Gualdo Tadino saluta Carlo Biscontini

Gualdo Tadino saluta Carlo BiscontiniGualdo Tadino saluta Carlo Biscontini, uno dei grandi personaggi gualdesi della nostra città nella seconda metà del ‘900, e non solo. Ostetrico (ha esercitato la sua professione presso l’ospedale Calai di Gualdo), Carlo si è fatto apprezzare e ben volere, oltre che per la sua professionalità, per la sua innata simpatia e disponibilità. Ma è nel campo dell’arte che il ricordo di Carlo Biscontini rimarrà indelebile nel ricordo dei Gualdesei. Per anni abbiamo associato, ed assoceremo, il nome di Carlo a quello del teatro. Dicevi teatro e pensavi a Biscontini. Attore brillante, capace di tenere la scena come pochi, è nella regia che Carlo ha dato il meglio di sé. La messa in scena di commedie anche famose e di autori famosi, come De Filippo, ha avuto, con Biscontini, sempre una caratterizzazione personale per quella sua grande capacità di contestualizzare le situazioni in scena alla realtà dell’ambiente in cui venivano rappresentate. Ed il pubblico ha sempre apprezzato. I lavori della Filodrammatica Dialettale Gualdese (di cui Carlo era Presidente e regista) sono sempre stati seguite da un gran numero di spettatori.
Oggi è il triste momento dell’addio. Carlo ha lottato finché ha potuto, poi, come tanti altri, si è arreso di fronte all’inesorabilità della malattia. Rimarrà in tutti noi una grande nostalgia per la bella persona che abbiamo conosciuto e per il gran divertimento che ci ha regalato e che ci avrebbe regalato ancora. L’augurio è che qualcuno dei suoi molti allievi (preziosa la sua opera con la Filodrammatica Giovanile) ne raccolga il testimone così come ebbe la capacità di fare Carlo quando i primi protagonisti del “Su e giù per Gualdo”, piano, piano, per l’inesorabilità del tempo che passa, lasciarono il palcoscenico.

Riccardo Serroni

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Gualdo Tadino saluta Carlo Biscontini

  1. maurizio biscontini scrive:

    Il migliore omaggio a Carlo è stato il vociare dei giochi dei ragazzi dell’Oratorio che gli giungevano sul palcoscenico che ha amato tutta la vita.
    Ciao Carlo, ogni tanto, tra un tempo ed un altro, dà un sacchetto de poppecorne alla Madonna e SanGiuseppe, dije che tardi ‘n attimino che devi gì da ‘sti gualdesi a faje tornà un po’ de bonumore!

I commenti sono chiusi.