INPS: Reddito di Inclusione (ReI) – i risultati e le modifiche ai requisiti

INPS: Reddito di Inclusione (ReI) – i risultati e le modifiche ai requisitiL’INPS ha emanato la circolare n. 57 del 28 marzo 2018, con la quale illustra le modifiche, introdotte dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205 (legge di bilancio 2018), al decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, relative ai requisiti di accesso, alla decorrenza, alla durata, al finanziamento e all’importo della nuova misura di contrasto alla povertà denominata ReI.

Inoltre, a tre mesi dal lancio del Reddito di Inclusione (REI) l’Osservatorio statistico INPS ha prodotto i primi dati sulle domande di richiesta del beneficio.

Nel primo trimestre 2018 sono stati erogati benefici economici a 110mila famiglie per un totale di 317mila persone. Per ciò che riguarda la diffusione sul territorio nazionale il 72% delle prestazioni è stata erogata nel sud d’Italia, raggiungendo il 76% delle persone coinvolte. Campania, Calabria e Sicilia sono le regioni con il maggiore numero assoluto di famiglie beneficiarie: insieme rappresentano il 60% del totale dei nuclei e il 64% delle totale delle persone coinvolte.

L’importo medio mensile, pari a 297 euro, è variabile a livello territoriale, con una forbice che va da 225 euro per i beneficiari della Valle d’Aosta a 328 euro per la Campania. L’importo medio erogato varia per numero dei componenti del nucleo familiare, da un minimo di 177 euro per i nuclei con una sola persona a 429 euro per quelli con 6 o più componenti.

Le famiglie beneficiarie con un minore a carico sono 57mila e rappresentano il 52% del totale mentre sono 21,5 mila i nuclei con disabili, corrispondenti al 20% delle famiglie e delle persone interessate.

Fonte: INPS


A cura di Chiara Staff Circolo Acli “Ora et Labora”

Share
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a INPS: Reddito di Inclusione (ReI) – i risultati e le modifiche ai requisiti

  1. Renzo Gatti scrive:

    Come al solito ci vuole un avvocato per capire i diritti e i doveri. Come già preannunciato, nel primo post, non sono certo il numero dei beneficiari previsto da chi la sbandierava come la soluzione della povertà. Anche gli importi esigui erogati ugualmente sono stati inferiori a quelli sbandierati. Ben diverso sarebbe se si dimezzasse corruzione ed evasione ma questo è top secret

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *