Il terremoto nella giunta regionale

Il terremoto nella giunta regionaleSul numero di gennaio del Nuovo Serrasanta, parlando di sanità e del j’accuse del sindaco Massimiliano Presciutti a seguito del mancato invito all’inaugurazione della nuova Tac dell’ospedale di Branca, mi chiedevo se in realtà non fosse in atto nel Pd un braccio di ferro stante anche la richiesta, dello stesso sindaco, di procedere ad un profondo rinnovamento dei direttori generali. I fatti dimostrano che, in qualche modo, ci avevo visto giusto. Lo scontro è stato duro ed aspro all’interno della giunta regionale che doveva decidere sulla nomina dei Direttori Generali e, soprattutto, sulla nomina del Direttore Generale della Asl nr 1. Da una parte la presidente Catiuscia Marini fautrice di una linea di continuità, dall’altra l’assessore Luca Barberini, saldo sulla richiesta di un rinnovamento profondo. Il braccio di ferro durato ore non ha portato ad una mediazione ma alle presunte dimissioni di Barberini, poi in parte smentite o congelate. Uno scontro che la dice lunga sull’aria che si respira all’interno del governo regionale. Uno scontro che ha portato al dissenso 5 consiglieri del Pd (Brega, Porzi, Barberini, Guasticchi e Smacchi) che nel consiglio regionale hanno fatto mancare il numero legale.
Luca Barberini, in questi primi mesi del suo mandato, aveva tracciato le linee di una sanità regionale profondamente rinnovata razionalizzando la spesa ma senza penalizzare i servizi. Semplicemente eliminando i doppioni e creando poli di alta specializzazione. Un percorso che avrebbe interessato soprattutto la Asl nr 1 e che proprio dalla Asl nr 1 sembra siano venute le maggiori resistenze (è qui che ci sono troppi doppioni). Su come andranno le cose d’ora in avanti non ne abbiamo idea.

Come Gualdesi stiamo un po’ con il cuore sulle mani. Barberini ci aveva portato per Natale una bella notizia con la trasformazione del Centro Recupero Infartuati in Centro Regionale Recupero Infartuati. Diventerà ora una delle tante promesse mai mantenute (ricordiamo i due protocolli d’intesa firmati con il sindaco Scassellati e con il sindaco Morroni) oppure sarà un impegno che, al di là della permanenza o meno di Barberini (lo strappo potrebbe anche ricomporsi), verrà comunque mantenuto?

C’è poi da sottolineare anche un’altra valutazione. Il nuovo Direttore Generale della Usl nr 1 è Andrea Casciari, un cavallo di ritorno. Fino al 31 dicembre del 2012 è stato infatti Direttore Generale della Asl nr 1 ed in questa veste, il 29 dicembre 2012, ha firmato il protocollo d’intesa con l’assessore regionale Tomassoni, il sindaco Roberto Morroni ed il presidente dell’Easp Fiore. Protocollo che è stato mandato al macero con la nuova intesa. Che farà Ciasciari? Si adeguerà al nuovo corso sconfessando anche se stesso o rivedrà la nuova intesa? Una telenovela infinita.

Senza escludere che, avendo Catiuscia Marini proceduto alle nomine senza la presenza dell’assessore Barberini (uscito per protesta dalla riunione di giunta) e senza accordo, è possibile che salti tutto e si ricominci daccapo.

Staremo a vedere. Non è comunque una bella pagina politica.

Foto: la firma del protocollo d’intesa il 29 dicembre 2012. Casciari è l’ultimo a destra.

Riccardo Serroni

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il terremoto nella giunta regionale

  1. Riccardo scrive:

    In tarda mattinata, sul suo profilo Facebook, Luca Barberini ha rassegnato ufficialmente le sue dimissioni perché “è venuta meno la fiducia”. Domattina spiegherà nei dettagli il suo gesto in una conferenza stampa.

  2. Giovanni scrive:

    Ricordate Il marchese del Grillo, Onofrio Del Grillo (Alberto Sordi) nella famosa scena in cui si rivolge ai poveracci della taverna, insieme al commissario pontificio e al domestico Ricciotto?

    “Perchè io so io e voi non siete un cazzo”

    Ecco è così che si sente il cittadino gualdese, un …

I commenti sono chiusi.