Incontro Istituzionale Progetto Rocchetta

Incontro Istituzionale Progetto RocchettaLa Comunanza AAG parteciperà a questo incontro come a qualsiasi altro organizzato istituzionalmente e che coinvolga comunque i soggetti diretti interessati della questione, che oltre alla Comunanza, sono la Regione Umbria, con i funzionari responsabili dell’approvazione del progetto, Il Comune di Gualdo Tadino e la Rocchetta Spa.
Sarà l’ occasione per ribadire le posizioni di tutela degli interessi della proprietà collettiva e si chiederà a Rocchetta, di fronte agli Enti Regionale e Comunale, di rispettare regole e norme che rappresentano la strada maestra per tutti, col cominciare dal ripristino urgente e doveroso dei luoghi a prescindere da qualsiasi altro progetto.
La Comunanza avrebbe desiderato che la seduta fosse registrata per una questione di trasparenza e per poter rendere partecipi tutte le persone di Gualdo di questioni che coinvolgono direttamente i loro precipui interessi, quale la proprietà collettiva e l’ambiente in cui la Rocchetta opera. Nonostante la richiesta sia stata respinta dai promotori dell’iniziativa, riteniamo che la Comunanza, con il suo CDA, debba comunque doverosamente partecipare.
La protervia del potere ha continuato incessantemente ad attaccare la Comunanza, in particolare da giugno a questa parte, comprendendo anche forzate coesioni di qualsivoglia associazione attorno alla questione del Progetto ed infine anche presentando il possibile incontro come il richiamo al senso di responsabilità della Comunanza Agraria nei confronti di paventati milioni di euro d’investimento, panacea delle sorti di un’intera Regione e tormentone comunicazionale.
Le nostre responsabilità sono tutte assunte nei confronti della proprietà collettiva, della collettività locale naturale possessore dei fondi e delle sue utilità che siamo chiamati per legge a difendere, proteggere e valorizzare. Oramai, dopo la sentenza sulla prorietà delle terre, gli atti Comunali e Regionali di approvazione sono diventati imbarazzanti perché di fatto tutti nulli e privi di efficacia .
E’ dalla Regione e dal Comune in particolare che ci si aspetta quindi l’inizio di un’assunzione di responsabilità in questo senso, piuttosto che continuare a strumentalizzare l’incontro tirando in ballo la questione di milioni di euro non destinati al territorio né alla sua gente, o inducendo con vari mezzi a desistere dalla lotta per la difesa dei beni terra ed acqua.
Il destino di queste terre, di cui la natura collettiva è certa come i diritti imprescindibili che ne derivano, sta a cuore ad una città intera e la loro difesa sarà perpetua.

Consiglio di Amministrazione della Comunanza Agraria Appennino Gualdese

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

14 Responses to Incontro Istituzionale Progetto Rocchetta

  1. massimiliano barberini scrive:

    …Si ripete per un certo senso la storia di quando di notte scaricarono la facciata in pietra del 3/’400 e al prof. Storelli dissero : LE hanno (in gualdese ionno) demolito la facciata !. E’ la stessa storia,con diversa tematica,che si ripete (Enzo : senza offesa! Non ti paragono a quel livello,ti reputo persona più intelligente e sensibile).

  2. Francesco Troni scrive:

    I 2 commenti di Enzo Bazzucchi che hanno “aperto le danze” dei commenti a questo post, sono molto interessanti.
    Infatti affrontano 2 problemi piuttosto fondamentali che affliggono, da sempre credo, i terreni montani della Valsorda:
    1 – Il problema delle mucche che ci vanno a pascolare;
    2 – Il problema della manutenzione dei luoghi con particolare riferimento alle recinzioni in legno, parte delle quali sono “smontate”, ed ai laghetti.

    Non entro nel merito di chi dovrebbe fare cosa, come ha fatto Utente Monte per il problema delle mucche perché sono questioni legali fuori dalle mie competenze, e sul perché i laghetti non godono di ottima salute, come ha fatto Massimiliano Barberini per la questione dei laghetti perché servono ricordi e competenze che non ho.
    Però 1 osservazione devo farla.

    Enzo Bazzucchi dice, e cito testualmente, “ma qualcuno di voi visto che è robba vostra vigila?”
    Vorrei correggerlo sulle parole “robba vostra”.
    Chi ha seguito, o provato a seguire, senza pregiudizi, ma solo per cercare di capire di cosa si parla, la storia degli Usi Civici in generale e della Comunanza Agraria Appennino Gualdese in particolare, converrà con me che se Enzo Bazzucchi risiede a Gualdo Tadino da almeno 5 anni, allora tale “robba” è anche la sua; quindi avrebbe dovuto usare le parole “robba nostra”.

    Per il resto, nulla da dire ad Enzo Bazzucchi su quanto ha scritto nei suoi 2 commenti oggetto della mia attenzione se non che sono piuttosto interessanti, anche nelle osservazioni che fa dopo aver sollevato i problemi delle mucche e della manutenzione.

  3. massimiliano barberini scrive:

    A proposito del laghetto di Valsorda:vi ricordate quando,oramai diversi anni fa,io ero piccolo,il laghetto era un perfetto specchio d’acqua vivo,con tanto di salamandre e vegetazione galleggiante a foglie tipico appunto dei laghi,penso in salute,ed un giorno non si sà per quale motivo,nella tipica,atavica superficialità gualdese,arrivarono con le ruspe,ancora me lo ricordo (quanto ce piaceno stè ruspe,pe ‘ncerto senso semo armasti boccia!) e sputtanarono tutto rendendo il lago quello che oggi è e cioè un acquitrino marrone e senza vita? E mò ce preoccupamo della troscia de monte?

  4. Bazzucchi Enzo scrive:

    io non sono infastidito da niente.ho solo chiesto se è normale che i quadrupedi vanno dove vogliono senza un briciolo di coordinamento da parte dei proprietari.la mia è una domanda normale sensata senza doppie interpretazioni. se voi fenomeni non sapete dare una risposta decente e fate i faloppa rispondendo a vanvera non sono affari miei.io con i simpatici quadrupedi ci andrei anche a prendermi un caffè e credo che con loro ci chiacchiero meglio che con qualche fenomeno della tastiera e per di più con un nick name che fà da scudo.buona giornata a tutti.

  5. bisosse scrive:

    Sarebbe non normale se andassare a cacare in piazza. Cacano sul monte. Non coiabitiamo bene con le vacche ultimamente ma neanche le vacce con noi. Uno, due tre gualdesi arrivano motorizzari a valsorda e sono infastiditi dalle vacche, c’ è sempre il centro commerciale lindo e pinto e asettico. Le vacche fanno quello che fanno e che devono fare. Una volta vogliano stare a monte in giacca e gravatta, un’ altra viverci come tarzan. Se pesti una cacca non si muore, non è velenosa.
    e comunque la discussione verterebbe sul fatto che lo stato dei luoghi deve essere ripristinato a prescindere, senza mettere in pentola altre questioni.

  6. massimiliano barberini scrive:

    Quelli dè monte cucco che se lanceno col parapendio devono fa lo slalom fra le cosiddette piote,eppure se lanceno uguale. E pù enno anche tedeschi!

    • Bazzucchi Enzo scrive:

      massi è vero ma non vanno a mangiare e a cagare davanti al ristorante del mio amico tobia.sono ben distanti.

  7. Bazzucchi Enzo scrive:

    come dico sempre si le cose le vòe fà!fanne poche ma falle bene.di quì me pare che se ne vojono fà troppe.il laghetto sotto tra un pò sparisce.una volta era un gioiellino era l’attrazione de monte.ora cari signori andate a vedere come è ridotto,portateve però gli stivali che de cacca ve nè è tanta.volemo parlà delle recinzioni di legno? quelle poche che ci sono rimaste in piedi sono tutte da risistemare perchè dove passano le bestiole a quattrozampe non se salva mezza.volevate riprendervi i terreni?bene ora per favore curateli e non pensate sempre ai pozzi oppure a quanti metri vanno a prelevà quelli della rocchetta fate manutenzione anche altrove.valsorda è un bene per tutti il giorno di ferragosto grazie alla nuova strada che da perugia porta a gualdo e viceversa c’era una marea de gente di fuori città.quindi va curata tenutà bene e protetta ma a vedella oggi nun me pare.è un vostro dovere.oltre che il nostro a rispettarla.

    • utente monte scrive:

      Mi risulta che i contratti di affitto del pascolo restano validi fino al 2018, naturale scadenza e che essendo stati sottoscritti dall’Amministrazione comunale, la stessa ne è responsabile fino a scadenza.
      Pertanto ogni rapporto gestionale con gli affittuari e con le loro VACCHE è tenuto dal comune. Per i chiarimenti sigli accordi presi con gli affittuari occorre richiederli all’Ufficio Patrimonio del Comune.
      Per quanto riguarda i laghetti carsici, mi pare che dopo vari anni di abbandono totale, quest’anno sono stati ripuliti, (anche quello vicino a CLELIA) e cosa più importante senza fare danni.
      Prima di riportare baggianate, occorre sempre rifarsi ad un famoso detto: “CONOSCERE PER SAPERE E SAPERE PER PARLARE” ed aggiungerei SCRIVERE, altrimenti tutto è “RAIO di Somaro” che si disperde in cielo.
      Per te che sei amante della musica, il tuo scritto polemico e aleatorio, privo di qualsiasi riscontro veriterio, invece di fare notizia resta come al solito NOIA, maledetta NOIA !

      • Bazzucchi Enzo scrive:

        utente monte.non cè bisogno che te ncazzi.io non riporto baggianate e scrivo quello che vedo senza polemizzare.se per te va bene che le vacche se ne vanno ingiro a mangiare dove di solito cè gente,cazzi tuoi,se per te va bene che le vacche cacheno davanti al ristorante cazzi tuoi se per te va bene che le vacche vanno a beve dentro il laghetto causanndo danni irreparabili visto che è un laghetto carsico sono cazzi tuoi non cè bisogno di conoscere nè di sapere cè bisogno di vedere ed io non sono cieco,ma siccome te rosica il culo quando io parlo perchè sono contro de te allora aggredisci le persone ma anche questi sono cazzi tuoi.io non sono polemico con nessuno io scrivo quello che vedo.punto senza ncazzasse.

        • utente monte scrive:

          Parole, parole, parole soltanto PAROLE!
          Prima ti scagli contro la Comunanza ed i suoi componenti con tante illazioni e provocazioni atte a generare confusione senza essere informato e poi quando qualcuno ti fa notare i tuoi sarcastici errori ti scagli volgarmente contro di lui.
          Sono un “poveretto” e non voglio replicare.

          • Bazzucchi Enzo scrive:

            comunque sia per la tua santa pace il mio post non era rivolto a te.secondo io non mi scaglio contro nessuno è un mio parere ciò che dico terzo il raglio del somaro lo dici ai tuoi simili non a me.chiuso.

          • utente monte scrive:

            Leggi bene: il “RAIO di somaro” è riferito specificatamente a chi parla senza sapere e non sa perché non conosce.
            Se poi tu sei uno di questi, che il cielo, fin sopra le nubi, raccolga quanto da te scritto e voluto far fraintendere!
            Punto esclamativo, nella massima tranquillità.

  8. Bazzucchi Enzo scrive:

    come spesso ho detto prendendomi una marea di insulti addirittura qualcuno me voleva pure querelà-la vostra lotta si basa solo l’acqua e la rocchetta spa come sopra.ma io oggi vi faccio un altra domanda.andando a farmi un giro a monte e a prendere un caffè da clelia oggi pomeriggio davanti al locale c’erano una cinquantina di vacche che avevano bloccato la strada e pascolavano nei prati circostanti,addirittura pascolavano dietro il ricinto de clelia tornavano su dal laghetto dove andavano a bere e si aggiravano dove di solito giocano i bambini.domanda,è normale stà cosa?la m…..da che lasciano in giro chi la pulisce tonino e basta?quali accordi avete preso con i proprietari del bestiame?ma qualcuno di voi visto che è robba vostra vigila?oppure siete talmente presi a littigà con il comune la regione e la rocchetta che vi siete dimenticati del resto?e nun arcominciamo a dì che io quà io là.quando paola gramaccia era assessore all ambiente per via delle vacche a monte l’hanno fatta nera ora comè la situazione tutto tace?

I commenti sono chiusi.