Incredibili ma vere n°1

La montagna
Il maestro: “Giuseppe, cos’è una montagna?”
Giuseppe: “E’ ‘na montarozza de terra e de sassi”.

Il panorama
Giovannino, per compito, doveva svolgere un tema. Ma durante la giornata ha preferito spassarsela fuori a giocare con i compagni. Quando si mette davanti alla pagina bianca del quaderno con la penna in mano fuori è già buio. Si mette al lavoro.
Tema
Mi affaccio alla finestra e…
Svolgimento
Mi afacio ala finestra e siccome è buglio nun vedo un cazo. Fine

La riproduzione: Descrivi come si riproducono gli animali.
Svolgimento
La vacca se porta dal toro. Se paga mille lire. Ma se il toro nun c’ha voja le mille lire te l’ardonno. La maiala se porta dal guerro. Se paga 500 lire. Ma voja o nun voja le 500 lire nun te l’ardonno.

I ruminanti
Dopo aver affrontato l’argomento degli erbivori e la funzione del ruminare l’erba ingoiata, al maestro viene l’idea di saggiare le capacità intuitive dei bambini.
Maestro: “Carlo, secondo te quand’è che una mucca rumina l’erba che ha mangiato?”
Carlo, dopo averci pensato un attimo: “La domenica, maè”.

L’acqua della piscina
E’ mattino, si va in piscina con tutta la classe. Sul pulmino, tra una battuta e l’altra, il maestro dice: “Bambini, mi raccomando, non vi bevete tutta l’acqua della piscina”
Angelo, serio: “Perché maè, a digiuno fa male?”

La contraccezione
La povera Carlotta va dall’ostetrico a farsi visitare. E’ in attesa dell’ottavo figlio, e non è che sciali nell’abbondanza.
Il medico è spazientito: “Senti Carlo’, ma è possibile che tu continui a far figli come una coniglia?”
Carlotta: “Que ho da fa’ dotto’. Giuanne mia ce s’attrabata tanto bene”.
“Ho capito che ce s’attrabada bene. Ma ci sono anche tanti rimedi. Usane uno”
“Emo provato a mettece ‘n calzetto, dotto’, ma n’è servito a gnente”.

Riccardo Serroni

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo. Contrassegna il permalink.