“Damask Majolica” di Maurizio Tittarelli Rubboli in mostra a Venezia

"Damask Majolica" di Maurizio Tittarelli Rubboli in mostra a VeneziaSi svolgerà a Venezia dal 14 al 30 settembre la manifestazione “Homo Faber” presso la Fondazione Giorgio Cini, sull’isola di San Giorgio Maggiore. La mostra, a cura della Michelangelo Foundation di Zurigo in collaborazione con la Fondazione Cologni Mestrieri d’Arte di Milano, ospiterà opere di importanti maestri artigiani selezionati in tutta Europa. Sarà visibile una vasta gamma di materiali e discipline, dai gioielli alle biciclette su misura, dalle più rare tecniche artigianali ad alcuni esempi rappresentativi della migliore lavorazione europea.

Il manufatto “Damask Majolica” del nostro concittadino Maurizio Tittarelli Rubboli è stato selezionato per far parte dello spazio “Best of Europe”, progettato e a cura di due figure acclamate nel mondo del design, Jean Blanchaert e Stefano Boeri. Una delle sale più grandi della mostra diventerà un viaggio nel cuore della migliore arte europea. I visitatori saranno così in grado di apprezzare gli oggetti raffinati creati appositamente per l’evento e osservare l’abilità dei maestri artigiani in tempo reale e da vicino.

Il lavoro di Maurizio Tittarelli Rubboli è stato scelto dai due curatori con questa breve motivazione: “qualità, bellezza e pertinenza dell’opera”.
Con “Damask Majolica” il ceramista gualdese ha cercato di riprodurre su ceramica le antiche stoffe damascate veneziane, combinando i riverberi del lustro oro con l’opacità della terracotta, riuscendo a creare un oggetto di ricerca contemporaneo che affonda le sue radici nella più antica tradizione della tecnica del lustro.

L’evento di risonanza mondiale ha avuto larga eco anche negli Stati Uniti con un interessante articolo sul New York Times

https://www.nytimes.com/2018/09/03/arts/venices-debut-homo-faber-exhibition-promises-two-weeks-of-multimedia-artisanship.html

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ceramica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.