IMU sui terreni agricoli: chiarimenti dell’ufficio tributi

IMU sui terreni agricoli: chiarimenti dell'ufficio tributiIl decreto ministeriale del 28 novembre 2014 ha stabilito che l’esenzione dal pagamento IMU sui terreni agricoli è limitata ai terreni situati in comuni con un altitudine al centro (altitudine della sede comunale) superiore a 600 metri s.l.m.
Con il successivo decreto legge n.  185/2014  è stabilito che il termine di versamento dell’IMU 2014 su detti terreni è prorogato al 26 gennaio 2015 e che l’aliquota  da applicare, per i comuni che non hanno deliberato una specifica aliquota per i terreni, è quella del 7,6 per mille.
Il Comune di Gualdo Tadino ha un’altitudine della sede municipale inferiore al limite suddetto di 600 s.l.m. e, pertanto, sono assoggettati al pagamento dell’IMU  tutti i terreni agricoli (anche incolti) con applicazione dell’aliquota del 7,6 per mille, tranne quelli posseduti o condotti da imprenditori agricoli professionisti e coltivatori diretti, qualificati come tali dalla normativa vigente.
Il TAR del Lazio, con decreto 6651/2014 ha sospeso l’efficacia del decreto ministeriale del 28 novembre 2014 fissando l’udienza per la decisione circa l’annullamento del decreto stesso al 21 gennaio 2015.

Alla luce di tutto ciò, stante il quadro di incertezza delineatosi il versamento tardivo non sarà soggetto a sanzioni.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a IMU sui terreni agricoli: chiarimenti dell’ufficio tributi

  1. merlo scrive:

    Grazie!

I commenti sono chiusi.