I Simposi del Rinascimento Eclettico di Gualdo Tadino

I Simposi del Rinascimento Eclettico di Gualdo TadinoIniziano giovedì 12 ottobre alle 17, nello scenario ineguagliabile della Sala della Città della Rocca Flea, i Simposi, una serie di quattro seminari sul Rinascimento, ultimo appuntamento culturale del primo anno della stagione artistica iniziata nel dicembre 2016 con un concerto di musiche rinascimentali e approdata al teatro Don Bosco con spettacoli sulla commedia dell’arte, L’Avaro di Molière e la Mandragola di Machiavelli.

I Simposi si avvalgono del riconoscimento scientifico di due alte istituzioni umbre: l’Università degli Studi di Perugia e l’Ordine degli Architetti della provincia di Perugia. All’inaugurazione del 12 ottobre interverranno Antonio Pieretti, presidente del comitato scientifico del progetto Rinascimento Eclettico, Fabio Pasquarelli, assessore alla cultura del Comune di Gualdo Tadino, e Maria Luisa Guerrini, presidente dell’Ordine degli Architetti della provincia di Perugia.

Intorno all’area tematica del pensiero classico come l’Utopia, sviluppata da Roberto Gatti introdotto da Gianni Paoletti, i seminari di studio intendono favorire una messa a fuoco delle “ragioni moderne” del vivere. Sull’impostazione dell’architettura civile di Gualdo Tadino, città nuova federiciana dal Medioevo al Rinascimento, interverrà il 19 ottobre Nello Teodori introdotto dall’assessore alla cultura Fabio Pasquarelli. Il 26 ottobre Alessandro Tinterri, docente di Storia del Teatro e dello spettacolo dall’Unipg, introdotto da Oriana Scapeccia, tratterà degli aspetti del teatro rinascimentale e dei prodromi drammaturgici che raggiungono i Sei personaggi di Pirandello. A chiusura del corso, il 9 novembre, sulla musica e il teatro, sarà Marco Jacoviello, storico della musica alla LUMSA, Università di Roma, introdotto da Stefano Cannelli, a entrare nel merito della ragioni intime tra teatro e musica.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *