mi aspetto quindi a nome del comitato, una immediata smentita di quanto scritto. Diversamente ci vedremo costretti a tutelare l’onorabilità nelle sedi opportune.
    Dario Toffano,presidente del comitato per la difesa del Rio Fergia

    • Marco Toni scrive:

      Sig. Toffano io riporto quello che è successo a Boschetto. Non mi riferivo al comitato, ma a Boschetto in generale. Quindi prima di minacciare atti legali, la invito ad andarci cauto. Poi qua ognuno è libero di dire quello che vuole. Io nn ho pubblicato nessuna notizia strumentale, è la realtà dei fatti. Cmq, forse mi sono espresso male ed in modo affrettato, ripeto nn mi riferivo al comitato Rio Fergia. Ma lo conferma anche Lei, che in quella prima edizione a Boschetto ci fu come sponsor un’azienda di acque minerali. Quindi nn sono notizie infondate. Prendo atto che il comitato si dissociò. Tanto di cappello. Complimenti.

  2. massimiliano barberini scrive:

    Sign. Toni: certamente a Gualdo Tadino non troverà uguale attaccamento alla propria terra. Saluti

  3. Marco Toni scrive:

    Peccato che alla prima edizione di slowart in Boschetto, avessero come sponsor un’azienda imbottigliatrice di acque minerali!

  4. massimiliano barberini scrive:

    Dalla gente di Boschetto e dintorni ho imparato cosa significa attaccamento alle vere cose non cedendo alla mercificazione di un pratimonio unico ed insostituibile. Loro il torrente rio Fergia l’hanno conservato e noi gualdesi il fiume Feo ? Sparito!!!!! Nella mentalità di tanti è tutt’acqua che se spreca (come disse uno riguardo alle cave: “la pietra c’è e tocca caccialla”;che per l’acqua sarebbe: “l’acqua c’è e tocca ‘mbottialla”).

I commenti sono chiusi.