Dall’Istituto “Casimiri”: appuntamento con la Storia

“Non si può dividere il cielo” è il titolo della lezione con cui, nella mattinata di venerdì 8 novembre, all’Istituto Casimiri è stata commemorata la caduta del Muro di Berlino, di cui ricorre quest’anno il trentennale. Nell’ambito del progetto “Peer- Lezioni di storia in interclasse”, sono stati alcuni degli stessi studenti delle classi quinte del Casimiri a organizzare e coordinare la lezione rivolta ai loro coetanei, diventando veri e propri protagonisti del processo di insegnamento-apprendimento.

Durante la lezione, corredata da diapositive e colonne sonore d’epoca, gli studenti hanno ricostruito il contesto storico che ha portato alla costruzione del Muro e le conseguenze che esso ha avuto per ventotto anni sulla quotidianità della popolazione tedesca – i tentativi di superamento finiti in tragedia, le fughe clamorose, le vittime Italiane – per poi arrivare alla serie di eventi che, il 9 novembre 1989, innescarono la distruzione del Muro, materialmente avvenuta qualche tempo dopo. Nella parte conclusiva della lezione, la riflessione si è spostata sull’attualità, introducendo riferimenti ai tanti muri che ancora oggi sussistono in numerose realtà del mondo; nel finale, di grande impatto emotivo sulla platea degli studenti è stato il filmato relativo al celebre “Ich bin ein Berliner”, pronuciato dal presidente statunitense John Fitzgerald Kennedy a Berlino il 26 giugno del 1963.

Nel corso dell’anno scolastico all’istituto “Casimiri” verranno organizzate altre lezioni commemorative coordinate dagli studenti delle quinte classi: il prossimo appuntamento con la Storia sarà il 12 dicembre, in occasione del cinquantenario della strage di Piazza Fontana; seguiranno, a partire dal gennaio 2020, il centenario dell’Appello “ai liberi e forti” di don Luigi Sturzo, la giornata della Memoria e il giorno del Ricordo.

Istituto “R. Casimiri”

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *