Grandi novità per i Giochi de le Porte 2017

Grandi novità per i Giochi de le Porte 2017

Foto: Archivio Daniele Amoni

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giochi de le Porte e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Grandi novità per i Giochi de le Porte 2017

  1. massimiliano barberini scrive:

    Oh : nte offenne! ma ho letto di là su Gualdo News de sto comitato me pare de legge ‘n commento tuo,tale e quale : sarà ‘na coincidenza?

  2. massimiliano barberini scrive:

    Per Enzo : mo’ sò chi c’è a capo del neonato comitato! Il lupo perde il pelo ma non il vizio…eh! Ciao

  3. massimiliano barberini scrive:

    In maniera gentile,come è stato lei,mi piacerebbe pensare ad una ripresa economica gualdese in generale,il ritorno di un “Angelo Barberini” che aiuti finanziariamente una bella e importante manifestazione gualdese come i Giochi delle Porte,solo perchè vuole bene a Gualdo Tadino. Questo per far capire che a questo paese chi in,un modo o nell’altro,GUALDESE,si adopera per un suo futuro migliore (magari su posizioni opposte) và comunque rispettato e non cedere ad eccessiva”esterofilia” (tendenza anche questa gualdese). Chi in questa terra non c’è nato e vissuto è normale che gliene freghi relativamente.

  4. massimiliano barberini scrive:

    …è una speranza con su niente scritto e con una Natura che inquadriamo troppo nei nostri semplicistici schemi. La saluto!

  5. massimiliano barberini scrive:

    Ripeto la domanda in modo più semplice e chiaro perchè potrebbe essere benissimo una variante del futuro : se l’azienda Rocchetta un giorno,chissà per quale motivo,decide di non sponsorizzare più i giochi delle porte (alla fine loro fanno i loro,giusti,interessi;non penso che l’Ente abbia un contratto venticinquennale,rinnovabile a seguire,come loro hanno con le concessioni) li troveremo i soldi per rimanere nel centro storico e richiamare così tanta gente? Grande punto di domanda.Questa è una possibilità che non si vuole prendere in considerazione ma nel futuro,chissà,potrebbe benissimo verificarsi. Io,ribadisco,la Rocchetta non la condanno in quanto è una multinazionale che deve fare profitto (non stà qui perchè gli piace l’aria di Gualdo;fanno il loro mestiere,ma non penso che concedino per niente in cambio). Io mi auguro che per l’eternità ci sia acqua a Gualdo Tadino e che la Rocchetta,di conseguenza,sponsorizzi per sempre i Giochi delle Porte. Che dire : SPERIAMO!

    • micumicu scrive:

      Vorrà dire che una volta che la risonanza della manifestazione avrà raggiunto il carattere nazionale, la stessa sarà torverà anche sostenibilità economica e si svincolerà da sussidi esterni.
      Semplicemente a quel punto dovrà essa stessa essere gestita come un’azienda.
      Ma questo è a mio avviso – almeno oggi – un non problema e per questo mi sono permesso di dare il mio umile contributo a questo forum leggendo una certa vena polemica.
      Cordiali saluti

  6. micumicu scrive:

    Signor Barberini è mai possibile che occorra fare sterile dietrologia anche alla luce di un comunicato incredibilmente positivo come questo? Io non ci leggo propoganda a favore del cattivo “succhiatore abusivo d’acqua” ma piuttosto un comunicato (la definizione di comunicato è chiara) in cui il cittadino Gualdese viene edotto del fatto che 5 milioni di brochure circoleranno per tutto il suolo nazionale e daranno una risonanza senza precedenti all’evento Settembrino oltre che a tutto il territorio.
    Punto.
    Non era forse anche questo uno degli obbiettivi dell’auspicata sinergia costruttiva azienda-territorio che si voleva instaurare, ovvero utilizzare la importante cassa di risonanza che l’azienda dell’acqua rappresenta quale vettore per pubblicizzare la nostra amata Gualdo?
    Mha

  7. massimiliano barberini scrive:

    ALLIBITO : guarda oltre che esiste altro al mondo!

  8. massimiliano barberini scrive:

    Sono entrato nel CAMPO MINATO . Che cazz. c’entra il ricorso al Tar? Non mi va di fare nomi e cognomi ma mi sembra di aver letto nel comunicato che se non ci fosse il sostegno economico di QUALCUNO i Giochi rischierebbero di essere fatti al campo sportivo. Non che mi piacerebbe vederli al campo sportivo,ma di questa OSCENITA’ (ed io reputo che ce ne siano altrettante e più importanti) se ne sentiva parlare diversi anni fa (forse tu allibito – ma de chè! – sei troppo giovane).

  9. Mario Rossi scrive:

    E’ scoppiato l’amore tra lo sfruttato e lo sfruttatore, quanto durerà?
    finché l’acqua non li separi.

  10. massimiliano barberini scrive:

    Premetto che non voglio essere un rompiscatole e mi rendo conto di entrare in un campo minato,o quasi,ma le mie vogliono essere solo considerazioni e non critiche ai Giochi delle Porte. Ci rendiamo tutti conto che i Giochi stanno entrando dentro una spirale sempre maggiore dovuta al suo naturale crescere e alle complicazioni,consideriamole burocratiche,che mano a mano sorgono con relativi aumenti di oneri. Ma una domanda mi sorge spontanea : e se un giorno Rocchetta non dovesse essere più sponsor? Non è detto che possa essere eterna per eventualità che posso solo ipotizzare e,definiamole,anche naturali (fino a quando ci sarà acqua per tutti? Una possibilità che bisogna sempre considerare – qualcuno dirà : che palle questo! – malgrado il nostro innato ottimismo che fa poco i conti con la realtà) Saremo capaci di tornare indietro? Ho letto che nell’eventualità i Giochi dovrebbero svolgersi al campo sportivo,certo brutto,ma se ne parlava già tanti anni fa. Come gualdese auguro lunga vita ai Giochi delle Porte,ci mancherebbe,ma non vorrei che “la macchina” superi il gioco dei suoi ingranaggi,trovandoci,in futuro,con un mucchietto di polvere in mano…e scusate il pessimismo ma sono fatto così!

  11. Allibito scrive:

    Bene… noto che il ricorso al TAR fa miracoli !!

    PS: ” …ed è dunque fondamentale l’apporto che da anni dà Rocchetta alla festa. Senza questa collaborazione i giochi de le porte sarebbero svuotati in merito a tradizione e cultura ” S E N Z A P A R O L E Comunicato delirante!!

  12. massimiliano barberini scrive:

    Almeno speriamo che quei tre giorni i giardini pubblici saranno all’altezza. Grazie

I commenti sono chiusi.