Il ponte della Vaccara è nuovamente percorribile

Il ponte della Vaccara è nuovamente percorribileIl Ponte della Vaccara era chiuso da febbraio 2015, a seguito dei danni provocati dall’alluvione del novembre 2013, che ha causato un danneggiamento dell’impalcato e delle pareti del ponte rendendolo inagibile al traffico. Opportunamente chiuso al pubblico ed alle automobili, l’Amministrazione Comunale ha provveduto ad effettuare i lavori di risanamento necessari a riaprire al traffico la strada che collega la Flaminia alle frazioni di Vaccara e Palazzo Mancinelli. Questo permetterà agli abitanti delle frazioni di raggiungere la Flaminia velocemente e porterà benefici per il traffico veicolare del vicino cimitero di San Facondino.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Il ponte della Vaccara è nuovamente percorribile

  1. Bazzucchi Enzo scrive:

    a parte il fatto che il ponte non è quello della foto di cui sopra,ma è di cui un pò più in giù.

  2. Bazzucchi Enzo scrive:

    qualcuno chieda a cittadino chi era sindaco quando stò ponte era già pericolante.

  3. massimiliano barberini scrive:

    Cittadino: io la cosa la vedo più generalizzata,secondo me è troppo facile prendersela con Presciutti e la sua giunta;secondo me la cosa nasce da più lontano,intendo nel tempo,il problema nasce da una realtà che forse non si è saputa adeguare ai tempi,anestetizzata inoltre da quei 10 – 15 anni di lavoro gonfiato col terremoto che ci ha illusi tutti e come si dice mò tocca fa i conti con l’oste.

  4. Cosimo Berlinsani scrive:

    . . . solo non si vedono i due leocorni . . . . .

  5. massimiliano barberini scrive:

    Cittadino: con tutto il rispetto,non è che il Sindaco Presciutti sia il male personificato,è che quasi tutta l’ Italia funziona purtroppo così,salvo rarissime eccezioni (vedi il Trentino nella realizzazione ad es. in pochi giorni delle scuole prefabbricate ad Amatrice,con tutti i loro difetti quelli sono austriaci e non italiani). Guarda ad es. il disastro perenne del sud Italia,con uno Stato colpevole al 99%,dove andrebbero colonizzati da romagnoli e trentini scortati dall’esercito e appena arriva uno che gli chiede il pizzo……! Ma finchè abbiamo gente come Pieraccioni al Governo! Germania: invadeteci!

    • cittadino scrive:

      mi spiace ma è troppo semplicistico generalizzare confrontando Gualdo con il resto d’ Italia. Allora mi verrebbe da chiederti, se esistono come è giustamente vero che esistono le eccezioni, perchè, per il ponte Vaccara non potevamo farne parte ??
      Non dico che prociutti sia il male assoluto, ma ti invito a contestarmi alcuni punti:
      1)Spero siamo tutti concordi che stà governando con il buon viso della Regione che se non erro è dello stesso colore politico.
      2) spero siamo altrettando concordi nel dire che quanto fino ad ora fatto, lo ha fatto con i soldi in lascito dalla predente legislatura( dalle pensiline, dagli oneri di urbanizzazione del granaio giù l’incrocio, circa 700.000 euri) poi conclusasi ovviamente non per colpa sua, ma per un “conflitto” interno.
      3) spero siamo concordi nel dire che attualmente governa con il buon viso anche del governo nazionale e che è tutto interesse del ” Pieraccioni” portarsi più sindaci possibili dalla sua parte, vedi caso visita alla rocchetta.
      4) spero siamo concordi nel dire che il peggior periodo economico di crisi per Gualdo, dovo alle note vicende internazionali, è stato dal 2010 al 2013( anni in cui governava il centro-destra), poi da lì in poi c’è uno stallo, ( di cui non si accorge solo il ” Pieraccioni”)che ancora oggi ci attanaglia. Ma se di stallo si tratta almeno non è una crisi profonda come nel 2010.

      A fronte di queste osservazioni COSA STIAMO VEDENDO DI COSTRUTTIVO DA PARTE DI PROCIUTTI???? QUALE FUTURO HA IN MENTE PER GUALDO?
      Bh apparte il volersi accaparrare più “mi piace” possibile su facebook ( come un fio piccolo), io non vedo progettualità per lo sviluppo di Gualdo.
      Io sono un nazionalista, quindi non dirò mai che l’erba del vicino è sempre più verde( non dirò mai germania invadeteci) ma di certo credo che di questi tempi Gualdo debba darsi una fortissima scrollata o rischia di morire. E purtoppo questa è una amministrazione che si trova al posto sbagliato al momento sbagliato.

  6. cittadino scrive:

    Concordo con Mario Rossi ! Se eravamo nei tempi giapponesi allora lo avrebbe riparato il commissario ! Non solo non lo ha fatto, ma il sindaco attuale prociutti ha voluto conferirgli la cittadinanza onoraria. INCREDIBILE !!!!!!
    PER QUALI MERITI ??????????? ( me ne viene in mente uno : anche lui è filo-Bocci). A volte invece di fare inaugurazioni con addirittura taglio del nastro da parte di questa amministrazione, sarebbe bene prima farsi un bell’esame di coscenza. “tuttistiamocongualdo”

  7. Mario Rossi scrive:

    Giappone.
    In soli sei giorni gli ingegneri e gli operai della Nexco (società che gestisce la rete stradale) sono riusciti a ripristinare un tratto di autostrada devastata dal violento terremoto dell’11 marzo. Il manto stradale appariva letterlamente aperto in due, con voragini profonde anche diversi metri.
    Così il 17 marzo, a meno di una settimana dal terremoto, la strada appariva perfetta con un nuovo manto stradale e perfino con un nuovo guard rail. La Nexco spiega che sono circa 813 su 870 i chilometri riaperti alla circolazione su 20 differenti strade e autostrade, anche se con interventi tampone o “salti” di corsia.
    In Italia questa tempistica sarebbe pura fantascienza, se invece della burocrazia o meglio “cartacce” si usassero più il cervello, le mani ed una buona dose di onestà ad Amatrice già risiederebbero nelle case di legno.
    Comunque tornando all’argomento andate a vedere quanto è costato questo ponte…
    credo la spesa minore sia quella dell’impresa che ha realizzato il lavoro.

  8. massimiliano barberini scrive:

    Tra ‘npò manco servirà più!

  9. Merlo scrive:

    Alla “bonora”

    Per fortuna che era solo un ponte STRETTO e non il “Ponte sullo STRETTO”

    MEDITATE

I commenti sono chiusi.