L’Amministrazione Comunale ha ricordato i martiri delle Foibe

Come per la Giornata della Memoria, anche per il Giorno del Ricordo – ricorrenza istituita nel 2004 per commemorare i martiri delle Foibe, gli eccidi accaduti durante l’ultima fase della seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi lungo il confine orientale del nostro Paese (Soppressione delle genti che risiedevano nella Venezia Giulia, Istria, Dalmazia e che ricorda i grandi inghiottitoi carsici (Foibe) dove vennero gettati i corpi delle vittime) – , il Comune di Gualdo Tadino ha voluto “non dimenticare”.

Il sindaco Massimiliano Presciutti, rappresentante dell’Amministrazione Comunale sempre molto sensibile al tema, durante la mattina di lunedi 10 febbraio si è recato presso via Martiri della Foibe Istriane ed ha reso omaggio alle vittime dell’eccidio deponendo un mazzo di fiori. In occasione del Giorno del Ricordo, bandiere a mezz’asta nelle sedi del Comune di Gualdo Tadino.

Il Sindaco Presciutti e L’Assessore alla Cultura Barbara Bucari hanno sottolineato come “Questa grande e orrenda ferita non può essere scordata al pari di tanti altri massacri perpetrati da esseri umani nei confronti di altri esseri umani. Solo attraverso la conoscenza ed il ricordo si può pensare di evitare che certi orribili eventi possano ripetersi, anche se purtroppo nella società attuale troppo spesso è presente indifferenza e disinteresse. A maggior ragione, dunque, abbiamo il dovere ed il diritto di far conoscere a tutti la storia recente e passata affinché dalla conoscenza si possano trarre insegnamenti positivi di pace e fratellanza tra i popoli. Avere in città da anni via Martiri delle Foibe è offrire quotidianamente ai cittadini e a coloro che percorrono la strada la possibilità di riflettere e di non rimanere, si spera, indifferenti di fronte a questa tragedia che ha colpito moltissimi italiani al termine della seconda guerra mondiale ”.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *