Convocazione Assemblea Utenti Monte

Convocazione Assemblea Utenti MonteOggetto: Convocazione Assemblea  Utenti Monte  

Gentile nome , cognome , in qualità di Utente Monte sei invitato/a a partecipare alla

ASSEMBLEA

Che si terrà il 29 Aprile 2016, alle ore 21,00 presso la sede del Centro della Terza Età, sita in Piazza del Mercato.

Secondo il seguente ordine del giorno:

  • Relazione del Presidente;
  • Sentenza Commissariato Usi Civici di Roma e relativi atti consequenziali;
  • Ricorso al TAR contro la determina dirigenziale n.8399/2015 della Regione dell’Umbria;
  • Ricorso al TAR contro la determina dirigenziale n.9873/2015 della Regione dell’Umbria;
  • Pascolo montano;
  • Legnatico 2015/2016;
  • Varie ed eventuali;
  • Interventi diretti degli Utenti Monte.

Data l’estrema importanza degli argomenti che verranno trattati, considerando che questi momenti sono strategici per le scelte da fare, nel ritenere che il Tuo contributo è fondamentale per il buon proseguo del cammino che abbiamo iniziato insieme, Ti invitiamo a non mancare a questa Assemblea.

Il Presidente
Nadia Monacelli

 

 

Puoi visionare i documenti argomento dell’Assemblea sul nostro sito ufficiale www.appenninogualdese.com
In sala sarà disponibile un servizio di Segreteria dove puoi rinnovare l’iscrizione ad Utente Monte 2016. 

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

62 risposte a Convocazione Assemblea Utenti Monte

  1. Bazzucchi Enzo scrive:

    ma si voi pensate che io sia contro la comunanza ve sbajate e de de grosso.Se la gente la rivoleva bisognava chiederlo a loro con un referendum la gente votava democraticamente se vinceva il si,si faceva presidente direttivo,consiglieri,eletti democraticamente dal popolo.ma così non è stato. un gruppo di persone si è accorto che esisteva una comunanza e si è autoeletto salvatore della patria.questo non va bene secondo il mio parere. io da oggi al domani non posso autoproclamarmi il capo di una cosa che è della comunità devo essere eletto.io contesto questo.sull utilità della comunanza non mi espongo lo vedremo con i fatti.intanto tocca andà a tajà l’erba sulle cunette de monte perchè la provincia nun cè.

  2. massimiliano barberini scrive:

    …questa è Gualdo:gente strana da capì,nonostante sò de Gualdo!Ciò rinunciato da tempo.

  3. Giovanni scrive:

    Un po’ di buon senso non guasta mai e comunque mi resta difficile da comprendere l’astio di alcuni verso quest’Associazione che si muove per gli interessi di Gualdo e dei gualdesi!

  4. Warriors scrive:

    So gnorante ma me ce vole n’antra ca…ta pe famme capì che t’adesso deve nterveni’ la Comunanza con i suoi iscritti e non continua’ l Comune con i sua ridicoli affiliati ortocoltivatora!!!!!!!!!

  5. Bazzucchi Enzo scrive:

    E’ lì che ti volevo.siccome la provincia è inesistente non sistema più nessuna strada provinciale(forse metteranno una manciata de breccia sulla 444 del subasio visto che se nè interessato il vescovo che farebbe mejo ad interessarsi delle anime dei fedeli)da anni ce pensa il comune a tajà l’erba.mò tocca tattè caro roghetto.ps il sudore per fà l’orto mio utilizzelo per altre cause che per il mio ce penso da me e me vène pure bene.4 pummidori te li posso rimedià.

  6. Roghetto scrive:

    Vedo che non sei molto informato visto che questo tratto è compito della provincia comunque visto che di utenti monte siamo in molti e disponibili possiamo venire anche a farti l’orto di casa purché fai richiesta scritta

  7. Bazzucchi Enzo scrive:

    domanda:mò chi ce va a pulire le erbacce ai lati della strada che porta a valsorda?si tanto me da tanto qualcuno degli iscritti dovrà prendere una tuta ,un pajo de occhiali, un berretto, un taglia erba e gì a pulì perchè già ce nè parecchia sul castagneto.avete voluto la bicicletta? mò pedalate.

  8. Bazzucchi Enzo scrive:

    ma per carità.ma dove sono capitato 35 anni fà.se questa è democrazia me cojoni.dateme retta lassate gì.

  9. Mario Rossi scrive:

    Sig. Enrico,
    leggo con attenzione i suoi interventi in merito alle varie problematiche del nostro territorio e li trovo molto interessanti e soprattutto nutriti di elementi che, almeno per il sottoscritto, sono sconosciuti o quasi.
    Non sono in grado di fornirle consigli, sono come De André che cantava:
    “Si sa che la gente da’ buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio
    si sa che la gente da’ buoni consigli se non può dare cattivo esempio”,
    quindi se può, non tolga il suo contributo in questo blog.
    Anche Lei è attempato come me, abbiamo vissuto gli anni ’70 e le battaglie di quei giovani (come lo eravamo) che indipendentemente dall’appartenenza ideologica lottavano per qualcosa che andava ben oltre il misero interesse personale, ci battevamo per valori ben più grandi della misera politica di allora, lo spirito é rimasto quello di 40 anni fa e combattiamo come allora questa indefinibile politica attuale che giorno dopo giorno mette in evidenza solo l’interesse personale e il malaffare di questi “attori” da quattro soldi, apparteniamo ad una generazione cui gli attacchi del tutto gratuiti che ci vengono mossi non ci scalfiscono nemmeno la suola delle scarpe.
    Non farebbe piacere nemmeno al sottoscritto essere additato come uno che agisce per i propri interessi personali e di potere, un suggerimento, faccia come Totò che simulava il gesto del cane quando, dopo aver fatto la popò, con le zampe posteriori la copre.
    Siamo fatti di un’altra pasta, quando mi risponde, se lo farà, mi dia pure del muccolone, perché non mi offendo, anzi mi riporta indietro nel tempo quando i “vecchi” o meglio i più maturi mi chiamavano così, solo chi non é Gualdese si offende per un epiteto del genere.
    La saluto cordialmente e non faccia lo scherzetto di non partecipare alle discussioni in questo spazio che gentilmente, e lo ripeto, ci viene messo a disposizione dal Sig. Farinacci.

    • enrico finetti scrive:

      Warriors e Mario Rossi, vi ringrazio per gli attestati di stima, che fatti da voi, sono particolarmente apprezzati. Segno che il lavoro ed i sacrifici fatti non sono stati vani . Stanno dando e daranno grandi frutti .
      Rispondo un pò tardi a causa degli impegni di lavoro e personali.
      Quanto da me deciso ieri, non ha possibilità di ripensamento, perché frutto di una notte insonne passata a meditare sul da farsi da parte mia.
      Senza tornare sui soliti argomenti, diventati triti e ritriti, ritengo che il mio compito in questa vicenda è oramai finito.
      Il difficile per la Comunanza viene adesso, figuriamoci se alle tante incombenze ed impegni, nonché agli inevitabili tentativi di entrata a gamba tesa , dovrebbero sorbirsi di riflesso anche questi squallidi tentativi messi in atto nei miei confronti.
      Così facendo, libererò l’Ente da queste beghe ed al tempo stesso però, potrò operare nella più totale autonomia per difendermi come dovuto, ivi comprese le oramai inevitabili vie legali.
      I miei trascorsi professionali, le scelte fatte e le decisioni prese l’ho condivise con quello che considero non solo il mio maestro nella professione, ma anche un maestro di vita quale è stato Gianni Gubbiotti, cioè, un vero signore prima di tutto. La decisione inerente questo particolare argomento, fu presa nel suo studio, che guarda caso è stata anche la casa che mi ha dato i natali…..
      Gianni voleva molto bene a Gualdo e credo di volergliene tanto pure io. Se mi rimangiassi quanto ieri deciso, sento che tradirei prima di tutto proprio lui… Non me ne vogliate.
      Un grazie particolare va alla pazienza di Sandro Farinacci.

  10. warriors scrive:

    Caro Enrico, un CONDOTTIERO non lascia mai il Campo di battaglia per rispetto dei suoi Soldati e molto più per rispetto dei suoi ideali di vita…Conoscendoti son sicuro che non lo farai mai!!!!
    Per uno come Te, ferito nell’orgoglio, è giustissimo, opportuno,intelligente e particolarmente apprezzabile abbassare i toni, soffocare le urla, spegnere la voce e riflettere…… per non alimentare quel labile focarello della polemica che è intrinseco in tutti noi…….Però tutto cio’ va fatto nella consapevolezza di risparmiare energie per poi impiegarle per rinvigorire il Cuore, la Mente, i Sentimenti e le Azioni!!!
    I Tuoi trascorsi, le tue idee, le Tue doti naturali, la Tua professionalità, la Tua disponibilità, la Tua abnegazione,la Tua tenacia e la Tua caparbietà, hanno fatto sì che molti Gualdesi, hanno visto e vedano in te un loro concittadino sempre più paladino di Legalità e particolarmente affezionato alle sorti di questa nostra citta’…..
    Per me, che Ti conosco ormai da molto tempo, sei stato, sei e sarai sempre: UNO PER NOI……UNO CON NOI……. UNO DI NOI!!!!!!!!
    Un grande abbraccio con tanta, tanta, tanta STIMA!!!!!!!

  11. massimiliano barberini scrive:

    Enrico: non si può dire che non sei un combattente;mi ti ricordo ai tempi delle battaglie del Fergia (io più che altro facevo la presenza) ossia un “cazzuto forestiero”;assidui sostenitori gualdesi ricordo anche Olga Fioriti e Giuseppe Scatena (non sò se dimentico qualcuno). Ti dò un consiglio:vai avanti così e non cadere nelle “trappolette”,’ne vale la pena!…Con stima.

    • enrico finetti scrive:

      Tranquillo che non scappo .
      Conosco certe tattiche e metodi . Con questa storia degli interessi e delle vendette sono arrivati allo sfinimento (loro) . Capisco però che sono di intralcio per il prosieguo dell’avventura ed è meglio così. D’altronde ben sai che il mio contributo c’è stato, fin proprio dalla sua origine.
      Grazie dell’attestazione, in certi casi non guasta .

  12. Nadia Monacelli scrive:

    Gent.le Sig.ra Monia,

    fermo restando che rispetto e buona educazione sono sempre da auspicarsi per tutti noi, mi spiace veramente vedere tanto astio e il bassissimo livello a cui esso ha portato ed ho chiesto che il Consiglio di Amministrazione si tenga fuori da ogni possibile provocazione.
    Poi, lei comprenderà, non è mio ruolo richiamare ogni Utente Monte o abitante di Gualdo Tadino perchè usa un linguaggio inappropriato.
    Comunque ci terrei a chiedere a tutti, se possibile, di evitare di intimare al disboscamento perchè ci accingiamo ad assolvere ad un compito istituzionale secondo un piano di gestione forestale.
    Di evitare di parlare di aziende che chiudono per colpa della Comunanza e così via. Di evitare di dare alla Comuanza epiteti inappropriati o addirittura perseguibili per legge.
    Queste non possono essere classificate come opinioni, ma bestialità che potrebbero anche far pensare a secondi fini destabilizzanti di una realtà che oramai è ineludibile, ma troppo scomoda. Quella della Comunanza intendo.
    Non tutto è sempre opinabile, non tutto si può fare o gestire a seconda dell’opinioni, perchè la legge sta lì con un compito preciso: quello di darci collettivamente delle regole per il vivere civile. E vivere civile non vuol dire che deve vincere il più forte, il più prepotente, lasciando che il potere che si faccia STATO con soprusi su soprusi.
    Stare da questa parte, dopo i riconoscimenti giuridici e legali, con le battaglie che stiamo portando avanti per il ripristino della legalità e il rispetto di diritti annientati e derisi da anni di silenzi, “pressappochismo” ed autoreferenzialità, non è risibile. La questione è di una serietà sconvolgente.
    Se volesse continuare in privato questa conversazione perchè ha dubbi su alcuni temi della Comunanza io sono disponibile e sono certa che potrebbe velocemente procurarsi il mio numero di cellulare ( a Gualdo ci conosciamo un po’ tutti) che qui, per ovvie ragioni, non le posso fornire.
    Non credo di aver avuto la possibilità di conoscere nè lei, nè altri all’Assemblea di venerdì.
    Ecco vede quella sarebbe stata per lei o chiunque altro una bella occasione di confronto, oltre che di puntuale informazione sui fatti.

    • enrico finetti scrive:

      Si dice che la notte porti consiglio.
      Considerato il grande operato svolto da un gruppo di persone che sta dando i meritati frutti.
      Considerati tutti i miei trascorsi professionali.
      Considerati i continui attacchi ed illazioni ai quali il sottoscritto viene costantemente sottoposto.
      Considerato che il cammino è ancora lungo e , credo, irto di difficoltà ben immaginabili .
      Per la serenità del prosieguo del lavoro ancora da svolgere ed al fine di non poter essere più attaccabili per queste banalità ( chi è perdente può solo tirare fango ), ho deciso di farmi da parte .
      Continuare stando zitto non è da me , oltretutto darebbe il segnale di paura o dell’avere la coda di paglia.
      Siccome la paura non mi appartiene ( non mi è appartenuta neanche quando ricevevo i famosi “messaggini” …) , potrò difendermi senza dare adito al pensiero di un vs coinvolgimento.
      Chiamatemi quando si andrà ad affrontare il problema cave. Lì non ho scheletri nell’armadio………e ci sarà da lavorare di nuovo sodo .
      saluti

    • Monia Toni scrive:

      Gentile Dott.ssa Monacelli,
      La ringrazio per la celerità con la quale ha risposto alla mia mail e mi scuso per non aver fatto altrettanto. Ieri non ho potuto, purtroppo, per una serie di impegni lavorativi.
      Data la Sua cortese disponibilità, provvederò a contattarLa quanto prima, privatamente.

      Buona giornata
      cordiali saluti
      Monia TONI

  13. Marco Gubbini - GUALDO NEWS scrive:

    Intervengo nel merito, solo per la frase letta in questa discussione: “La stampa locale non è assolutamente all’altezza. Si presenta alle inaugurazioni delle cucce per cani e non informa e tanto meno partecipa ad assemblee che per la città significano un ritorno alla legalità”.

    Parlando a nome dell’intera redazione di Gualdo News, penso che l’affermazione in questione sia come minimo ingenerosa.
    Non tanto per il giudizio soggettivo sul non essere all’altezza. Sicuramente non lo saremo. Ci mancherebbe che un gruppo di volontari – che non ricevono nessun compenso e che non hanno sponsor di nessun tipo – che cercano di dare un servizio alla città mantenendo canoni di professionalità secondo noi alti, siano all’altezza. Ci mancherebbe!

    Pensiamo però, anzi siamo sicuri, di aver amplificato a dovere la voce della Comunanza, pubblicandone notizie in abbondanza: esattamente venti nel nostro primo anno di esistenza, quasi due al mese, compresa quella della convocazione dell’assemblea del 29 aprile scorso.
    Anzi, se proprio la vogliamo dire tutta, siamo stati così “precipitosi” che per la Comunanza abbiamo anche avuto un problemino “legale” rischiando soldi e onorabilità nel momento in cui in uno dei comunicati emessi erano stati incautamente lasciati i dati personali, protetti ovviamente dalla privacy, dell’amministratore delegato di Rocchetta S.p.A.
    Disattenzione da parte nostra, per carità, ma è risaputo che non siamo all’altezza. Così come non è all’altezza chi emette comunicati non conoscendo appieno il modo con cui vanno diramati.
    Si rimanda perciò al mittente quel “non informa”, che si legge nella frase incriminata. Né tantomeno riusciamo a capire e ad individuare quali siano stati gli “ostacoli comunicativi” di cui si parla.

    Per quanto riguarda la partecipazione all’assemblea degli Utenti Monte, non è nostro costume partecipare ad assemblee di associazioni private senza essere invitati. Nessun invito è arrivato alla nostra redazione e nella convocazione, da noi pubblicata, non vi è traccia della frase “assemblea pubblica”. E’ come se piombassimo nei consigli direttivi di tutte le associazioni gualdesi!

    In conclusione:
    il fatto di non essere all’altezza di trattare un argomento del genere, il non aver saputo individuare la caratteristica importantissima di “ritorno alla legalità” dell’assemblea in questione, l’esserci persi una “lezione di professionalità, stile, legalità e democrazia”, insomma il non aver saputo cogliere tutto ciò in un evento in cui non siamo stati invitati, ci consiglia di fare un bagno di umiltà e di non trattare più questo argomento nel nostro portale informativo.

    Cordiali saluti
    la redazione di Gualdo News

    • Francesco Troni scrive:

      Marco ciao,
      il tuo intervento è ineccepibile.
      Soprattutto quando dici che non è vostra abitudine partecipare ad assemblee di associazioni private senza essere invitati perché sarebbe come piombare nei consigli direttivi di tutte le associazioni Gualdesi.

      Poi, anche secondo me alcune persone entrano un po’ troppo “a gamba tesa”. Me compreso anche se cerco di evitarlo il più possibile. E, prima o poi, ne raccoglieranno i frutti.
      Il tuo, probabilmente, potrebbe essere il primo di questi frutti.

      In fine, ho un dubbio che andrebbe verificato: Ma una Comunanza è un’associazione privata?
      Non per darti contro, ma mentre sono sicuro che un’associazione sportiva o culturale è privata, non ho la minima idea su che tipo di associazione sia una Comunanza visto che, per quanto ho capito, dovrebbe riguardare l’intera comunità che usufruisce dei beni che amministra. Quindi, nel caso specifico, dovrebbe riguardare anche me e te oltre che ogni altro cittadino Gualdese.

      Ora, colgo l’occasione per portarti a conoscenza di una cosa che non c’entra nulla con l’argomento trattato.
      Perché non riesco più ad aprire le pagine vecchie del vostro portale informativo, ma riesco a vedere solo la prima pagina indipendentemente dal dispositivo e la connessione internet che uso?
      Questa cosa, capisci, mi fa correre il rischio di perdermi qualche notizia se tra un mio ingresso e l’altro le notizie passano dalla pagina 1 alla pagina 2.

      • chiara giombini scrive:

        Francesco, grazie per la tua segnalazione, che abbiamo girato al webmaster del portale d’informazione Gualdo News. Fra pochi giorni dovrebbe funzionare a dovere. Saluti.

    • enrico finetti scrive:

      Marco, credo che hai fatto un clamoroso fuori pista.
      Io ho scritto “stampa locale” . La tua, anzi la vostra o meglio ancora la nostra perché appartiene ai gualdesi, è una pagina web.
      La mia constatazione parte da lontano, dai tempi del Rio Fergia …2 pesi…2 misure .
      Mi sto rendendo sempre più conto che se non esistevano queste due realtà, oltre all’eco, Gualdo avrebbe avuto una informazione parziale .
      Potrei dilungarmi ma devo tornare ai miei impegni, Magari ci sarà altra occasione
      Ti saluto

  14. Monia Toni scrive:

    ALLA PRESIDENTE
    DOTT.SSA NADIA MONACELLI
    e p.c. ENRICO FINETTI
    DANILO REMIGI

    Gentile Dott.ssa Monacelli,

    non era mia intenzione adottare questo mezzo e utilizzare questa pagina per comunicare determinate argomentazioni, ma ritengo inammissibili certe espressioni adottate durante questo dibattito virtuale. Pertanto La invito caldamente a fare da moderatrice, poiché la situazione sta davvero degenerando e mi trovo costretta a farglielo presente.
    Ognuno può esprimere il proprio parere pubblicamente data la democrazia vigente.
    Non si può tollerare in alcun modo quanto vengo a riportarLe:
    – I SIGNORI FINETTI E REMIGI devono assumersi la responsabilità di ciò che scrivono. Il modo come il comportamento è tutto nei contesti pubblici e privati.
    Molto discutili i loro interventi e assolutamente non idonei per le cariche che probabilmente ricoprono all’interno del Suo Ente.
    Riporto fedelmente alcune parti di quanto da loro scritto:
    1)FINETTI:” saputello e muccolone . Se devo passare all’insulto come fai tu, trovi pane per i tuoi denti. Quando io ho visto mostre del ligabue, ed ho fatto km per vederle…..tu ancora non eri neanche nelle palle di tuo padre. cambia musica con questi interessi personali, che non regge più, ok? e impara ad usare le h , somaro !”
    2)REMIGI (PER LEGGERE TUTTO, PUO’ FAR RIFERIMENTO ALLA PAGINA FB DELLA SIG.RA TROIANI STEFANIA. GLI ATTACCHI STANNO CONTINUANDO PESANTEMENTE): “Per Marco Toni,
    la tua imbecillità non si riesce a misurare con nessun sistema di misura e valutazione conosciuto(…) solo per rompere i coglioni alla gente.
    Probabilmente sei un giovane che nella tua vita ancora non hai dato musate a sufficienza per comprendere che: ” la vita è come la risalita dei torrenti che fanno i salmoni” (questa neanche te la spiego perché, per un superficiale come te, è troppo complicato da comprendere).Mi permetto di darti un consiglio: ” Invece di sparare cazzate, cerca di avere l’umiltà di leggere e studiare l’argomento su cui vuoi intervenire ” sempre che ne abbia la capacità”. Con compassione, un fraterno abbraccio”

    Credo che i ‘SIGNORI’ abbiano superato i limiti. Invito queste persone caldamente a fare un passo indietro rispetto ad insulti del tipo ‘somaro’, ‘muccolone’ e giù di lì o rispetto a locuzioni verbali e strutture grammaticali che sono subdoli mezzucci linguistici per definire una persona incapace e/o superficiale o simili. NON CONOSCONO mio fratello. Sono offese altamente gratuite e, mi permetto di dire, fortemente basse. Mezzucci, appunto, che coprono la LORO INCAPACITA’ di argomentare civilmente, non quella di mio fratello.
    Ovviamente intervengo non in veste di un qualsivoglia ‘avvocato’ (Marco non ne ha bisogno), ma in veste di familiare. Questi Signori conoscono quella parola del dizionario che si chiama umiltà? Beh credo che non ne conoscano propriamente il significato. Bisogna sempre essere consapevoli dei propri limiti, cari Signori.
    La decenza richiede oltre modo che, laddove si dissentisse sulle opinioni altrui si possa anche non rispondere: si fa certamente più bella figura.
    Nessuno ha minacciato o utilizzato terminologie scorrette, a parte loro. A ben vedere, c’è chi, come il SIGNOR FINETTI ha studiato sufficientemente la coniugazione del verbo avere, pur ignorando, come il collega REMIGI, il buon senso, l’eleganza e il confronto moderato. Caro SIGNOR FINETTI, Le voglio inoltre far notare che LIGABUE si scrive con la lettera maiuscola. Magari Le è sfuggito!

    Assicuro che la risultante della gradevolezza della persona, passa anche attraverso saper rileggere quello che si scrive. Rileggano, quindi.

    Spaventoso e pietoso da parte di queste persone non aver altri modi e lessico per affrontare il contenzioso.
    In questo senso, quando leggo certe cose, che siano insulti, offese o turpiloqui, mi duole pensare che queste persone siano pure gualdesi come la sottoscritta e/o magari attive in ambito politico- territoriale.

    ps Gentile Signor Remigi, sono io mi creda, che provo compassione per il Vostro Modus operandi.

    Concludo inviando alla Dott.ssa Monacelli i miei cordiali saluti,

    Monia TONI

    • enrico finetti scrive:

      Gentilissima Monia,
      credo che lei non mi conosca e pertanto non sa come sono caratterialmente.
      Sono una persona pacata e tranquilla, ma non mi faccio mai pestare i piedi da nessuno. Apprezzo molto questo suo intervento, anche se emotivamente fa solo sponda alle istanze del suo familiare. Ci mancherebbe altro. L’apprezzo perché lei propone di abbassare i toni ( non nel senso stretto del cognome….) , cioè dice quello che da diverso tempo stiamo tentando di fare noi.
      Se però si rilegge con attenzione i vari commenti, non le sfuggirà che il suo familiare, più volte invitato a documentarsi sull’argomento, punta solo a fare effetto con frasi tipo slogan. E questo no va bene. Se si interviene su argomenti così complessi ( e lo sono , glie lo dice uno che c’è dentro da anni ed in alcuni passaggi stento ancora ad interpretarne i significati, tanto sono intricati ) si devono criticare argomentando , non inveendo come tifosi alla partita di calcio.
      Se poi, oltre a ciò, mi si tira per giacca con frasi testuali ( anch’io le so ritrovare ) “interessi personali ” o ” beghe personali”, allora non ci sto più e se mi sono permesso quelle parole colorite, l’ho fatto per difendere la mia onorabilità. Certe illazioni ed insinuazioni sono ben più gravi, secondo me, di qualche uso inappropriato della lingua italiana .
      Ma di cosa state parlando. La mia vicenda professionale e personale è mia. Solo mia. Punto. Sul perché si sono interrotti i miei rapporti con l’azienda, credo non riguardi altri che il sottoscritto e l’azienda. Rapporti tra l’altro chiusi da oltre vent’anni con IMMEDIATA RICONSEGNA di tutti i fascicoli e faldoni, senza reciprocamente colpo ferire. Ma cosa si vuole insinuare? Capisco che creare la macchina del fango è oramai consuetudine degli schieramenti politici, costruita ad arte per screditare l’avversario. Ebbene, io non raccolgo.
      Ho sposato le sacrosante battaglie dei Boschettani proprio perché mi riconosco nelle loro istanze. Guarda caso che grazie al mio operato ed alla mia professione , nel mese di agosto del 2006 ho scoperto tutta questa enorme “magagna”. Ho dedicato tutto il mio tempo libero, le mie ferie ed anche qualche nottata, a ricostruire quello che oggi è a tutti evidente. Se permette, da Gualdese e da professionista, ne sono un pò orgoglioso. Come si dice , non si vive di solo pane . Come può intuire, questo mio modo di pensare non è proprio in linea con chi pensa ad indebiti arricchimenti, sfruttando massicciamente la natura ed il bene comune per eccellenza, cioè l’acqua. Se poi si tenta di farlo a discapito delle nostre amate sorgenti, allora metto ancora più energie in campo. Chissà che non sia questa la causa del divorzio…….
      Alludere che l’ho fatto per beghe o interessi, ovvero prossimi alla vendetta, come ho tentato di spiegarle, non lo permetto a nessuno.
      Bruno mi conosce e sa come sono fatto.
      La saluto, sperando di non aver trascurato maiuscole, che per pigrizia quasi mai utilizzo.
      Venga a qualche assemblea, c’è tanta gente per bene , non creda alle favole .

  15. Mario Rossi scrive:

    Sig. Enrico,
    per lavoro mi reco anche a Vicopisano, dove é noto che c’é la sorgente dell’acqua Uliveto, chiedendo informazioni se il Comune incassava dei soldi per lo sfruttamento della sua sorgente mi hanno detto che la ditta che imbottiglia questa acqua riconosce al Comune di Vicopisano un canone di imbottigliamento e che negli ultimi anni é andato addirittura ad aumentare.
    Incuriositomi ho trovato anche della docunentazione in merito, come una sentenza del TAR della Regione Toscana la nr.542 del 15 marzo 2012, che ha respinto il ricorso della Società titolare della concessione perché il Comune di Vicopisano aveva chiesto un adeguamento del canone da pagare.
    Nel 2013 il Consiglio di Stato conferma che è legittimo aumentare il canone di imbottigliamento disposto dal Comune:
    “è del tutto legittimo, poiché è ovvio che tanto maggiore è l´impatto del prelievo
    dell´acqua sugli interessi pubblici della comunità locale, tanto più elevati sono sia gli oneri diretti e indiretti sia il canone di concessione, non sussistendo alcun obbligo di rispettare un rapporto di proporzionalità inversa tra oneri diretti e indiretti (da un lato) e canone (dall´altro)”.
    Volevo chiederle se le leggi che regolano il pagamento di un canone per sfruttamento delle sorgenti é uguale in tutta Italia, perché qui a Gualdo non mi sembra sia stato mai riconosciuto nulla alla nostra comunità, se non sbaglio.
    Se fosse applicabile tale legge o leggi anche al nostro territorio il Comune di Gualdo Tadino avrebbe annualmente una cifra molto, ma molto importante da utilizzare per realizzare opere ecc.
    Forse la mia é un’analisi “tanto al metro” da prendere con le molle.
    Saluti.

    • enrico finetti scrive:

      Grazie per una domanda che arriva dall’esterno, altrimenti sembrava fatta ad hoc tra i soliti noti, poiché può fare chiarezza su alcune cose. Vicopisano è il Comune dove si imbottiglia l’acqua uliveto ed è la sede delle storiche terme.
      Il Comune percepisce annualmente canoni importanti in quanto gli stessi sono regolamentati da ciascuna regione .
      La nostra regione incamera per se il canone e dovrebbe stornare al nostro comune il 20% dell’introito. Mediamente la regione percepisce oltre 400.000 € di canone annuo e gualdo dovrebbe avere stornati almeno 80.000 € , dietro però la presentazione di progetti mirati. Da una serie di verifiche sembra che gualdo ha ottenuto una cifra strabiliante. Si tenga, complessivamente in tutti questi anni, ben 16.000 €…. ecco perché Gualdo è così fiorente e non risente della crisi. E’ grazie a questi introiti che non ci manca proprio nulla… A Vicopisano, ogni anno vengono realizzate opere pubbliche significative proprio grazie a questi introiti. Edifici di pubblica utilità, risanamenti del Lungarno, ecc.
      Sapevo del ricorso al TAR perché ho qualche amicizia lassù. Lì gli amministratori sono più accorti, poi la legge e la giustizia fa tutto il resto. Grazie a Dio la giustizia sta facendo quello che deve anche qui, anche se ancora è poco più di niente…
      Presto ci auspichiamo che le cose cambieranno, soprattutto per il rispetto che è dovuto ai padroni di casa quando ospitano qualcuno.
      Il nostro intento è ristabilire le regole, senza la cacciata di nessuno.
      So per certo che a Vicopisano cominciano ad esserci problemi con le Terme.
      Non vorrei che facessero la fine della nostra amata vecchia sorgente e attività limitrofe. Di sicuro lì i cittadini sono molto più attenti e partecipi, meno ammaliati di una parte dei nostri. Grazie per la sua domanda .

  16. Warriors scrive:

    Ah, dimenticavo, all’Anagrafe mi chiamo: COMBATTENTE Nato.
    COMBATTENTE di Cognome e NATO di Nome, con cio’ spero che passerai una domenica serena e rilassante…….

  17. Warriors scrive:

    Amici del Blog, forse sono rincoionito e non mi rendo conto di cio’ che scrivo. Mi potete aiutare ad individuare nel mio post un unico INSULTO ….o una unica MINACCIA!!!
    Grazie a chi mi vorra’ aiutare!!!!!

    • enrico finetti scrive:

      stessa cosa per me. io ho adottato un’altra tattica, anziché insulti ( come li definisce costui ), ho deciso di adottare l’indifferenza, che fa più male. Anche perché mentre noi interveniamo per condividere l’opinione di molti gualdesi, costui , chi rappresenta se non se stesso ? Andiamo avanti, come dice Guccini…… ho da far cose più serie……………………..

      • Marco Toni scrive:

        ahahahahahaha…..FINALMENTE “SIG” FINETTI è RIUSCITO AD ARRIVARCI….BRAVO! IO INFATTI RAPPRESENTO ME STESSO E TUTTI QUEI SEMPLICI CITTADINI CHE VORREBBERO DIRE LA LORO SU UNA VICENDA MOLTO DELICATA PER IL FUTURO NOSTRO E DELLA NOSTRA CITTA’, MA CHE INVECE SE PROVANO AD ALZARE LA VOCE VENGONO APOSTROFATI COME PERSONE INUTILI, DEPLOREVOLI, SENZA ARTE NE PARTE…. BRAVO!!! HA SCRITTO LA FRASE GIUSTA. E ME NE VANTO DI RAPPRESENTARE I CITTADINI QUALSIASI. CAPISCO CHE A LEI FA GOLA IL POTERE, MA LASCI STARE CHI NON LA PENSA COME LEI. INVITO WARRIORS A RILEGGERSI TUTTI I COMMENTI NEI PRECEDENTI ARTICOLI DI QUESTO BLOG…A COMINCIARE DA “WWF PERUGIA. LA MULTINAZIONALE ROCCHETTA, NON E’ UN INTERLOCUTORE PRIVILEGIATO” E POI NE RIPARLIAMO. DARE DELL’INUTILE, DEL COGLIONE NN è UN INSULTO? Sì FORSE HO ESAGERATO NEL TIRARE FUORI LE “MINACCE”… MA GLI INSULTI CI SONO E SONO MOLTO GRAVI, SPECIALMENTE DETTE DA CHI VORREBBE ANDARE A GOVERNARE. MA CMQ ….A QUALCUNO FA GOLA IL POTERE, A ME INVECE FA GOLA IL FUTURO DI QUESTA CITTA’. IL “SIG” FINETTI SCRIVE CHE HA DA FARE COSE PIU’ SERIE…..BRAVO!!! PENSI A COSE PIU’ SERIE, PENSI AL SUO LAVORO… E FACCIA IN MODO CHE IN QUESTO TERRITORIO MARTORIATO DALLA CRISI, SI CREINO NUOVI POSTI DI LAVORO X CHI NN CE L’HA. LASCI DA PARTE LE SUE RIPICCHE PERSONALI. PENSI DI PIU’ AGLI INTERESSI DI GUALDO! A DECISO DI ADOTTARE L’INDIFFERENZA? GRAZIE, NON HO BISOGNO DELLA SUA COMPRENSIONE! ANZI MI DA SPUNTO, PER CONSIGLIARVI AD ANDARE A VEDERE LA SPLENDIDA MOSTRA SU LIGABUE PER CAPIRE ALCUNI CONCETTI DELLA VITA.

        • Marco Toni scrive:

          HO TRALASCIATO QUALCHE “H”…MA SI CAPISCE

        • enrico finetti scrive:

          credo che le beghe personali le abbia proprio tu, saputello e muccolone . Se devo passare all’insulto come fai tu, trovi pane per i tuoi denti. Quando io ho visto mostre del ligabue, ed ho fatto km per vederle…..tu ancora non eri neanche nelle palle di tuo padre. cambia musica con questi interessi personali, che non regge più, ok? e impara ad usare le h , somaro !

          • Marco Toni scrive:

            ECCCCCOOOOLLLOOOOOOO……..COMPLIMENTI……SI E’ SVELATA LA SUA PIU’ TOTALE IGNORANZA, ARROGANZA, PRESUNZIONE….BRAAAVVOOOO!! CHE BELLA GENTE CHE CI VUOLE GOVERNARE!!!!

          • Marco Toni scrive:

            TROVI L’INSULTO…..FORZAAAA!!!

          • Marco Toni scrive:

            NN HO INSULTATO NESSUNO, NN HO ASSOLUTAMENTE INSULTATO NESSUNO…..COMPLIMENTI, OLTRE AD INSULTARE E’ ANCHE MOLTO, MA MOLTO MALEDUCATO, AI LIMITI DELLA DECENZA….CHAPEAU!!!

  18. massimiliano barberini scrive:

    …no comment!

  19. warriors scrive:

    Sono anche io un iscritto alla Comunanza Agraria ed allora??????Mi sono iscritto volontariamente senza alcuna costrizione, perché condividevo e condivido tuttora le loro idee ed i loro propositi e allora???? Di TALE iscrizione ne vado fiero, me ne vanto e ne sono orgoglioso ed allora?????Questa Comunanza Agraria e’ stata riconosciuta giuridicamente da chi di dovere, nonostante le forti resistenze politiche, istituzionali e di lobby speculatrici……..La nostra giustizia ha certificato ufficialmente la sua esistenza, gli ha riconosciuto le sue proprietà e ne ha convalidato i suoi organi rappresentativi. Di ciò si deve, nolenti o dolenti, prendere atto e comportarsi di conseguenza!!!!Io sono anziano e ne ho viste e sentite di cotte e di crude, non ti conosco, non so chi sei e non ho mai condiviso con te neppure un goccio d’acqua (tanto per stare in argomento) e allora?????
    Allora……… te lo dico: Io come gli altri iscritti alla Comunanza Agraria meritiamo ed esigiamo da te RISPETTO!!! Le idee e le opinioni possono essere divergenti e contrarie ma nessuno si può permettere di deridere e sfottere gli altri perché non la pensano come lui…..Il tuo gergo espressivo mi fa venire in mente una persona che per accattivarsi le simpatie dell’interlocutore, nel dialogare, esordiva con questa frase, dandogli del Voi: ” SCUSATE SE L’IGNORANZA MIA NON SUPERA LA VOSTRA” , frase ad effetto e roboante che addolciva il comportamento dell’interlocutore ma poi nei contenuti……..Tanto ti dovevo, egregio paladino dell’arroganza e del non rispetto altrui!!!!!!

    • Marco Toni scrive:

      ECCONE UN ALTRO….INSULTI…..MINACCE……ECC
      L’arrogante sarei io?

      Prima di tutto togliti la” MASCHERA”warriors…

  20. Marco Toni scrive:

    Ahh.. è iscritto…………..SI VEDE!!

  21. Mario Rossi scrive:

    Infatti nessuno la obbliga a rispondere, per mio conto ne può fare benissimo a meno, ha troppo del “capisciotto” per dirlo alla gualdese, chi troppo sa a volte…

  22. Mario Rossi scrive:

    Sig. Toni,
    se voglio parlare con i coglioni parlo con i miei che conosco da qualche anno.

  23. Mario Rossi scrive:

    Sig. Enrico,
    può cortesemente dirmi quanti utenti ed iscritti siamo nella Comunanza?
    con questa storia dei quattro gatti mi sono rotto i “cocones”.
    La saluto e ringrazio.

    • Marco Toni scrive:

      OHHHHHHHH finalmente, cominciamo a dare i numeri!!

    • enrico finetti scrive:

      ad oggi siamo ben al di sopra di 400 capi famiglia, ovvero rappresentiamo circa 1300 gualdesi ( con una media di 3 persone a famiglia )…. ma dopo i recenti eventi c’è stata una cospicua richiesta di nuovi iscritti che a breve perfezioneremo. Caro sign. Rossi, è ben noto che i gatti sono molto prolifici….

      • Marco Toni scrive:

        Bene su….. 15000 persone!!! Cmq per 5 persone….intendevo i vertici della comunanza….coloro i quali si sono mossi per riattivarla. E a proposito di numeri, mi risulta che le comunanze agrarie siano presenti nei piccoli paesini dove vi è una bassissima percentuale di popolazione. Quindi ho molte perplessità sulla rappresentatività, ma qua ci vorrebbe un “luminare” della Scienza Politica come Giovanni Sartori.

  24. Marco Toni scrive:

    Date la parola al popolo!! E’ il popolo che deve decidere…nn 5 persone.

    • Francesco Troni scrive:

      Ma Lei ci è venuto all’assemblea?
      Sa cosa ha detto Mauro Guerrieri quando ha parlato di legnatico, in risposta ad una persona interessata a questo argomento e che ha fatto alcune osservazioni?
      Sa cosa ha detto la presidentessa Nadia Monacelli circa la gestione dei beni, riferendosi alla natura degli stessi, e spiegando chi è che deve prendere le decisioni e chi, poi, deve essere effettivamente operativo per portarle avanti?
      Ben inteso, non difendo nessuno. Riporto solo i fatti.
      Poi dico anche che nei confronti di questa cosa della Comunanza sono molto critico:
      1 – E’ veramente una cosa buona come vogliono farci credere?
      2 – Se è “buona”, quanto tempo ci metterà a trasformarsi da “buona” a cattiva”?
      Per ora non so rispondere a nessuna domanda. So solo che non sono riuscito a trovare nulla di particolarmente “cattivo”. Per questo, dopo averla seguita con attenzione da esterno, ho deciso di iscrivermici per prendere parte alla gestione di tutta la “baracca”.
      Nel momento in cui rimarrò shifato da tutto ciò, lo dirò senza problemi e metterò in guardia tutti motivando le mie osservazioni.

      • enrico finetti scrive:

        caro francesco, c’è chi non trova pace , apre la bocca e gli dà fiato, tanto per avere , per lo meno presume, un pò di palcoscenico. Per me chi è assente e non si informa, ha sempre torto, soprattutto se poi manca anche chi può informarti. La stampa locale non è assolutamente all’altezza. Si presenta alle inaugurazioni delle cucce per cani e non informa e tanto meno partecipa ad assemblee che per la città significano un ritorno alla legalità. D’altronde è lo stesso vizio della cronaca a livello nazionale. Poi ci stupiamo se nella classifica mondiale scendiamo ogni volta ( adesso siamo al 77° posto…. dietro a paesi del terzo mondo e di regimi dittatoriali ). Ieri sera è stata data una lezione di professionalità, stile, legalità e di democrazia, grazia all’immane sforzo di persone tignose nel perseguire l’obiettivo il ripristino della vera gualdesità. Per fortuna, nonostante gli ostacoli comunicativi, la sala era piena. Il popolo, per chi ancora non l’ha capito, condivide il percorso intrapreso da quei quattro gatti. Segno che hanno imboccato la strada giusta ………..

        • Marco Toni scrive:

          Caro signor Finetti, se pensa di chiudermi la bocca si sbaglia alla grande….dovrà passare sul mio cadavere x azzittirmi. Io nn ho bisogno di nessun protagonismo caro mio: nn sono iscritto a nessun partito! Ancora la butta su sta questione. Evidentemente fa scomodo che qualche cittadino qualunque metta la propria faccia in queste beghe personali. L’unico scopo Suo e della Sua comunanza è chiaramente sotto gli occhi di tutti: distruggere in ogni modo l’azienda Rocchetta!!! Questo è il vostro obiettivo. Tutto gira intorno a questa vicenda, strumentalizzando la questione sotto il profilo della legalità! Cita i regimi dittatoriali ebbene voi vi avvicinate molto a questi regimi, visto che offendete, minacciate e trovate scuse x nn rispondere. Dice che il popolo condivide questo percorso? Bene, facciamo un referendum, fateci decidere….cominciate a raccogliere le firme!

          • enrico finetti scrive:

            caro marco toni, tu vai sempre sul personale, quando invece io parlo in modo generico . per caso hai fobie di vittimismo ? comunque stai tranquillo, il sottoscritto non vuole affatto cacciare l’azienda, anche perché l’acqua sta a Gualdo e non può essere imbottigliata con questo marchio, tanto per dire, neanche a nocera o fossato. Io , come tanti altri, voglio solo ripristinare la legalità, come era fino al periodo della sign. Varnelli. Questo, che ti piaccia o no. In quanto al referendum che stai sbandierando da tempo, fai una bella cosa, siccome noi abbiamo tanto da fare, per la raccolta firme gira tu . Ti auguro un buon lavoro e di trovare tanti gualdesi pronti a firmare a braccia aperte. Io ho qualche dubbio in merito …..
            P.S. Fammi la cortesia, non andare più sul personale.

      • Marco Toni scrive:

        Francesco Troni ho già ampiamente scritto come la penso…..io riconosco il COMUNE DI GUALDO TADINO come mio rappresentante.

        • Marco Toni scrive:

          VITTIMISMO????? Oddio mi viene da ridere, ma qua siamo veramente al ridicolo!!! Cmq Lei è bravo a rigirare la frittata. Forse ormai nn Sa più dove attaccarsi….ma va bè!! La comunanza chi l’ha voluta, io? Siete voi che l’avete ritirata fuori…..è voi che vi dovete occupare di raccogliere le firme!!! Lei nn vuole cacciare l’azienda? Nn penso proprio! Mi risulta che lei ha appoggiato la vicenda Rio Fergia, ho sbaglio? Cmq se togli le concessioni quelli chiudono!!! Continuate a strumentalizzare la vicenda buttandola su una questione di legalità!!! Solo a Gualdo siamo in mezzo all’illegalità????? Mmmahhh

  25. massimiliano barberini scrive:

    Inviterei volentieri un ex Sindaco che volle così bene a Rocchetta (si ricorda Boschetto ed in particolare l’indimenticabile serata al ristorante Roseto?).

  26. Francesco Troni scrive:

    Nadia, ma anche qualunque altro membro del consiglio, un conto è venire all’assemblea perché è aperta a tutti, ed un altro è intervenire.
    Mi riferisco, in particolare, all’ultimo punto dell’ordine del giorno in cui c’è scritto “Interventi diretti degli Utenti Monte”.
    Io questa voce la interpreto così: Sono Utente Monte, quindi se voglio dire qualcosa posso dire quello che ho da dire.
    Ammesso che io abbia ben interpretato il punto in questione, le mie domande erano: Anche chi non è Utente Monte ha la possibilità di parlare? Se si, con quali modalità?

    Scusa(te) la mia puntigliosità e grazie per la pazienza.

    • MAURO GUERRIERI scrive:

      Caro Francesco, per dovere statutario sono state inviate le lettere ai soli Utenti Monte, comunque l’Assemblea è aperta a tutti i cittadini Gualdesi ed è pubblica. Ogni cittadino che partecipa all’Assemblea, che sia Utente Monte o che non lo sia ha la possibilità di fare interventi ed ottenere risposte, purché siano attinenti agli argomenti trattati. Ci sarà modo di prenotarsi per intervenire, in modo da organizzare una scaletta organica.
      L’unica cosa che distingue il semplice cittadino o avente diritto dall’utente Monte regolarmente iscritto alla Comunanza Agraria è il diritto esclusivo di voto. Tale diritto dell’utente Monte va esercitato quando nell’ordine del giorno dell’Assemblea vi è un argomento che statutariamente richiede una votazione ed una maggioranza oppure per eleggere gli organi rappresentativi in seno alla Comunanza stessa.
      Per questa Assemblea, non si prevedono votazioni e pertanto tutti i partecipanti hanno lo stesso diritto di intervento e di risposta.
      Preciso ancora che gli interventi dovranno essere inerenti ai punti in discussione e citati nell’ordine del giorno senza divagare su problematiche e polemiche esterne alle attività istituzionali della Comunanza. Cio’ sara’ valutato ad insindacabile giudizio del Presidente dell’Assemblea.
      Spero di essere stato preciso ed esauriente, grazie per le domande da Te fatte.

  27. Nadia Monacelli scrive:

    L’Assemblea è aperta a TUTTI, in particolare a TUTTI i gualdesi.

    INTERVENITE NUMEROSI!

    Grazie Francesco!

  28. Francesco Troni scrive:

    Ma se uno non è Utente Monte, può intervenire ugualmente al pari dell’Utente Monte?
    Nel caso possano intervenire anche i non Utenti Monte, con quali modalità possono farlo?

I commenti sono chiusi.