“La Passione – Come l’Italia ha sedotto il mondo”. Suggestivo come la scrittrice definisce Gualdo Tadino

La scrittrice e giornalista americana Dianne Hales ha pubblicato negli Stati Uniti, con la casa editrice newyorkese Grown Archetype, un interessante volume dedicato all’Italia.
Già dal titolo “La Passione – How Italy seduced the world” (La Passione – Come l’Italia ha sedotto il mondo) si comprende il suo contenuto che, di fatto, è un omaggio a tutto tondo alla cultura e al “genio” italiano.

Non poteva mancare un capitolo dedicato al “Made by Hand” (Fatto a mano) e qui la scrittrice ha riservato alcune pagine alla tradizione ceramica della famiglia Rubboli e al museo comunale ad essa dedicato. Dianne Hales racconta quindi la sua visita al museo Rubboli e l’incontro con Maurizio Tittarelli Rubboli ricordando che: ”his creations are of such extraordinary beauty that one forgets that they also serve a practical function” cioè “le sue creazioni sono di tale straordinaria bellezza che ci si dimentica della loro funzione pratica”.

Suggestivo poi come la scrittrice definisce Gualdo Tadino: “postcard-pretty Gualdo Tadino near the mountainous border between Umbria and Marche”, “Gualdo Tadino è un paese da cartolina vicino al confine montuoso tra Umbria e Marche.

Sicuramente questo delicato omaggio a una tradizione ceramica ultracentenaria di una famiglia è qualcosa di importante e speciale anche per la città di Gualdo Tadino.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ceramica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.