Il Piano di investimenti Rocchetta pubblicato e consultabile sull’Albo Pretorio del Comune

Il Piano di investimenti Rocchetta pubblicato e consultabile sull’Albo Pretorio del Comune conferma le linee di indirizzo votate in Consiglio Comunale
Dallo scorso 4 marzo è presente nell’Albo Pretorio del Comune, con numero di pubblicazione 333, l’istanza di proroga della concessione di acqua minerale denominata Rocchetta e la proposta di perimetrazione delle aree di salvaguardia con il relativo piano di investimenti.

Tutti i cittadini e le associazioni interessate possono consultare tutta la documentazione. Come previsto dalla normativa l’istanza medesima è sottoposta ai sensi dell’art. 12, comma 2, della Legge regionale 22/2008 “Norme per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzo delle acque minerali naturali, di sorgente e termali” ed è stato richiesto parere sull’istanza in oggetto e sull’allegato Programma degli investimenti alla Provincia di Perugia, al Comune di Gualdo Tadino e all’ATI.

Il Programma degli investimenti prevede una quota di interventi per investimenti produttivi e di Risanamento della Gola della Rocchetta  pari a 30.500.000 € ai quali vanno sommati quelli previsti nel Piano promo-pubblicitario, scientifico e di marketing che ammontano a 35.000.000 €, per un piano complessivo di investimenti pari a 65.500.000 € previsto in cinque anni.

Dal punto di vista occupazionale, invece, il Progetto comporterà l’assunzione diretta di 24 tra dirigenti/impiegati/operai, più 10 persone interesseranno l’indotto (manutenzioni, pulizie, facchinaggio, officine, trasporti ed altri servizi locali) e altre 6 la rete vendita e il marketing, per un totale complessivo di 40 nuove unità.

“Dai documenti appare evidente – sottolinea il Sindaco Massimiliano Presciutti – la portata rilevante dal punto di vista economico, sociale ed ambientale dell’investimento proposto e la totale rispondenza dei contenuti rispetto all’atto di indirizzo votato in Consiglio Comunale. L’auspicio a questo punto è che si abbandonino definitivamente posizioni strumentali e prive di fondamento per entrare al più presto nel merito delle questioni sottoposte. A tale scopo ribadisco che né il sottoscritto né l’Amministrazione Comunale e la maggioranza saranno in alcun modo subalterni a nessuno. L’obiettivo è costruire un rapporto istituzionale vero con l’Azienda Rocchetta, assente da troppi anni, nel rispetto dello stato quali-quantitativo delle risorse idriche presenti nel bacino interessato e delle questioni riguardanti l’uso civico. La discussione rispetto al progetto verrà portata avanti presso la Commissione competente ed anche in una prossima seduta aperta del Consiglio Comunale”.

Albo Pretorio i documenti allegati:

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il Piano di investimenti Rocchetta pubblicato e consultabile sull’Albo Pretorio del Comune

  1. maurizio biscontini scrive:

    Gualdesi la vera FONTE di ricchezza per Gualdo non è la Rocchetta ma la CLASSE della nostra cultura che ci hanno lasciato i nostri padri, che non è acqua.

    Non vi fate distrarre e tantomeno infinocchiare che non è da lì che può ripartire lo sviluppo economico.

    L’acqua fresca della rocchetta schizzatevela sulla faccia per darvi una nella svegliata!

  2. Francesco Troni scrive:

    E bravo Filippo, Cappellini!!!
    Hai fatto con questo argomento quello che io ho fatto con il progetto di recupero dell’area alluvionata avanzata da Rocchetta S.p.A.: Te lo sei letto e, per quanto hai potuto anche in base alle tue competenze, lo hai commentato ed hai posto delle domande che mi sembrano sensate (vediamo se tu hai più fortuna di me nel ricevere delle risposte).
    Forse per questa città c’è speranza: Non stiamo tutti li a dire di no o di si solo in base alla moda del momento; ma qualcuno si informa e, per quanto gli è possibile in base alle proprie conoscenze, valuta e cerca di esprimere opinioni che abbiano un minimo di senso con la speranza, poi, che qualcuno che vengano accolte da qualcuno chsia in grado di intervenire e, per quanto possibile, ne tenga conto quando sarà il momento di fare i fatti.
    Appena ho un attimo di tempo, leggerò e commenterò anche io il materiale messo gentilmente a disposizione da questo blog al solo scopo di far circolare le informazioni (apprezzo il fatto che il gestore del blog non ha fatto commenti su tale argomento o, se ne ha fatti, ne ha fatti pochissimi: Infatti, ad onor del vero, oltre quello di ringraziamento qui sopra, me ne ricordo un altro).

  3. Redazione scrive:

    Filippo: Segnalo che il piano particellare non è visionabile.

    Grazie Filippo per la segnalazione, ora dovrebbe funzionare!

  4. Filippo Cappellini scrive:

    Segnalo che il piano particellare non è visionabile.

    Dispiace venire a sapere di una richiesta di proroga così importante ( venticinquennale ) quattro mesi dopo la sua presentazione.

    Dispiace anche che alla voce “settore pubblicitario marketing e vendite” le parole “Gualdo” e “Tadino” non siano nemmeno presenti.

    Dispiace che a fronte di un piano preventivato di 35 milioni di euro, solo 1,9 siano dedicati al recupero della valle (a fronte di una stima danni eseguita dal comune per oltre € 3.000.000,00 (Geologo Angeletti) ed un milione scarso sia dedicato alla realizzazione alla nuova oasi.

    Meno del 10% delle risorse totali sono destinate al recupero/valorizzazione della Valle Rocchetta.

    Dato che “l’Amministrazione Comunale e la maggioranza non saranno in alcun modo subalterni a nessuno”, sarei felice di sapere che opinione esprimeranno in Regione a fronte di una ulteriore richiesta di proroga venticinquennale. Mi basterebbe anche che l’amministrazione prendesse semplicemente una posizione.

    Poi cosi, a occhio:
    – Come si vuole costruire un rapporto istituzionale vero con l’Azienda Rocchetta?
    – Come preserveremo lo stato quali-quantitativo delle risorse idriche presenti nel bacino interessato? (siamo anche solo coscienti dello stato di salute dei nostri bacini idrici?)
    – Davvero non si riesce a creare un tavolo di discussione con le associazioni un po’ più strutturato e costruttivo di una seduta aperta di consiglio comunale ?

I commenti sono chiusi.