Enrico Vittorini: nessun interesse per l’Ex Ospedale Calai

Enrico Vittorini :mai avuto interesse per l’area dell’Ex Ospedale CalaiLa questione dell’ex Ospedale Calai continua a capeggiare da giorni nei mezzi di informazione, riportando pensieri che nulla hanno a che vedere con la realtà dei fatti, in particolar modo sul presunto interesse da parte di un imprenditore ad investire nell’area suddetta. Ebbene l’imprenditore in questione, il dott. Enrico Vittorini proprietario del Presidio Ospedaliero Villa Letizia Srl, è uscito allo scoperto ed ha tenuto tramite una missiva indirizzata al Sindaco Presciutti in data 17-02-2016 a smentire inequivocabilmente ogni suo interesse per l’area dell’Ex Ospedale Calai (Documenti allegati a fine comunicato).

Questo il pensiero del Sindaco Massimiliano Presciutti sulla vicenda.

“Avrei volentieri fatto a meno di alimentare una vergognosa polemica basata su palesi menzogne costruite ad arte da chi vuole continuare a prendersi gioco dei cittadini, ma ora basta! La documentazione tecnica composta da ben 3 elaborati è stata consegnata lo scorso 14 aprile 2015, quindi mente sapendo di mentire chi continua ad asserire che non esiste documentazione tecnica. Chiunque voglia confutarne i contenuti non può farlo con le chiacchiere ma deve produrre analoga documentazione che possa asserire il contrario, cosa che ad oggi non è mai stata prodotta da nessuno, ciò rappresenta il segno più evidente della validità della medesima. Pertanto i giudizi politici sono tutti rispettabili, seppur non condivisibili, le bugie e le falsità no. Noi ci abbiamo messo la faccia, attraverso una scelta politica supportata da elementi di natura tecnica e di forte impatto economico e sociale per la città di Gualdo Tadino. Per la prima volta dopo 10 anni di nulla saremo in grado di riaprire l’Ex Ospedale Calai, rivitalizzare l’intera area con risorse finalmente certe pari a 2,5 milioni di euro provenienti dalla Regione Umbria, cui si andranno a sommare quelle che ricaveremo dall’alienazione di tutto il patrimonio dell’Asl insistente nel territorio di Gualdo Tadino. Noi non raccontiamo bugie, al contrario di chi ha voluto dire ai cittadini un’altra colossale menzogna, anche in questo caso comprovata dai documenti. Mi riferisco al tanto sbandierato presunto investimento da parte di un imprenditore del ramo sanitario per creare presso l’Ex Ospedale Calai una “Clinica privata convenzionata con la Asl”, che secondo qualche ben informato il sottoscritto e la Regione Umbria non avrebbero preso in considerazione. Trattasi nella fattispecie del Presidio Ospedaliero “Villa Letizia Srl” con sede presso L’Aquila, che come si evince dai documenti di seguito allegati ha confermato tramite il suo Proprietario, il dott. Enrico Vittorini, in maniera inequivocabile la non disponibilità a portare avanti il progetto presentato per la non convenienza economica dell’operazione, sia per gli investimenti da mettere in campo, sia rispetto ai ricavi che non avrebbero potuto affrontare un piano di ammortamento adeguato. Continueremo pertanto nell’importante lavoro che stiamo portando avanti in maniera onesta, trasparente e senza prendere in giro i cittadini, mantenendo la promessa rivolta ai gualdesi di riconsegnare una parte della città più bella e con più servizi, dopo 10 anni di chiacchiere che non hanno portato risultati. Questi sono i fatti ed i documenti in nostro possesso. Le menzogne e le bugie le lasciamo volentieri ai professionisti della chiacchiera”.

In allegato al comunicato sono presenti le missive in questione:

  1. Missiva del Sindaco di Gualdo Tadino al Dott. Enrico Vittorini
  2. Risposta del Dott. Enrico Vittorini al Sindaco Massimiliano Presciutti

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Enrico Vittorini: nessun interesse per l’Ex Ospedale Calai

  1. enrico finetti scrive:

    per i morbosi del gossip. siccome vivo del mio lavoro ho potuto constatare solo ora quante castronerie si stanno scrivendo, molte senza la cognizione di causa, come al solito. per farvene una buona idea, tranquilli, domani pubblico tutto, relazione del progetto vittorini, con date e ricevute mail, protocolli comunali, resoconto dell’incontro a perugia, opportunità presso il ministero…ecc, comprese le frasi contenute anche nello streaming del consiglio straordinario del 26 gennaio del sindaco, raffrontata con quanto scritto, molto tardivamente ieri l’altro, vi farà capire chi dice bugie ( menzogne sono parole oltretutto offensive degne di una più opportuna prossima valutazione…). Tirare per la giacca chi lavora nei circuiti asl , non cambia la sostanza oramai. Tra l’altro nei miei precedenti interventi avevo già preannunciato che Vittorini ( io lo chiamavo semplicemente “investitore” ), aveva già fatto altre scelte altrove per motivi di opportunità imprenditoriale…..ottobre era troppo lontano ormai.

  2. Bazzucchi Enzo scrive:

    come disse max gazzè-più basso di così cè solo da scavare.non lo dico al sindaco ma a te caro cittadino.come quelli del movimento a 5 stelle è sempre colpa degli altri,mai una volta che si ammettono le cazzate.bel paese questo.ma su 16 mila de gente che semo,ce ne sarà uno che c’ha colpa de tutto stò merdaio?

  3. cittadino scrive:

    Egregio(?) sign. Carlo Calisti, ma questo nome di codesto imprenditore da che cilindro è uscito fuori??????
    Come ebbi modo di dirle tempo fà, LEI è sempre l’ultima ruota del carro!O Carletto tu che sei negli ambienti “stretti”(hahhaah) dell’amministrazione gualdese, è vero che questo imprenditore citato sopra si era interessato anche per rilevare la Rocchetta e la Tagina, Pacchini e il distributore dell’ AGIP???
    Se non sbaglio, la LEGA, magari andiamo a rileggerci l’articolo, non ha mai specificato nessun nome e cognome e nemmeno nessuna azienda in particolare!
    E SE L’USCITA DI CUI ALL’ARTICOLO FOSSE TUTTA UNA BUFALA! Chi è costui, chi lo conosce, e se fosse solo pubblicità?
    Arriva uno a Gualdo che ci viene a dire : cari gualdesi c’è um mormorio che mi accosterebbe all’ex Calai, ma io non sono interessato. Bhè io nutro forti dubbi.Oggi per la pubblicità si fà di tutto!

    Pensa che c’è un azienda multinazionale che mi vorrebbe(sono venuti a Gualdo in ginocchio) per un lavoro molto particolare. Fammi il piacere fai circolare la voce!Dice che tu sei richiesto per fare il body gard di Putin, ovviamente non te preoccupà io faccio circolare la voce.

    MA MI FACCIA IL PIACEREEEEEEE (cit. Totò)

    Io penso che capiti solo sotto questa amministrazione che un bell’imbusto scriva una missiva per dire che non gne frega un c..zo de Gualdo, e il sindaco ne faccia una bandiera da far emergere sui tutti i social gualdesi, compresi i quotidiani !
    Te ricordi( me sembra) il TABAZZISMO, cioè quello che se dava le bottigliate sulle palle???Bhè siamo su quei livelli.

  4. Carlo Calisti scrive:

    Vi basta? Non replica nessuno? Allora siamo condannati a “Il silenzio degli innocenti”.

I commenti sono chiusi.