Ali di farfalle

alidifarfalle_copertina

Come ali di farfalle che vanno leggere, libere,
colorate nell’aria, così i tuoi pensieri sanno
infondere nell’animo di chi li legge:
semplicità, gaiezza e gioia di vivere che fanno
parte del tuo cuore umbro.

Con affetto

Anna Maria, Emanuele, Giovanni e Simona

PREMI LETTERARI

Premio Nazionale « Anno del fanciullo – 1981 »
Premio Nazionale « Quercia d’Oro – 1982 »
Premio Nazionale « Centenario di S. Francesco -1982 »
Premio Nazionale « Medusa d’Oro – 1983 »
Premio « Bosone – Città di Gubbio – 1983 »

…Io non pretendo d’essere poeta
seppur creando in modo inelegante,
cerco di scriver versi a mente lieta,
in italiano a volte zoppicante!…

Aldo Gammaitoni

EL PAPPAGALLO SPIONE

Na Signora teneva m’pappagallo
che oltre a ben parla, c’aveva el vizzio
de criticà la donna de servizio,
qualunque cosa la portava in ballo,
la controllava e ce metteva el veto
e tutto riferiva quel Loreto!

La serva lo chiamava « la bestiaccia »!
La presenza continua non gradia
quel pappagallo lo portava via,
e qualche volta je dava la caccia…
Ogni parola o cenno lui capisce
e poi al suo padrone ariferisce!

Quella signora disse al pappagallo:
« Loreto… Noi domani siamo assenti,
fa bona guardia, se a volte si presenti
qualche estraneo… sto sforzo devi farlo!
Dunque, attenzione mentre stiamo fora…
e tanti semi avrai dalla tua signora! ».

Rientrati el giorno dopo verso cena…
la serva tutta intenta a preparare
pensava: « Cosa avrà da raccontare?
Cò sta bestiaccia già ciò el core m’pena »
disse: « Signò aricconto un fatto bello…
jeri a le tre… sonorro el campanello.

Dopodechè nentrava dentro un omo…
la serva quanno s’era avvicinato ja ditto…
bello nfa lo screansato
te devi comporta da galant’omo;
perchesinnò… sta bestia… el pappagallo
ardice tutto e ciariporta in ballo!

Poi me chiapporro e via dentro un cassone
d’improvviso dal giorno al buio pesto
lui jè disse: ciò fame… fa più presto
famme magna… si nun ce sta el padrone…
nun so divve però quel che friggeva…
stavo all’oscuro… era notte e pioveva!

7

NINA L’IDEALISTA

Je dissi cara, nun te fa illusioni…
de sognatte na fede ntorno al dito
perché l’avvenimento è proibito,
sinché nun me farò na posizione;
t’amo me disse Nina… l’idealista
con te… la povertà… numme rattrista!

Vedennome fallì sto tentativo…
la calma persi e allora de rimanno
qualche insulto je feci già speranno
che me potesse pia… da gran cattivo!
Envece m’abbracciò… se l’ideale!
Me piace si t’arboje e sei brutale!

Pe l’insuccesso allora persi el lume,
nte vojo vedeppiù, je feci addio!
Lei m’agguantò e me disse… Amore mio!
Si tu me lassi… io me butto a fiume!
Me butto ntel bottaccio!… O perlomeno…
rosico na pasticca de veleno!

Vedenno chen giovava la manfrina
e i mode per levammela de torno…
pensavve fitto fitto… fin che un giorno,
presi a braccetto sta fidansatina
eppù je dissi sensa esitazione…
«Nina!… Te devofà na confessione!

Sai!… Sull’ultima guerra fui ferito…
proprio ntel punto delicato assai!
E… dall’imperfezione capirai!
Co le funsioni d’orno!… So finito!
…Dopo quel giorno, Nina l’idealista…
che permalosa!… Mica s’è più vista!

9

I CAPELLUNE

Da tempo arevonno in voga i capellune,
ce sta chi approva e quello che condanna,
i tanto ricche, co i poretti in canna,
formeno i danne e fon vita comune;
ènno i barbute… co i capije fitte…
fije de mamma… co la moda bitte!

Però… perché je sa dafà mprocesso
pe le stranezze che starieno affa?
I capellune… c’enno!… Ennò d’adesso,
qualc’uno… ve ne vojio ricorda;
qualche scienziato… o condottieri baldi…
capellone: Leonardo!… Mazzini!… Garibaldi!

Un giorno, un padre disse ta la fjja,
si de te, se innamora un capellone,
è meio prima, faje brusca e strjja
e facesse la pace, col sapone!
Perché si puzza… allora passa un guaio,
tei metto amollo… dentro el buccatajo!

Ma, adesso io completo la morale
(ce stonno triste e bone le persone)
el capellone… è un giovine che vale,
tocca capillo sensa l’allusione;
sìnnel sapete?… Perché condannate?
Mica né vero… chen tutte drogate!

Ce sta chi fila dritto e anche chi sgarra,
e chi col freddo… e mano mbricolite,
te canta al vento e sona la chitarra
però da pochi, dico chen capite!
…Quanno c’è sentimento e pulizia…
ben venga… barba e capelloneria!

10

NONNI E NIPOTI

Mentre la terra compie el girotonno
e co la luna armane in gravita,
la vita se rinnova su sto monno
de sta meravijosa umanità,
fra i quarant’anrù sarai nonna o nonno
da fijo… arnasce fijo… ce se sa,
che per ave na casa gaia e bella…
ce vole dentro… un boccia… o na muriella!

Anni ottanta… due lujo del marino…
me piace la notizia che me donno…
a la maternità… Gualdo Tadino…
Loredana… me rende ancora nonno!
Non conta el sesso… viva el nipotino
tra l’emozione subbito risponno…
fijo che nasce… è cosa ultragradita!
benvuta tra noi… novella vita!

La gioia incontenuta e l’uforia,
qualche lacrima calla fa casca,
i muneje ce porteno allegria
con loro ogni pena svanirà
e de getto prorompe sta poesìa…
sti sentimenti che voio esterna…
commo esplosione de gioie raccolte…
perché i nipoti… so fije du volte!

Co’ loro te se leveno jaffanni
la vocetta la casa te rintrona,
el primo a dimme Nonno : el mio Giovanni!
Seconda è quel tesoro de Simona!
La terza mentre scrivo ha già tre anni,
Annalisa se chiama, è na morona,
el quarto in acqua Santa a gonfie vele…
Oggi s’è battezzato ed è… Daniele!

11

UNA SETTIMANA PIENA DE INCARICHI

Un lunedì a le nove de matina
dice mi moje… co na busta in mano;
Aldo guarda ce sta na letterina
te voieno al collegio Salesiano!
Bene ho capito… è quell’iniziativa…
da Consijere a la Polisportiva!

Domane marteddì… pe le diciotto,
c’è un’altro invito e te Io fo presente…
te nviteno sull’Acli!… sopre e sotto!
Pel gruppo del Vangelo!… e sotto Presidente!
Però quanno me scappe… dopo cena…
finché n’arvenghi ho sempre el core in pena!

Mercoleddì telefona Addano…
Aldo stasera el sai… che c’è el Consijo…
a Piazza Soprammuro… nun lontano,
però a mi moje… che scusa je pijo?
Sta settimana… scappo da tre sere
quanno jel dico… avrà le rabbie nere!

El gioveddl un bijetto da Don Carlo…
per compila le feste in calendario,
lo sforso pe’ la Chiesa avrò da farlo!
dovemo organizza pel Centenario
per il Beato nostro… probo e buono…
che veglia la Città… quale Patrono!

Venerdì so’ nvitato a Pro Tadino
delegato Artigiano e Presidente,
st’associazione va proprio malino
se paga nsacco e nun te donno gnente!
Parlamo de Flaminia e in crude e cotte…
arnentro a casa dopo mezzanotte!

Sabbeto già se sa doppia riunione
membro de Processione al Comitato,
de San Martino io so el Capo Rione
e ancor tutto ha da esse preparato!
Pe i Giochi de le Porte… e inizio intanto,
per fare i quadri del Venerdì Santo.

Domennica gran Festa ai Salesiani
Ecchese Allievo e collaboratore,
Amici di Parrocchie e buon Cristiani
per Cristo e in Cristo un Collaboratore!
Dopo pranzo Don Remo m’ha invitato
Consijo Pastorale a San Donato!

Mi moje dice… tra ‘na cosa e l’altra
va bè che sarae un Omo de decoro,
e ciae la Rima facile assai scaltra…
stae dapertutto commo el pummidoro!
Con cinque mila lire… a ogni chiamata
sensa fa i dente, avriste la mesata!

Sull’Acli sensa Te… nun fonno gnente!
Sei Consijere a la Polisportiva!
Degli Artigiani Tu sei Presidente!
Le Parrocchie… la Stampa e iniziativa!
Da Consijere giù a la Pro Tadino!
Priore de La Porta San Martino!

Donatore dell’A.V.I.S. è normale!
Ma pure Consijere Provinciale!
Sarae apprezzato e ntantiniello conte…
e diche che la testa nun te monte…
…Però con tante Cariche… anche doppie.
na volta o l’altra… Vaffenì che scoppie!

Amata Moje el sae que te risponno?
Si ciò ste attività… nun te da pena!
Anche sensa de Me… camina el monno!
Ma l’individuo… deve avecce lena!
Nun tocca de aspetta e guardasse attorno,
qualsiasi attività… ce vole piena.
Me chiameno… so allegro e un Bontempone.
Aldo… ma pé Jamici… Garzellone!

12

EL SOMARO… DE CIANFICO…

Un orno… che chiamato era Cianfico,
teneva un somaretto Sardegnolo,
con tanta intesa da capisse a volo,
ma poco accordo chel motivo dico:
per contestane quel somaro raja…
perché nun gne piacia… magna la paja!

Anse!… Je ce armanià de malumore…
quanno la fame el corpo tartassava,
malgrado questo… paja arifiutava
che Cianfico pensò… sarà el colore?
Sittùù nun magni!… tanta forsa perdi!
E… un giorno… japplicò j’occhiali verdi!

Vedenno verde!… quanta contentezza!
La paja masticò, con tanta fretta
credeva de magna… la fresca erbetta,
provava tanta gioja co l’ebbrezza!
alfine se sdrajò col corpo pieno…
ma che sapore quello strano fieno!

Cianfico dopo de l’esperimento
disse aj amici del sistema raro
la bestia… me ce casca da somaro,
magna la paja e ciarmane contento!
…Ma el ciuco dimagria sul fior dell’anni…
l’anca potea servì… d’attaccapanni!

… E un bel giorno d’estate, un po’ calletto,
nun c’era modo de fallo gi avante!
Quello recalcitrava petulante
perché gne la facìa tira el carretto!
An certo punto.,, je ncrociò le gambe
e a terra stramazzò… sotto le stanghe!

L’orno se lamentò… So sfortunato!
sto somaretto bello., me s’è morto!
Con quello stabbio… concimavo l’orto…
Eppù a magna la paja… avea mparato!
…Monno birbone! Nun ne va una dritta!
el carretto voto… e piena la suffitta!

15

NA DONNA SPROVVEDUTA. ANSIANA E MALIZIOSA

Mentre guidavo… a la metà de cento
nte l’abitato, dentro na frazzione…
na donna me sbucava dan portone
par annose davante nten mumento,
riuscia a schivane el muro e investimento
fermanno el mezzo de locomozione…
el freno funsionò… staordinaro
e ringraziai quel santo in calennario!

La donna me guardava sbalordita
prennennome pe’ un matto e pe’ un portento
ntrejò qualcosa ma pe lo spavento…
e mugulava con voce aggalita:
Però capia che je salvai la vita…
Io… nvece pieno de risentimento
anse ve voio di de rabbie nero,
col sangue ghiaccio e la pressione a zero!

Je disse: Embé donne… Gemo a farfalle?
O pensate sui numeri del Lotto!
Ce potiate morì… In quattro e quattr’otto
ve sete accorta che nun sono balle!
Va bè… Che tocca dalle sempre calle,
ma si a le volte ve mettevo sotto?
…La donna me guardò con far sincero…
me fece el sorrisetto malizioso…
me disse: « Caro…, magari fosse vero! ».

17

MA… GUALDO TADINO… E’ FORSE LA CENERENTOLA DELL’UMBRIA?…

Quanno c’è indifferenza c’è torpore
che a volte po’ sfociare a malcontento,
el cittadino lotta con vigore
e assieme alla Pro Loco… fa el lamento
sul Comprensorio… che va bene e male…
pe’ la Programmazione Provinciale!

Malgrado le proposte messe in linia
ogni entusiasmo adesso arpare spento!
Perché nse parla più… de la Flaminia?
Le pratiche… Camineno a rilento!
Malgrado i tanti Salmi e Litanie…
nun se comincia manco a du’ corsie!

Aspettamo el segnale ogni momento!
Perché da Roma in auto vai discreto,
fino a Foligno marci sopre i cento,
dopo One!… Terni!… e ancora oltre Spoleto!
Traffico snello… ma non più el medesimo…
dopo la curva de Pontecentesìmo!

Dìcheno che el percorso è picchettato!
Solo notizie pe’ imbonì la gente?
Pare che presto venga incominciato
co’ i solde pronte pe’ gli stansiamente!
Ma el tempo passa… e su sta strada in coma.
ce metti più che da Foligno a Roma!

Dopo la strada poi… pe’ l’Ospedale…
già qualche cittadino nutre el dubbio,
gnente per Gualdo ancor d’eccezionale
dal Comprensorio assieme Gualdo-Gubbio!
Nsè fatto gnente de particolare,
speramo che la chiacchiera nsia vero,
Gualdo considerato un quarto Cero!

Si el Gualdese se ferma a le stazioni
quelle della provincia e d’altro loco
Gualdo nnè nominato manco poco
pare che cionno messo le sanzioni!
e allora chi viaggia… ossia i Turiste…
commo ce pò venì sin sa che esiste?

Ogni rampogna pare cosa ingrata
e chi la scrive par campanilista!
ma ogni promessa venga concretata,
questo vuoi dire el tecnico dentista,
chi sta al comanno mai nun faccia el nèsci.
Campa cavallo mio… che l’erba cresce!

18

FERIE ESTIVE

Ma guarda chi s’arvede!… Commo va!
Io dico bène… ossia discretamente!
Beato atte!… dequi nse fa più gnente
a tirà avante. Cristo solo el sà;
si se nceppeno ì cocce… addio Pasquale,
me tocca fa na sfilsa de cambiale.

Sta robba nostra è poco domannata
e si sta situazione ancora dura,
sto pericolo commo se scongiura
co’ l’inflazione ch’è sempre aumentata?
Lo stommico aristrigne la sua sacca…
e la cintura i buchi co’ la ntacca!

Ma… queccevolefà… ce vò paciensa
vedrae che l’inflazione argirà a posto,
la robba per magnane a basso costo,
basta solo applicà mpo de cosciensa!
La guerra da un bel pezzo ch’è finita
ce vole più fiducia pe’ la vita!

Tu parie bene e manco se’ sciupato,
e sto discorso tua saria curioso
perché ciae i solde e nun più bisognoso
ntaricorde quannere un disgraziato!
Quella massima tua… faria faville…
chi ce l’ha… magna!… Chi ha i dolore striile!

Io ce penso, me arrabbio e me ce mpenno
da i nerve scosse, me ce sento male,
che me stravoierìo commo un maiale
proprio commo sì avesse perso el senno;
consumo qualche soldo… per le voie…
ma spesso fo baruffa co’ mi Moie!

…Ma si va male?… Gesse ancor più male!
Voldì per me… sarà questo el disegno…
finché ciò un po’ de robba… me l’arvenno
la casa! . L’orto! … El campo e l’orinale!
Per superane… sti tempacce brutte…
perché… si moro Io? . ènno morte tutte!

20

EL TESORO PIU’ GRANNE

Queccè de mèio al monno de un Munello
na Femmina o Maschietto ai primi passi?
Te casca, si manina tu je lassi…
curre e barcolla, col caminarello!
Quell’essere smarrito e paffutello
te parla balbettanno e te ce spassi,
che oltre a padre, madre, anche altra gente
schersa col frugoletto sorprennente!

Secondo la Regione… c’è chi je dice « El boccia »
oppure «Er Pupo» «El Citto» e anche «El Putto»;
te smugina i cassetti o la saccoccia,
basta leva lo sguardo e spacca tutto;
apre el bidè!… Se molla co’ la doccia…
camina a gatto e gira dapertutto…
però… però… ve vojo fa presente,
na casa senza Fije, nun cià gnente!

La Donna se completa… el cor se infiamma
brilleno l’occhi, pe’ la commozzione,
pe’ la vocina che la chiama Mamma!
Se sente invade da soddisfazione!
Da gioje… che non hanno paragone,
per genti, d’ogni ceto; è più d’un patrimonio
un Fijo, credo, è na benedizione,
supremo bène d’ogni matrimonio!

So certo che un Munello è proprio tutto
le pene de la vita fa scordà…
Dell’Amore vertiero, il più bel frutto!
è un bène immenso… che nse pò stima!
…Per Madre! Padre! Zii, la Nonna e Nonno,
è… el tesoro più granne che c’è al monno!

22

ERA TAGINA. TADINUM. TAINO. ORA AL PRESENTE E’ GUALDO TADINO

Salubre è l’aria, e tua bonaria Gente
l’Ospite accoglie con gentile affetto;
scrigno è dell’Umbria ai pie dell’Appennino,
Gualdo Tadino.

Benefica ristora alle tue fonti l’acqua,
e s’ammanta di verde la tua roccia,
e i monti tuoi profuman di narcisi,
Gualdo Tadino.

Il tuo Castello ha l’orma del passato
e l’eco ancor di trombe e di battaglie,
nell’aere passa, quel silenzio arcano
dei Santi e dei Romiti.

Le vecchie Mura narrano la Storia
e il Campanon della Civica Torre,
da, con rintocchi, brividi di festa,
Gualdo Tadino.

Le Chiese tue si porgono la mano,
canta col suo Roson San Benedetto,
da San Francesco viene un Cor di Salmi.
Prega e Lavora.

OGni fabbrica, qui ferve in tant’opre,
da informe creta l’arte dei tuoi Figli trae,
con il fuoco, l’Iride del Sole.
Gualdo Tadino,

…Incendiata… Distrutta e ancor rinata..
Waldum… Tagina… Tadinum… Taino,
Arte!… Fierezza. e in Santità Onorata…
…questa è la mia Città… Gualdo Tadino.

23

INNAMORATI…

La ricorrenza di San Valentino
ad esaltare Amore. ovunque vale,
scambio di doni e impegno genuino
che si riallaccia al tempo Medioevale,
di tradizioni antiche… di leggende…
fatti di sangue e punizion tremende.
molto cupo davvero quella Inglese…
sentimentale, invece, la Francese!

Trassero infatti poi gli auspici buoni,
dal fatto grave… affetto ben cortese…
da quei Naturalisti… da studiosi Stregoni,
questo ci narra la version Francese;
quattordici Febbraio. anche in giorni non belli
dal letargo invernale… risveglio degli uccelli!
E… questo non vi sembri cosa strana…
si risveglia all’Amor… La Razza Umana!

La tradizione cupa… quella Inglese;
nell’alto Medio Evo… il dramma è serio…
offendere il pudor… gravi l’offese
il quel Regno un esempio deleterio!
E… la condanna fu… per leggi lese…
a una Coppia trovata in adulterio…
Arsi vivi! … in un Bosco!… Ma che guaio!
A Leicester un quattordici Febbraio!

La compassione subentrò all’orrore,
e da quei tempi… ovunque in questa data,
scambio di doni e promesse d’Amore…
che Fidanzato fa alla Fidanzata!
Poi un Santo fu il Patrono dell’Amore…
perché sua Testa fu decapitata…
un Vescovo di nome Valentino…
anno ducento settantatrè! Città dell’Aventino!

…E …II Santo ch’è di Terni un buon Patrono,
dal suo Martirio… da i tempi passati…
nel giorno degli scambi, dei lor doni…
veglia le coppie degli Innamorati!
L’Amore veritiero!… Giusto e buono!
giurano negli scambi… al Santo grati…
E… Valentino Santo Protettore…
Esalta e benedice il loro Amore!

24

DUE CUORE E UNA CAPANNA

Due cuore e una capanna
quando in accordo amore,
fanno goder la Vita
perché nel buon umore.
L’eterno femminino
sarà sempre il richiamo,
nel gioco a rimpiattino,
per un mistero arcano.

E… l’Uomo d’ogni razza
di città di campagna,
sceglierà la sua Donna
per fedele compagna.
Ma… esiste o non esiste?
il vagheggiato bello?
Come fare a rispondere…
se questa… quella o quello!

Il Bello… è quell’Amore
che si sprigiona al cuore!
Un’immensa ricchezza…
gioia e spensieratezza!
Ed ogni donna amata…
ha per mondo il Marito.
dall’Africa infuocata…
al più gelido sito.

L’affetto mai nasconde
l’amore più sincero,
come nel mare l’onde…
moto perpetuo vero!
…Due cuori e una capanna,
da l’estasi d’Amore…
e chi comprenderà…
avrà: Felicità!

26

L’ITALIA HA UN CUORE VERDE L’UMBRIA

Confina con le Marche… la Toscana
ad Est ancora Marche e a Sud il Lazio,
da Spoleto a Perugia molta piana
e vari monti di color topazio!
Su i millenovecento alto è il Palino
Mont’Aspro è il terzo… dopo del Pennino .

Valichi cinque di un’altezza varia,
Bocca Serriola … Scheggia e Col Fiorito ,
Fossato e l’altra ch’è Bocca Trabaria
minori passi ancora in ogni sito;
dall’ Appennino Umbro Marchigiano …
nascono fiumi a dissetare il piano.
Il Tevere fa ingresso a San Giustino ,

Bastia il bel Chiascio , nel suo seno alloggia,
a Terni il Nera brinda col Velino ,
il Paglia bagna Orvieto ed il Marroggia
Corno … Topino … ed il Clitunno ameno
i Laghi… Corbara… Piediluco… Trasimeno.

Per gli occhi. l’ Umbria è una goduia fine!
Verdi i suoi Castagneti ed Uliveti,
Acque abbondanti… pure e Cristalline,
Ricchi Colli, Declivi e gran Vigneti;
che dan Vini pregiati: L’Orvietano
Tassignano, Nebiolo ed il Trebbiano.

Dalla Flaminia… Consolare Via,
il commercio si irradia in essa attorno,
l’Umbro lavoro… ingegno e valentia…
da Terni … le fusioni d’altiforno…
ci dan caldaie … macchinari, travi,
materie per aerei!… Treni e navi!

Narni: fertilizzanti e iutifici,
Norcia… formaggi e carni alimentari!
Foligno… per i suoi zuccherifici!
Spoleto… il festival e tartufi rari;
studi a Perugia (Etrusca e Bizantina)
cioccolati e biscotti Perugina.

Gualdo Tadino… Gubbio con Deruta,
Perugia… Orvieto… Città di Castello,
fan Ceramica bella e conosciuta
esaltata dal forno e dal pennello;
Assisi!… Cascia!… Norcia… in santità,
fari di Fede e di Cristianità!

II clima è mite, l’acque il panorama!
Nel ritemperare forze e guarir mali
il forestiero in ogni dì richiama,
per l’acqua fresche in prodigiosi sali!
L’Oligo minerali d’etichetta…
San Gemini!… Nocera!… la Rocchetta!

Ogni città dell’Umbria ha nomi illustri:
Jacopone da Todi (francescano)
Matteo da Gualdo!… che ci dette lustro!
San Francesco d’Assisi… e a Fontignano…
morì il Pittore dal tocco divino;
( Pietro Vannucci ) detto il Perugino !

…Umbria.,. Terra di Santi e di Poeti!
Di Dotti!… Artisti!… Condottieri!… Asceti!
…Io… t’ho descritta in chiave di poesia …
La terra verde… dell’Italia mia!

27

L’ORA DEL VESPRO

Tramonta il sole… sta venendo sera,
una candela illumina una Croce!
La gente sottovoce…
eleva alla Madonna una preghiera!

Ave, o Maria! Il tuo nome sia lodato,
tu Madre di Purezza…
ascolta con dolcezza,
chi nell’ora del Vespro t’ha invocato.

In Chiesa già si sentono le note
di un organo che porta tenerezza
e che in ampiezza
ogni volta del Tempio ripercuote.

Finito il giorno e torna dal lavoro,
dai campi… dagli uffici e l’officina…
che con decoro
s’è guadagnato il pan dalla mattina.

…Pian, piano si attutisce ogni rumore…
« L’ora del Vespro… dell’Ave Maria…»
l’uman gregge… ringrazia il Creatore…
prega e risponde al Prete: e Così Sia!

29

IL MIO INTERROGATIVO

Poeta, si diventa o ci si nasce?
Questo non lo so dir, gente discreta,
ancor da poco aveo smesso le fasce…
già mi sentivo attratto, dal Poeta!
Un’alba!… Un fiore! Un bimbo quando nasce
nel recepirli con la mente lieta,
poi descriveva e sensazioni prime
ed alternate diventavan rime!

Il veder da Poeta… è bella cosa!
Dall’intelletto che ci diè il Signore…
par di udire una voce misteriosa
da tanti impulsi che ti detta il core!
II cervello officina laboriosa
descrivendo Creato e Creatore,
ti fa sognare sempre cose belle
che pur se piove… in ciel vedi le stelle!

Giorno che nasce… il tramontar di sera,
i voli degli uccelli in lunga scia…
le piante… I prati… i fiori in Primavera
lo stornire del bosco una malìa;
l’animo del Poeta… è lindo e bello
nell’abolire la parola guerra .
cerca di amare il prossimo fratello …

30

INDICE

El papagallo spione
7
Nina l’idealista
9
I capellune
10
Nonni e nipoti
11
Una settimana piena d’incarichi
12
El somaro de Cianfico
15
‘Na donna sprovveduta
17
Gualdo Tadino: Cenerentola dell’Umbria?
18
Ferie estive
20
El tesoro più granne
22
Gualdo Tadino
23
Innamorati
24
Due cuori e una capanna
26
Umbria: cuore verde d’Italia
27
L’ora del vespro
29
II mio interrogativo
30

© Aldo Gammaitoni – Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *