Discalculia: la difficoltà nell’apprendimento della matematica

Discalculia: la difficoltà nell’apprendimento della matematicaDiscalculia o apprendimento difficile?
L’importanza di una FORMAZIONE DI QUALITÀ
Il CAS di Gualdo Tadino (Consorzio Autonomie Scolastiche), in collaborazione con il Centro Studi Mondo Giovanile e con il patrocinio del Comune di Gualdo Tadino, organizza martedì 2 dicembre alle ore 15:00 – presso il Cinema Teatro ‘Don Bosco’ – l’incontro formativo “NUMERI E CALCOLO: ISTRUZIONI PER L’USO – Intelligenza numerica, motivazione e potenziamento delle abilità matematiche”.
Interviene come relatore il Prof. Mario Perona, ingegnere e docente di Matematica nella scuola superiore, collaboratore del Polo Apprendimento diretto dalla prof.ssa Daniela Lucangeli e Borsa di Ricerca presso l’Università degli Studi di Padova. Parteciperà ai lavori, inoltre, la Dott.ssa Sabrina Boarelli (Dirigente Tecnico Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria). Oggi la ricerca neuropsicologica dimostra che “nasciamo predisposti all’intelligenza numerica” ma la Scuola italiana è significativamente sotto la media nel punteggio in matematica (Ocse-Pisa 2009). Molti bambini a 8 anni presentano un profilo di ‘discalculia’, pur non essendo affatto ‘discalculici’: perché tante difficoltà nell’apprendimento di questa materia? Le scienze cognitive ci suggeriscono che l’errore sta nel metodo, la didattica della matematica non è appropriata ai processi di apprendimento coinvolti.
L’evento rientra nell’ambito del progetto PREVENIR@BILITARE 2014-2015, il risultato di una collaborazione ormai consolidata – tra insegnanti, genitori ed esperti – iniziata nel 2006. L’intervento che coinvolge insegnanti, genitori e bambini della Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado delinea un chiaro percorso di gestione dei DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento): dal sospetto alla diagnosi, al supporto didattico e specialistico ed alla valutazione personalizzata).
Il successo ottenuto dimostra ancora una volta che, solo attraverso una progettazione condivisa e valorizzando tutte le risorse del territorio, siano esse pubbliche o private, è possibile  migliorare la qualità dei servizi offerti alla persona.

Ingresso libero. Disponibilità limitata. La partecipazione è garantita fino ad esaurimento dei posti  con priorità in base all’ordine temporale di iscrizione. Le richieste devono essere inviate al seguente indirizzo diposta elettronica: pgic8470004@istruzione.it

CAS di Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.