Cerquetino

Cerquetino commedia in 9 atti di Riccardo SerroniIndice:
Atto 1° Aula scolastica
Atto 2° Una cucina
Atto 3° La fiera
Atto 4° Il viaggio
Atto 5° La sistemazione
Atto 6° Il camerone degli operai
Atto 7° La casa di Sterina
Atto 8° La costruzione della casa
Atto 9°  L’interno di una casa

♣♣♣

ATTO 1° – Aula scolastica

Scena:
Un’aula scolastica. I bambini giocano in terra. Entrano due maestre e due vecchietti, Cerquetino e la moglie Sterina, con il bastone.

1a MAESTRA- ( Batte le mani) Allora bambini, sono arrivati i due nonnini per l’intervista.
2a MAESTRA- Mettiamoci a sedere in cerchio come abbiamo stabilito.

I bambini si siedono in terra a semicerchio ed i due vecchietti si siedono in mezzo alla circonferenza del semicerchio.

1a Maestra- (Rivolata ai vecchietti) Eccoci qua, state bene?
CERQUETINO- Benissimo. Sto commo ‘n papa.
STERINA- Bene, bene, ‘nce manca gnente.
2a MAESTRA- (Ha in mano il calendario 2005 della scuola). Allora bambini, vogliamo spiegare ai nostri nonni perché li abbiamo invitati?
BAMBINI (in coro)- Siiii
2a MAESTRA- Abbiamo messo a confronto le fotografie della pianura di Gualdo Tadino. Una di 70 anni fa ed una di oggi.
BAMBINI (in coro)- Siiii
1a MAESTRA- E che cosa abbiamo scoperto?
1° BAMBINO- Che 70 anni fa Cerqueto era ‘na pisciatina. C’erano solo quattro case.
2° BAMBINO- Mentre oggi a Cerqueto ci sono tante case.
3° BAMBINO- E’ diventato un paese grosso grosso.
2a MAESTRA- E come mai?
4° BAMBINO- Booh!
1A MAESTRA- Come boh? Che cosa abbiamo studiato in queste settimane?
2a MAESTRA- Perché in questi ultimi 70 anni a Cerqueto…
BAMBINI (in coro)- Ci sono venute ad abitare tante famiglie.
1a MAESTRA- Bravi. E da dove sono venute tutte queste famiglie?
4° BAMBINO- Booh!
2a MAESTRA- Ardaie co’ sto booh. Non abbiamo fatto un’indagine?
BAMBINI (in coro)- Sììììììì
1a MAESTRA- E non abbiamo scoperto da dove sono arrivate tante famiglie?
BAMBINI (in coro)- Sììììì
2a MAESTRA- E allora diciamolo ai nostri nonnini.
5° BAMBINO (alza la mano)
1a MAESTRA- Che c’è Mattia?
5° BAMBINO- Questi n’enno i nonni mia.
2a MAESTRA- Ma certo, ho detto i nostri perché sono nostri ospiti nella classe.
1a MAESTRA- Allora vediamo. Chi si ricorda da dove vengono le famiglie che abbiamo intervistato?

I bambini citano a turno alcune località del cartellone.

2a MAESTRA- Bene. E, come abbiamo visto, alcune famiglie vengono dall’estero. Cioè dalla Francia, dal Lussemburgo, dalla Svizzera. E per sapere come mai sono andati all’estero abbiamo invitato questi due nonni che quando erano giovani sono andati a lavorare in Francia.
1a MAESTRA- Quindi sono stati degli e…
BAMBINI (in coro)- Emigranti.
1a MAESTRA- Bene. E adesso che gli abbiamo spiegato tutto ascoltiamo la loro storia. Va bene bambini?
BAMBINI (in coro)- Sìììì
CERQUETINO- E’èèèh… la storia nostra è lunga. Io me chiamo Cerquetino e questa è la moglie mia Sterina. Dopo la guerra, nel 1949, c’era la fame. Non c’era lavoro, non si guadagnava niente. E allora siamo andati a lavorare all’estero. (Rivolto ad un bambino) Tu me sa che non sei di qui, non sei italiano, vero?.
BAMBINO- No, vengo dal Marocco
BAMBINO- Io vengo dall’Albania
BAMBINO- Io vengo dalla Romania
CERQUETINO- La storia della famiglia mia è come quella della famiglia vostra, ma all’incontrario. Io ho fatto come i genitori vostri che sono partiti dai loro paesi per venire in Italia perché qui si sta meglio, c’è il lavoro e se guadagna di più. Io ho fatto lo stesso 60 anni fa. Solo che so’ partito dall’Italia pe’ andà in Francia. Adesso ve lo racconto
Si chiude il sipario.

Atto 2° – La cucina

Scena:
Una cucina, una nonna, una mamma con tanti bambini.

Voce di Cerquetino fuori campo:
Dopo la guerra, 60 anni fa, da ste parti c’era tanta fame. Non avevamo nemmeno gli occhi pe’ piagne. Le mie tre sorelle, mia madre vedova…casalinga… si magniamo il giorno può darsi che nun c’aiamo gnente da magnà’ pe’ la sera. La nostra fonte di reddito erano le galline. Vendevamo qualche uovo e ci compravamo il minimo indispensabile di cui avevamo bisogno.

1° BAMBINA- (La mamma sfaccenda. La bambina le tira un lembo del vestito) Oh ma’, ho fame!
MAMMA- Eh, hae fame, hae fame! Tu hae sempre fame. Que te posso fa’ io (Le porge un piccolo tozzo di pane) Toh, magna questo adesso.
1a BAMBINA- (Morde il pane) Ma è duro commo ‘n sasso. Commo fo’ a magnallo?.
MAMMA (Riempie un bicchiere d’acqua da una brocca) Toh, mollece ‘el pane.
NONNA- Eh, tuquì commo giremo a finì. Ogni giorno che passa è peggio. ‘Nto sta casa ‘n’entrano manco cinque lire pe’ sbaglio.
MAMMA (Cerca in vari punti della casa) Enno finiti i fulminanti. Tocca gilli a comprà. Prende un uovo e lo porge alla bambina) Tè, va allo spaccio a comprà ‘na scatola de fulminanti. Ma nun te fa fregà eh. Fatte dà ‘l resto.
1A BAMBINA- Adesso finisco ‘l pane, doppo ce vo.
MAMMA- Va bene, ma sbrighete che me servono.
2a BAMBINA- (Entra) Mamma, que posso magnà?
MAMMA- Eh, ma oggi facete tutti sta solfa. Ve sete passate la voce?
2a BAMBINA- Ma io ho fame! Sento ‘na lagnarella dentro lo stommico…
MAMMA- Tié, anche da te ‘n pezzo de pane (Le porge un pezzo di pane. Poi le riempie un bicchiere d’acqua e glie lo porge). Mollalo ‘ntell’acqua anche tu, sinnò nun te va giù.
1a BAMBINA- Oh ma’, io ho finito il quaderno. Me tocca compranne ‘n’altro.
MAMMA- T’ho dato ‘n’ovo, no? Ce compri i fulminanti e col resto ce piji anche ‘l quaderno.
1a BAMBINA. Ma nun basta ‘n’ovo. Ce ne vole ‘n’altro.
MAMMA (Le dà un altro uovo) Toh, pijene ‘n’altro. Ma nun li fa cascà ch’enno gli ultimi.
NONNA- Eh, sti fijarelli. Me fonno pena. Ma commo s’avrìa da fa’. Ste quattro gallinelle fetano fetano, ma più de quello porelle que possono fa? Mica ce possono mantené da tutti!
3a BAMBINA-(entra con un fagottino in mano e lo porge alla mamma) Tiè, ma’, Carmela m’ha dato sto pezzo di cacio.
MAMMA- (Apre l’involtino) Pe’ du’ giorni che je se gita a parà le pecore t’ha dato solo sto pezzetto de cacio? (lo odora) Eppù’ me pare che sa anche de mugido (lo analizza)e è anche ‘ntantino calfito. Ce s’è sprecata tutta! (Lo ripone)
3a BAMBINA- Nun me ne dae ‘n pezzettino? Oggi per pranzo ho magnato ‘n pezzo de pane mollato ‘ntel vino.
MAMMA- (Le porge il solito pezzo di pane con il bicchiere d’acqua) ‘l cacio c’el magnamo stasera a cena. Adesso magnete sto pane, giusto pe’ fermatte lo stommico. Mollelo dentro l’acqua. Cucì s’arfà un tantino e je cambia anco sapore.
NONNA- ‘l pane fa bene, dà la forza.
3a BAMBINA- Ma si ce saria ‘n po de companatico faria anche meglio.
2a BAMBINA- Ah, anche ta mé me serve ‘l quaderno.
MAMMA- Oh, ma tutte oggi ve scatenate? Va giù ‘l pollaio e va vedé si honno fetato le galline. Si ce n’è uno dallo a tu sorella. Sinnò nun so che bene fatte. El comprerare domani.
CERQUETINO- (Entra e porge un fagottino alla mamma) Toh, Cesare m’ha dato ‘n salametto.
MAMMA- (Lo prende e lo ripone) Cesare è stato ‘n po’ più cristiano de Carmela.
CERQUETINO- Oh, ma io je so stato tutt’oggi a lavorà giù pel campo…
NONNA- Eh…ma le fattiche nun conteno gnente. Quanno uno è disgraziato è disgraziato sempre.
CERQUETINO- Oh ma’, stasera vorrio gì a ballà.
MAMMA- E vacce, chi te dice gnente?
CERQUETINO- Sì ma, me serviria qualche lira. Mica ce posso gì co’ le saccocce vote. Si ho da pagà ‘n bicchiere de vino da ‘na ragazza con que j’el pago?
MAMMA (Esce e poi rientra)- To, enno le ultime cento lire. L’haio messi da parte pe’ qualche evenienza. Cerca de non consumalle tutte.
CERQUETINO- Grazie ma’, po’ esse che manco le consumo pe’ gnente, però me sento più tranquillo si ce l’ho ‘nte la saccoccia.
MAMMA- (Si siede e si rivolge al figlio) Sì, ma cucì nun se po’ gi’ più avanti. C’ammazzamo de lavoro da la matina a la sera per que? Pe ‘n pezzo de cacio e ‘n salametto. Commo facemo a gi’ avanti?
CERQUETINO- Io c’ho provato a cercamme qualche lavoro, ma nun ho trovato gnente.
MAMMA- El so, el so. Voi di’ che ‘n’el so? Que voe fa fijo mio.
3a BAMBINA (Rientra con l’uovo in mano) Ho trovato st’ovetto (lo porge alla sorella, la 1a bambina) Tè, comprame ‘n quaderno a righe anche per me.
CERQUETINO- Io ‘l so que ho da fa’.
1A BAMBINA- Que voe fa?
CERQUETO- Vojo gi’ via.
2A BAMBINA- E perché voi gi’ via?
CERQUETO- Perché tuqui ce moremo de fame, ecco perché.
3A BAMBINA- E do’ voe gi’
CERQUETO- All’estero.
1A BAMBINA- E que è l’estero?
CERQUETINO- In Francia. Vojo gi’ a lavorà in Francia.
2A BAMBINA- E do è la Francia?
CERQUETINO- (Si gira in direzione del Nord ed indica con la mano) E’… tolassù.
3A BAMBINA- Tolassù do’
CERQUETINO- Tolassù. E’ lontano. Io nun ce so stato mae, ma c’è. E’ tolassù.
MAMMA- (Piagnucolando) E’ ragione fijo mio, parte. Que stae a fa’ tu qui?
NONNA- Parte, parte. Almeno te fae ‘na posizione. Sinnò tuquì t’ammazzi de fatica e ‘n’arrizzi ‘n chiodo.
CERQUETINO- Domane vo’ a la fiera. M’honno itto che c’è uno che cerca la gente pe’ gi in Francia. Je dico se me porta via.
MAMMA- Va, va. Almeno c’armanni qualche soldo.
1A BAMBINA- E io me posso comprà un par de scarpe
2A BAMBINA- Io ‘na camicetta
3A BAMBINA- Io ‘na gonna nova
NONNA- Io gli occhiali novi…..

A sfumare con i desideri di tutti. Cala il sipario.

CERQUETINO- Tolassù. E’ lontano. Io nun ce so stato mae, ma c’è. E’ tolassù.
MAMMA- (Piagnucolando) E’ ragione fijo mio, parte. Que stae a fa’ tu qui?
NONNA- Parte, parte. Almeno te fae ‘na posizione. Sinnò tuquì t’ammazzi de fatica e ‘n’arrizzi ‘n chiodo.
CERQUETINO- Domane vo’ a la fiera. M’honno itto che c’è uno che cerca la gente pe’ gi in Francia. Je dico se me porta via.
MAMMA- Va, va. Almeno c’armanni qualche soldo.
1A BAMBINA- E io me posso comprà un par de scarpe
2A BAMBINA- Io ‘na camicetta
3A BAMBINA- Io ‘na gonna nova
NONNA- Io gli occhiali novi…..

A sfumare con i desideri di tutti. Cala il sipario.

ATTO 3° – La fiera

Scena:
La fiera. Tante bancarelle con tanti venditori di vario genere. Uomini e donne passeggiano per osservare le bancarelle.

1A DONNA- Ovi, ovi freschi!
2A DONNA- (Si avvicina) Quanto li facete gli ovi signò?
1A DONNA- Cinque lire l’uno.
2A DONNA- Enno troppo cari.
1A DONNA- Ma que enno cari. Mica li vo’ a rubbà, io. Tuquì c’enno tutte le fattiche mia. Ta que le gallinelle le tengo commo le regine.
2A DONNA- No no, enno troppo cari (si allontana)
1A DONNA- E vene o, do’ gete? Facemo quattro lire, va bene?
2A DONNA- (Si ferma e torna indietro) E girà bene. Tanto anco vue non è che stete tu qui pe’ ‘na gita de piacere. Demmene ‘na decina, cucì pareggiamo 40 lire.
3A DONNA- (Ad una coppia che s’avvicina) Volete vedé sti maialetti?
1° DONNA- Veramente ce semo venuti apposta. Ce volemo arportà du’ maialetti.
4A DONNA(La moglie)- Però enno troppo piccoli.
2° UOMO (Marito della 3a donna)- Ma que piccoli. Nun guardate ‘l pezzo che il tempo ce l’honno.
1 UOMO- Pe’ esse piccoli enno piccoli. Guardateli. Enno tutti ‘ntarnacchiti. Pare ch’enno nati ieri. Però si nun v’attaccate tanto sul prezzo…
3A DONNA- Ah, eccolo perché enno piccoli. Nun volete scucì i soldi, altro che piccoli.
4A DONNA- I soldi ce l’emo, vue nun ve preoccupate. Nun ce n’avremo tanti ma pe’ comprà du’ maialetti nun ce mancheno. E’ dall’inizio dell’anno che li tengo da parte. Cinque lire oggi, cinque lire domani, que le gallinelle mia enno tanto brave, pore cocche.
2° UOMO- Cinquanta lire al chilo. Non ‘na lira de meno.
1° UOMO- Quarantacinque.
3° UOMO (si intromette) Oh, nun vorrete litigà pe ‘cinque lire. Qua, deteme la mano.
1° UOMO- Me ‘ngoiasse ‘n rospo vivo si fo de meno. Cinquanta ho itto e cinquanta ha da esse.
2° UOMO (Fa per andarse) Gnente, gnente, co’ questo nun ce se discorre (Rivolto alla moglie) Gemo via.
3° UOMO- (Lo trattiene) Ma do’ gete! Venete o, perché nun volete fa’ st’affare. (Prende le mani dei due contendenti e le unisce). Allora, facemo quarantotto lire e nun se ne parla più (stacca con una botta le mani unite). Ah, che faticaccia. Penso che ‘na biuta ce la semo guadagnata. Paga chi venne no? Gemo all’osteria (prende sottobraccio gli altri due e se ne vanno.
4° UOMO- (Attacca un manifestino su un albero, aiutato da un compagno. Si avvicinano subito molti ragazzi)
1° RAGAZZO- (Osserva il manifesto) Que c’è scritto?
4° UOMO- Leggi, nun n’el vedi?
1° RAGAZZO- Si sapio legge n’el chiedevo ta vue.
5 ° UOMO (Al secondo ragazzo) Manco tu sae legge?
2° RAGAZZO- Ho ripetuto tre anni la prima e pu’ babbo ha itto che nun valea la pena perde tempo co’ la scola, chè c’haio da parà le pecore. E nun ce so gito più.
3° RAGAZZO- Io so legge. Ho fatto la quinta elementare.
4° UOMO- Allora leggi forte, così sentono tutti.
3° RAGAZZO- Tutti i ragazzi maggiorenni che vogliono andare a lavorare all’estero si facciano avanti.
4° RAGAZZO- All’estero do’?
5° UOMO- In Francia.
6° RAGAZZO- A fare che.
4° UOMO- A fare che? A lavorà no? Ce l’avete due braccia pe’ lavorà, no?
7° RAGAZZO- Certo che ce l’emo, ma si doppo nun semo boni?
CERQUETINO- Si ce chiedono da fa’ cose che nun emo fatto mae commo se mette? C’armanneno ‘l giorno doppo?
5° UOMO- Sete boni, sete boni. Basta che c’avete voglia de lavorà che pe’ imparà, imparate subito.
1° RAGAZZO- Quanno se parte?
4°UOMO- Fra ‘na settimana.
2° RAGAZZO- Do’ ce vedemo?
5° UOMO- Ce troviamo alla stazione. Alle 6 della mattina.
3° RAGAZZO- E gemo fino in Francia col treno?
4° UOMO- No. Andremo in treno fino a Torino. Poi a Torino vi prenderà in custodia una guida e dovrete attraversare il confine a piedi passando per un sentiero di montagna.
4° RAGAZZO- E perché tocca fasse sta camminata a piedi?
5° UOMO- Perché non avete i documenti. Andrete in Francia da clandestini. E se alla frontiera vi beccano vi rispediscono a casa. Passando per la montagna è più facile superare il confine senza essere visti.
5° RAGAZZO- E pe’l treno quanto ce vole?
4° UOMO- Otto ore per arrivare a Torino.
6° RAGAZZO- Nun volìo di’ de tempo. Volìo di’ de soldi.
5° UOMO- Cinquecento lire per arrivare a Torino.
7° RAGAZZO- ‘n colpo! E do’ le trovo? ‘nte ‘n casa mia, si arvultichi anche tutti i materassi, ce troverai dieci lire si se’ fortunato. Voja le galline a sbudellasse pe’ fetà.
1° RAGAZZO- Semo tutti cucì. El problema c’è per tutti.
2° RAGAZZO- Tanto peggio.
3° RAGAZZO- Facemo ‘na cosa. Tanto semo tutti ‘ntenzionati a parti’. Chi po’, fa qualche giornata. Ardunamo tutto quello che c’emo e ‘l mettemo insieme
4° RAGAZZO- Bella pensata.
5° RAGAZZO- Io me venno que la biciclettaccia. Tanto, si parto, que ce fo più?
6° RAGAZZO- Io me venno l’orghinetto, si trovo qualcuno ch’el vole.
7° RAGAZZO- No, l’orghinetto no. L’orghinetto portatelo in Francia. Ce farae passà ‘l tempo co’ qualche sonata.
CERQUETINO- Chissà? E chi c’el dice che trovamo lavoro tutti ‘nte lo stesso posto?
4° UOMO- Non è detto. Dove servite vi mandano. E non fate gli schifignosi. In Francia pagheno bene ma vogliono vedere lavorare.
5° UOMO- Allora ci vediamo alla stazione

Si disperdono

Atto 4° – Il viaggio

Scena:
la cima di una montagna- Due cartelli indicano Italia e Francia. Un gruppo di ragazzi arrivano ansimando trafelati per la grande fatica. Li guida un uomo.

Voce di Cerquetino fuori campo:
“Così decidemmo di partire. Arrivammo a Torino con il treno. Poi, siccome non avevamo i permessi necessari, dovemmo salire a piedi sulla montagna per passare il confine in un punto dove c’era poca sorveglianza. Ci accompagnò una guida che conosceva molto bene il sentiero. Che faticaccia a salire!.

GUIDA- Ah, eccoci. Abbiamo superato la frontiera. Siamo in Francia.
1° RAGAZZO- Te pijasse ‘n colpo quant’era ‘n su!
2° RAGAZZO- Senti, el core me batte cucì forte commo mamma quanno batte su la battilarda.
3° RAGAZZO- (Si siede) Adesso magno. Me s’è formato un buco ‘nte lo stommico che si nun l’arnempo subbito me moro (apre il suo tascapane tirando fuori pane, formaggio e una bottiglia di vino che offre ai compagni) Volete be’?
4° RAGAZZO- Sì va, dammene ‘n goccio (Beve una sorsata, poi asciuga il collo della bottiglia con la manica e si asciuga la bocca strifinandola con il dorso della mano, quindi passa la bottiglia al 5° ragazzo)
5° RAGAZZO (Beve come il precedente) Sa ‘n po de solfo ma me ce cojia.
GUIDA- Tutti a terra! (I ragazzi si gettano a terra)
1° RAGAZZO- Que c’è? Que succede?
GUIDA- Ci sono i soldati che controllano la frontiera.
CERQUETINO- Ma n’hai ditto che stiamo già in Francia?
GUIDA- Mi sono sbagliato. Siamo ancora in territorio italiano. Bisogna strisciare per terra per cercare di superare la frontiera
2° RAGAZZO- E si ce chiappeno que succede?
GUIDA- Vi rispediscono a casa.
3° RAGAZZO- Emo fatto tutta sta fattigata pe’ gnente?
GUIDA- State zitti che ci scoprono.
4° RAGAZZO- Ragà, deteje retta che si ce scoprono tocca argì a lavorà giù i campi pe’ gnente commo emo fatto fino adesso.
GUIDA- Giù a terra e strisciate dietro di me. (Cominciano a strisciare- Le guardie delle due frontiere si guardano da una parte e dall’altra)
5° RAGAZZO (strilla) Ahio!
GUARDIA ITALIANA- Altolà, chi va là? (spiana il fucile ed i fuggitivi si alzano)
GUARDIA IT- Bene, bene! Non mi direte che stavate andando a funghi.
1°RAGAZZO (al 5°) – Nun te potìe sta’ zitto? C’hae fatto scoprì.
5°RAGAZZO- Que haio da fa’? Me s’è ficcata ‘na spina ‘nte ‘na mano. Vorrio vedè que avriste fatto tu al posto mio.
2° RAGAZZO- Potie sopportà ‘ntantino. Adesso è ‘n casino.
3° RAGAZZO- Si c’armanneno ‘n dietro que figura ce facemo co’ quelli del paese nostro.
4° RAGAZZO- E facevvela finita. Cucì, si la guardia n’haia capito, jete spiegato tutto vojaltri.
GUARDIA IT- Bene bene. Così ve la stavate svignando dall’Italia.
GUARDIA FR-Ils sont italiens?
5° RAGAZZO- Que vole quello? Chi è?
GUIDA- E’ un soldato francese che controlla la frontiera francese.
GUARDIA IT-Sono clandestini che vogliono passare il confine.
GUIDA- Ma che clandestini. Sono ragazzi che…
GUARDIA IT- Lei stia zitto che peggiora la sua posizione. Lei è colpevole per favoreggiamento dell’espatrio clandestino.
GUARDIA FR- Ils son garcons qui viennent à travailler. Laissez venir.
6° RAGAZZO- Qua itto?
GUIDA- Ha chiesto al soldato italiano di lasciarvi passare, perché andate a lavorare.
6° RAGAZZO- Sta zitto che allora se mette bene. Sì lue dice de facce passà, sto merluzzo de ‘n’italiano ce farà passà.
GUIDA- Non ci giurerei.
GUARDIA IT- Sono clandestini che lasciano l’Italia senza permesso. Non possono passare.
1° RAGAZZO- Facecce sto piacere. Facecce passà. Que male facemo? Mica gemo a rubbà o a ammazzà. Gemo a fattigà perché ‘ntel paese nostro ce moremo de fame, nun c’emo manco gli occhi pe’ piagne.
GUARDIA IT- Da dove venite?
CERQUETINO- Da Cerqueto.
GUARDIA IT- E dov’è questo Cerqueto?
CERQUETINO- Cerqueto…è…(si gira dalla parte opposta del soldato ed indica con la mano) Tolaggiù.
GUARDIA IT- (Spazientito) Laggiù dove?
CERQUETINO- Tolaggiù. (Si gira dalla parte opposta con la mano alzata) No tolassù, tu laggiù.
GUARDIA IT- (Arrabbiato) Laggiù dove? Che modo di esprimersi. In Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, dove?
CERQUETINO- Eh…eh…
GUARDIA IT- Eh… cosa?
CERQUETINO- N’ete itte ‘n po’ troppe ma ‘ntel mucchio c’ete chiappato.
GUARDIA IT- Ma stiamo a fare gli indovinelli? Mi dica da dove venite.
1° RAGAZZO- Dall’Umbria, da un paesino in provincia di Perugia che si chiama Cerqueto.
2° RAGAZZO- Nel comune di Gualdo Tadino.
GUARDIA IT- E siete venuti a piedi da Gualdo Tadino?
3° RAGAZZO- Morti de fame sì, ma mica semo matti.
4° RAGAZZO- Fino a Torino ce semo venuti col treno. Pe’ fa’ ‘l bijetto ce semo vennuti tutto quello che c’aiamo.
5° RAGAZZO- E nun c’enno bastati. Emo fatto anco i debbiti.
1° RAGAZZO- Mo, si c’armannate a casa, con que li pagamo i debbiti, co’ i sospiri?
2° RAGAZZO- Nun ve dicemo le bugie.
3° RAGAZZO- M’engoiasse ‘n ombrello e me s’arroprisse ‘nte lo stommico si dicemo ‘n’oncia de bugia.
4° RAGAZZO- Nun ce potete armannà. A casa c’emo cento bocche affamate che aspettano i soldi che nualtre speramo de guadagnà in Francia.
5° RAGAZZO- Si nun ce facete passà, que magneno, le vitalbie?
GUARDIA IT- Mi dispiace, capisco i vostri problemi ma la legge è legge.
GUARDIA FR- Laissez venir. Il veulent travailler, vous pouvez!
GUARDIA IT- Non posso. Ci vado di mezzo io.
GUARDIA FR- Laissez venir. Aucun personne saurà rien.
CERQUETINO- Qua itto?
GUIDA- Gli ha chiesto di lasciarvi passare che non rischierà niente perché nessuno lo saprà
CERQUETINO- Eh, eh…bravo. Chi ‘l saprà mai?
GUARDIA IT- La mia coscienza.
GUIDA- Se lei ha una coscienza li deve far passare.
GUARDIA FR- Conscience, conscience…laissez passer.
GUARDIA IT- Niente da fare. Adesso venite con me e vi rispediremo a Torino con un camion. Da lì vi metteremo su un treno per tornare nella vostra Cerqueto. Andiamo (Escono )
1° RAGAZZO- Che te pijasse la sciolta quanto è tristo ‘sto diavolo.
2° RAGAZZO- Me ‘l sentìo che gìa a finì’ cuci’. Semo nati sfortunati e ce ce moremo.
3° RAGAZZO- (Zoppica) E me ce so fatto male anche ‘nte ‘na carognola, me fa vedé le stelle.

Si chiude il sipario.

Atto 5° – La sistemazione

Scena:
Interno di un vagone con una decina di ragazzi, chi seduto su una seggiola, chi seduto per terra.

Voce di Cerquetino fuori campo:
Fallito il primo tentativo, ci riprovai ancora. Ma questa volta ho fatto tutto regolare. Mi sono fatto spedire da un mio zio un regolare contratto di lavoro e sono andato in Francia con il treno, passando la frontiera, a testa alta. Andai a lavorare con una ditta che lavorava il ferro che veniva estratto da una miniera. Ci misero a dormire in un vagone ferroviario. Era un vagone merci, senza letti e senza materassi. Dormivamo sul tavolaccio. Non c’era nemmeno il bagno e non c’era l’acqua. La notte si ballava la samba dal freddo.

1° RAGAZZO- Certo che su sto cantiere pare la torre de Babele. Se sentono cento lingue e nun ce sa capisce gnente.
2° RAGAZZO- E’ vero. C’enno portoghesi, polonesi.
3° RAGAZZO- Mesà che se dice polacchi.
2° RAGAZZO- Mbè, va be, quelli di lì. Pu’ c’enno i marocchini, i russi, gli slavi. Fortuna che ce capimo a cenni, sinnò senti tu che confusione.
4° RAGAZZO- Se vede che anco ‘nti paesi loro nun scialeno e pateno la fame.
5° RAGAZZO- Sinnò nun venieno a tribbolà tuquì.
1° RAGAZZO- Ta noialtri ce dicono orsi. ‘l sapete perché?
2° RAGAZZO- No, perché?
3° RAGAZZO- Perché noialtri, secondo loro, lavoramo troppo, ce demo troppo da fa’. Facemo gli straordinari, lavoramo anche la domennica. Per loro è troppo.
4° RAGAZZO- Ma tammé que me frega que pensono loro. Io vojo guadagnà più soldi che posso. Sinnò que ce so’ venuto a fa’, a vede’ com’è fatta la Francia?
1°RAGAZZO- (Si batte la pancia) Me s’è intruppata ‘nte lo stommico que la bisteccaccia e nun me va giù.
2°RAGAZZO- Per forza, parìa de magna la sola de le scarpe per quanto era dura.
3° RAGAZZO- Ce sarebbe voluto un goccetto de vino pe’ mannala giù mejo..
4° RAGAZZO- Accostete ‘n po’ dal vino si c’è coraggio. Te tajeno le mani da quanto è caro..
5° RAGAZZO- Io me rimpiango quel vinello de casa mia. Anche si sapìa ‘ntantino d’aceto gia giù tanto bene, era sempre mejo de st’acquaccia che sa de ferro che buttà giù
1° RAGAZZO- Certo che in Italia stìamo male, ma tuquì nun stemo mejo.
2° RAGAZZO- Ma que cerchi? Almeno tuquì se guadagneno i soldi. N’è visto la prima paga ch’emo preso?
3° RAGAZZO- Mamma mia, e chi l’aia visti mai quei soldi tutti ‘nte ‘na volta?
4° RAGAZZO- Io, più de la metà, l’ho spediti a casa. Finalmente i mia se potranno arvestì ‘ntantino. Nun c’era più ‘n vestito senza ‘na toppa dentro casa.
5° RAGAZZO- Anch’io l’ho armannati a casa. Cucì da fratemo e da sorema finalmente mamma je po’ comprà ‘n paio de scarpe. Fino adesso enno giti avanti co’ gli zoccaroni.
6° RAGAZZO- Tammé babbo m’ha itto che nun me consuma ‘na lira. Me li mette tutti da na parte e quanno c’emo ‘n bel mucchietto ce facemo casa a Cerqueto. Babbo è già ‘n parola co’ uno pe’ comprà la terra.
7° RAGAZZO- Anch’io me vojo fa’ casa. Col gabinetto, la sala, la cucina…tutto quello che ce vole.
CERQUETINO- Tutti ce volemo fa’ casa. Questo è ‘l sogno de tutti.
8° RAGAZZO- Io n’el so. Ce penso, ma nun so’ convinto. Tuquì già ho visto che se sta bene. Se lavora, se guadagna e, si nun te comporti male, te tratteno anche bene. Que c’arvò a fa’ in Italia, a patì la fame? Io mesà che me fermo tu qui.
1° RAGAZZO- Eh, l’Italia è l’Italia.
8° RAGAZZO- L’Italia è l’Italia, ma nun te guerna. Si volei guadagnà qualche soldo se’ dovuto venì in Francia.
2° RAGAZZO- Sì ma ‘l paese tua è sempre ‘l paese tua. Io nun vedo l’ora d’argimme. La sera, quanno me vo a dormì’, sento ‘n so que nto lo stommico, commo ‘na lagnarella…E’ commo si me manca qualcosa.
3° RAGAZZO- E’ la nostalgia. Anco tammé me ce fa. Sento la mancanza de casa mia.
9° RAGAZZO- Me tocca scappà a fa’ ‘n goccio d’acqua.
3° RAGAZZO- ‘l coraggio tua ce vole. Te se gela tutto (esce)
1° RAGAZZO- (Si stira preso dal sonno) Io me sà che me metto a dormì. Bona notte (si allunga sul pavimento e si copre con una coperta)
2° RAGAZZO- Sì va, anch’io me metto a dormì che m’è venuto sonno (si sdraia).
4° RAGAZZO- Tammè me mette pensiero de metteme a dormì su sto tavolaccio. M’è venuto ‘n mal de schina che nun ne posso più.
5° RAGAZZO- Prova a mettete su un fianco. Può darsi che dormi mejo.
4° RAGAZZO- Tutte le posizioni ho provato. La notte fo ‘l mattutino. Me giro e m’argiro commo el maiale ‘ntel fango, ma nun c’è verso de pijà sonno.
6° RAGAZZO- El letto nun c’è e il tavolaccio è duro. Ma la sera, prima d’addormentamme, penso a quei bei soldarelli de la paga e me se passa tutta la malinconia. Dormo commo ‘n ghiro.
7° RAGAZZO- Mettemmece a dormì che è tardi. Pu, da sto tavolaccio, più ce pensamo è peggio è.
CERQUETINO- (Si sdraia) Quanto rimpiango quel materasso de foje. Quanno te ce sdraiai sopra facia ‘n casino del diavolo, ma doppo te facevi la cuccetta e se stia commo ‘n papa. (Tutti si sono sdraiati)
9° RAGAZZO- (rientra) Dio ce ne scampi, che gelo! Me pensao che mi pijava ‘na paradese. (Si sdraia) Bona notte (tutti rispondono bona notte)

Durante la notte il 5° ragazzo russa.

1° RAGAZZO- Oh, smettela!
2° RAGAZZO- Te s’è ‘ngoiato ‘n ranocchio ier sera?
3° RAGAZZO- Te pijasse ‘l brutto male quanto sturbi?
4° RAGAZZO- Nun ne posso più (si solleva a sedere e gli tira una scarpa) Vojo vedé.
5° RAGAZZO- (Si solleva a sedere all’improvviso) Eh? Que c’è? Que succede?
6° RAGAZZO- Succede che nun ce fae dormì. Pare che c’hae ‘na raganella ‘nte la gola.
5° RAGAZZO- Ma va ‘n galera (si rimette a dormire a subito ricomincia a russare)
7° RAGAZZO- (Si solleva a sedere) Io ‘n ne posso più. El butto fora dal vagone.
CERQUETINO- Tappete le orecchie co’ l’ovatta (gli getta un batuffolo di ovatta). Un po’ fa.
8° RAGAZZO- Je la volemo mette ‘nte la bocca ‘n po’ d’ovatta? Chissà se je fa bene?
9° RAGAZZO- Je ce mettirio ‘n sorce morto, altro che l’ovatta.
1° RAGAZZO-Oh, smettetela. Facete più casino vojaltri che lue. (tacciono)

E’ giorno. Il 2° ragazzo si alza.

2°RAGAZZO- (Si stira) Br che freddo! (Forte) Ohé, ragà, nun v’alzate? (Comincia a dare i calci agli altri che dormono) Sveglia! E’ ora de gi’ a fattigà. Mica semo venuti in vacanza.

Gli altri si sollevano stirandosi e stropicciandosi gli occhi.

3° RAGAZZO- Peggio che tocca gisse a lavà fori da que la fontanella che è gelata.
4° RAGAZZO- Cucì te svegli bene si c’hae ancora le pecciole appicicchiate.

Gli altri si fregano le mani e saltellano per riscaldarsi.

Entra una donna.

DONNA- Voilà, vous allez travailler. Moi vous prepare les matelas
5° RAGAZZO. Qua itto?
6° RAGAZZO-. Oh, enno tre mesi che stemo ‘n Francia e ancora ‘n’é ‘mparato gnente?
5° RAGAZZO- (Si batte la tempia) Sta testaccia mia che nun ce n’entra.
7° RAGAZZO- Ha itto che noialtri emo da gi’ a fattigà che lia ce prapara i materazzi. Ce l’ha itto ier sera ‘l marito, ‘ntaricordi?
8° RAGAZZO- Jemo fatto pena che dormiamo sul tavolaccio e ha itto che ce pensava lia.

Entrano due bambine portando un sacco con il fieno.

1a BAMBINA- Voilà le foin
2a BAMBINA- C’è lourd
7° RAGAZZO- Honno itto “ecco il fieno e è pesante”.
9° RAGAZZO- Que, ce fa ‘l materazzo col fieno?
1° RAGAZZO- ‘mbè, que, te pare strano? Noialtri ‘l facemo co’ le foje de granturco e loro ‘l fanno col fieno. Sempre erba secca è.
2° RAGAZZO- Io, ‘l materazzo, ce l’haio de lana.
3° RAGAZZO- Eh, tu eri ‘n signorino. Mamma mia la lana de le pecore se l’haia da venne pe’ compracce da magnà. Nun la potiamo sprecà pel materazzo.
4° RAGAZZO- ‘nvece sti francesi, vi! Paria che c’aieno la puzza sotto ‘l naso. ‘Nvece vi quant’enno bravi. Chi t’el farìa ‘l materasso a chi ‘nte gnente?
CERQUETINO- Enno bravi, enno bravi. E nualtre c’emo da comportà bene.
DONNA- Allez, allez, vous allez travailler (li spinge fuori)

I ragazzi escono e la donna comincia riempire un telo per fare il materasso. La scena si chiude.

Atto 6° – Il camerone degli operai

Scena:
Il camerone degli operai. C’è un piccolo tavolo usato come scrittoio. Nel camerone ci sono alcuni operai: Cerquetino, Pasquino, Santino, Mario. Cerquetino e Santino sono seduti al tavolo. Pasquino entra sventagliando una lettera.

Voce di Cerquetino fuori campo:
“Dopo qualche mese so’ gito a mejo. Ho trovato una camera con altri operai. Eravamo in undici in una camera sola e c’era un bagno solo. Ma la cosa più importante è che c’era e c’era la rete col materasso. Me paria d’esse gito ‘n Paradiso”.

PASQUINO- Ragà, c’è ‘na bella novità.
1°OPERAIO- De que se tratta?
PASQUINO(odora la busta)- M’ha scritto Emma, la ragazza mia.
CERQUETINO- Sarà ‘na bella novità per te. Noialtri que c’entramo.
PASQUINO- Fidete, c’è ‘na bella novità anche per te (Si siede al tavolo con i compagni). Senti.(Legge)
Caro Pasquino…nun ve leggo que c’è scritto doppo perché so fatti mia….MMMMM…Ah, ecco. Tuqui se fa ‘nteressante per te. Te mando la fotografia de ‘n’amica mia. Se chiama Sterina. E’ ‘na brava ragazza. Fattiga commo ‘n somaro da la matina a la sera. Chissà se tra gli amici tua c’è qualcuno che cerca moje? Te manno ‘na fotografia sua, cucì si qualcuno la vorria, po’ vedè bene do’ va a cascà.
CERQUETINO E do’ è sta fotografia?
PASQUINO- Ah, adesso t’arluccicheno gli occhi. E’ capito tu? Prima gne ‘mportava gnente.
CERQUETINO- Oh, se è ‘na bella ragazza e si c’ha voja anche de fattigà…Co’ ste smorfiose de francesi que ce fae?
2° OPERAIO- E’ ragione, non te sonno fa manco ‘n piatto de maccheroni col lasagnolo. El dicia sempre quela bonanima de babbo mia. Moje e boa dei paesi tua.
CERQUETINO- Ma sta fotografia te l’ha mannata o nun te l’ha mannata?
PASQUINO- Me l’ha mannata, me l’ha mannata. Eccola (la sfila da un taschino de la camicia e la porge a Cerquetino)
CERQUETINO- Ambè!
PASQUINO- ambè que?
CERQUETINO- Ambè, Ambè… se po’ fa’. Me pare ‘na bella ragazza. C’ha du’ spalle che me pare ‘n toro. Se vede che fattiga.
PASQUINO- Oh, sì per te va bene nun perdemo tempo. Je scrivemo ‘na lettera e organizzamo la fecenna.
1° OPERAIO- Ma perché lue? E si me piacesse anco tammé?
3° OPERAIO- E’ giusto. Perché lue? Anch’io cerco moje.
PASQUINO- Stete zitti. C’ènno anche per vualtre. C’ha ‘na sbraciata de sorelle che basteno per tutto l’esercito francese. Però prima ha da pijà marito la più granne. E questa secondo me è fatta apposta per Cerquetino.
3° OPERAIO- Va bè, s’el dichi tu.
CERQUETINO (si frega le mani)- Allora la scrivemo ‘sta lettera?
PASQUINO- E commo no? (apre il cassetto del tavolo) Ecco il foglio e ecco la penna. (Da una pacca sulle spalle a Cerquetino) Adesso scrive.
CERQUETINO (Prende la penna e il foglio e si posiziona)- Commo s’ incomincia? Perché nun la scrivi tu che c’hae la ragazzA, je scrivi sempre scrivi e s’è più allenato?Io ho fatto solo la seconda elementare. Doppo babbo m’ha mannato a parà le pecore e addio scola.
4° OPERAIO- Tu scrive e nojaltri te dettamo. E’ giusto che la scrivi co’ la mano tua, no?
5° OPERAIO- E’ giusto, è giusto.
PASQUINO- Allora, cominciamo. Cara Sterina…, me chiamo Cerquetino e so’ n’italiano de Gualdo, che so’ venuto in Francia per non patì più la fame.
5° OPERAIO Quanno s’ho arriato c’haio le pezze tal culo.
2° OPERAIO- Ma adesso me s’ho arvestito da capo a fonno e nun me la passo male. Tuquì, ‘nt’en giorno, se guadagna quanto ‘na settimana in Italia…Ce volia, no?
3° OPERAIO- Oste, se ce volia.
1° OPERAIO- E adesso che qualche soldarello da parte ce l’ho, me vorrio fa’ na famigliola.
4° OPERAIO- Ho visto la fotografia tua che la ragazza di Pasquino ha mannato ta lue.
5° OPERAIO- Te l’esse da di’, nun me dispiaci pe’ gnente.
CERQUETINO- (Guarda la fotografia) C’hai du’ pallucche de occhi furbi commo quelli de ‘na ciuetta.
PASQUINO- Du’ mani grosse commo du’ pale, che dovrieno esse all’asse per maneggià ‘l lasagnolo.
1° OPERAIO- ‘na montagna de capelli neri commo ‘l carbone e arruffati commo le penne d’un gallo inferocito.
CERQUETINO- Ma nun ve pare che ce mettemo troppo complimenti?
2° OPERAIO- Daje, daje, hae da fa colpo.
3° OPERAIO- Adesso dovrai parlà anche ‘n po’ de te no?
CERQUETINO- E que je dico?
PEPPE- Nun ce l’hai ‘na fotografia?
CERQUETINO (La tira fuori dalla tasca)- C’ho questa ma nun so’ venuto tanto bene, m’ha preso con l’occhio bojo.
4° OPERAIO- Que te frega!. Mannie questa.
PASQUINO- Scrive. Te manno ‘na fotografia mia.
CERQUETINO- Commo vedi nun so venuto tanto bene. El fotografo era mezzo ‘mbriaco e m’ha struppiato un po’. Comunque dal vero t’assicuro che so’ molto mejo.
5° OPERAIO- So alto…Quanto sei alto?
CERQUETO- E que ne so? Nun me so misurato mae.
5° OPERAI- Aspetta (Prende un metro) Alzete in piedi (Lo misura) Un metro e sessantacinque. A te, invece de ditte quanto se’ alto sarà meglio chiedete quanto se’ basso.
CERQUETINO- E si mamma mp’ha fatto cucì que ce posso fa, è colpa mia? Mica me posso stirà.
5° OPERAIO- Aspetta (Prende un banchetto) Monta su. (Cerquetino sale e Pasquino lo misura di nuovo). 1 metro e settantacinque. Adesso sì che va bene. (Si rimettono al lavoro) Scrivi. So’ alto un metro e settantacinque.
CERQUETINO-Oh, adesso basta. Me s’ho stufato de scrive. Mannajeme i saluti e bona notte. Tanto si je vo bene je vo bene senza allungalla tanto.
PASQUINO- Va bè, va bè. Ma tocca finilla. Mica poe troncà cucì. Nun hae scritto mae ta ‘na ragazza?
CERQUETINO- No, jo parlato sempre a voce.
PASQUINO- Aspetto la risposta tua e te manno tanti saluti a te e a tutta la famija tua. Tuo…’l mettemo …tuo Cerquetino?
1° OPERAIO – Saria ‘ntantino da sfacciatelli, doppo la prima lettera, ma nun gne fa gnente, mettelo, mettelo. Manifesta bone intenzioni.
CERQUETINO-(Finisce di scrivere) Ecco fatto (Piega il foglio) Damme la busta.
PASQUINO- Ecco la busta.
CERQUETINO- E qual è l’indirizzo?
PASQUINO- Nun ce mette gnente. Mettece solo per Sterina. La metto ‘nte la busta insieme alla lettera che mando alla ragazza mia. Me dae la metà dei soldi pel francobollo e cucì risparmiamo.
CERQUETINO- Va bè. El sae che è ‘na bella pensata?

Si chiude il sipario.

Atto 7° – La casa di Sterina

Scena:
La casa di Sterina, quando arriva la lettera di Cerquetino. Personaggi: la mamma, le figlie ed Emma. Le figlie e la mamma sfaccendano in casa.

EMMA- (Entra trionfante sventolando la lettera) (Grida) Sterì, Sterì!
MAMMA- Qu’ete fatto Emma? V’ha pizzicato ‘n tafano?
EMMA- (sventola la lettera) E’ arrivata!
MAMMA- E’ arrivata que?
EMMA- Vue ‘nsapete gnente?
STERINA-(mortificata) No, nun gn’ho itto gnente.
EMMA- Ho scritto da Pasquino, ‘l ragazzo mia, e j’ho mannato la fotografia de Sterina, la figlia vostra. Tante volte c’avesse ‘n amico che cerca moje…E m’ha risposto e m’ha mannato la lettera de ‘n amico sua.
MAMMA- (Rivolta alla figlia) Pe’ na volta è fatto ‘na cosa giusta fija mia. E’ ora che cominciamo a pijà ‘na via tu qui, c’hae diciottanni già. S’armanghi ‘nten casa ‘n’altri du’ anni piji d’aceto, chi te se pija più?
STERINA- Que dice sta lettera?
EMMA- Io nun l’ho aperta. L’hae d’aprì tu. E’ la tua.

Sterina la prende e l’apre. Tira fuori la lettera e si apparta per leggerla. Poi ritorna nel gruppo e mostra la fotografia.

STERINA- Saria questo?
1a SORELLA- Perché, nun te sa bello?
2a SORELLA- Fammelo vedé (prende la foto). Si nun te sa bello tatté, me lo sposo io.
MAMMA- Oh, tuquì tocca gi’ a scala. Prima la più granne e pu’ quella che vene doppo.
3A SORELLA- Fammelo vedé (prende la foto). E’ na cria.
4A SORELLA- (Prende la foto) Ma è la fotografia che lo sbassa. Su la faccia ‘n’è brutto.
5A SORELLA- (Prende la foto e fa una smorfia di disgusto) Nun è tutte ste bellezze.
MAMMA- (Le dà uno schiaffo) Ah, tu cerchi le bellezze? Le bellezze finiscono cara mia, enno i quatrini che armangono, tocca guardà ta quelli, no da le bellezze.
1A SORELLA- Legge ‘n po’ sta lettera.
STERINA- (Comincia a leggere) Cara Sterina, me chiamo Cerquetino e so’ n’italiano de Gualdo che so’ venuto in Francia per non patì più la fame. Quanno s’ho arriato c’haio le pezze tal culo. Ma adesso me s’ho arvestito da capo a fonno e nun me la passo male.
2A SORELLA- Oh, c’ha i soldi.
MAMMA- Nun ce dormì fija mia. (Gli prende la lettera dalle mani) Adesso basta de legge, nun perdemo tempo. Pija ‘n fojo e ‘na penna e risponnemoje subbito.
STERINA- (prende un foglio ed una penna e si mette in posizione di scrittura). Emma, aiuteme tu che s’è abituata a scrive ta Pasquino. Io nun so fa.
3A SORELLA- Oh, que ce vole a scrive ‘na lettera. Magari el trovassi io. Te farìo vede le lettere che je manno
EMMA- Demme le fotografie vostre e le mannamo tutte via. Pasquino m’ha scritto che c’enno tanti ragazzi che cercano ‘nitaliana da sposa’.
4a SORELLA- Deje là, scrivemo sta lettera. Comincia. Caro Cerquetino…
STERINA- (scrive) Caro Cerquetino,
EMMA- Ho ricevuto la lettera tua e m’ha fatto ‘na montagna de piacere.
5A SORELLA- Ho fatto vedé la fotografia tua a le sorelle mie e je s’è piaciuto.
1A SORELLA- Ma que je frega si è piaciuto ta le sorelle. Lue vole sapé si je piace ta lia, ta Sterina.
STERINA- Ho visto la fotografia tua. Nun te preoccupà si nun s’è venuto tanto bene, tanto mamma ha itto che le bellezze finiscono subbito e nun conteno. Conta che stae bene, commo m’hae spiegato.
2A SORELLA- Però prima de ‘mpegnacce troppo dovessimo conoscese ‘ntantino. Quanno t’arvenghi in Italia?
MAMMA- Ma no, ma no, nun gne la mette tanto sul difficile. Hae visto la fotografia, sae che c’ha ‘l portafojo pieno, que altro voe conosce? Io je dirìo cucì…Mentre te scrivo me pare che già te vojo bene. Quanno arvenghi in Italia? Si me te voi portà via, quanno arvenghi, io parto anche subbeto. Ecco, cucì nun c’enno dubbi. Si tu je metti che ‘l voe conosce, che nun te voe ‘mpegnà tanto… quello po’ esse che va a cercà da ‘n’altra parte. E quanno t’arcapita ‘noccasione cucì?
STERINA- Va bè ma’, ho scritto comme hae detto tu. Adesso finisco co’ i saluti. Te manno tanti saluti e ‘n bacio grosso commo ‘n pajaro de fieno.
MAMMA (Le dà uno schiaffo) Commo, ancora manco ‘l conosci e già je cominci a mannà i baci? Que ne sae commo la pensa quello? Po’ esse che dice che c’hae i grilli pe’ la testa e nun te vole più. No no, gnente baci ancora. E’ presto. T’el dico io quanno è ora de mannaiele.

Sterina finisce di scrivere.

3A SORELLA- Oh, ma de le fotografie nostre nun ce lo scrivi?
STERINA- Ah sì, m’ero scordata. Te manno le fotografie de le sorelle mia. Chissà se c’hae qualche compagno che le vole conosce?
EMMA- (Prende una busta) Dammi la lettera e la mettemo dentro la busta. E ce mettemo anche le fotografie vostre. (Le sorelle escono per andare a prendere la foto. Non esce la 5a sorella)
EMMA- Tu nun ce vae a pija la fotografia?
5A SORELLA- No, io nun gne la manno.
MAMMA- (Arrabbiata) El so perché nun gne la manni. (Rivolta a Emma) Je gironzola ‘ntorno que lo scalcagnato del fijo de Ciocchetto. Vojo vedé que te dà da magnà che nun c’ha manco gli occhi pe’ piagne. Si l’arvedo a gironzolà ‘ntorno casa quanto è vero Dio je vo dietro col forcone.
5a SORELLA- E’ inutile che minacci. Io nun la mando via la fotografia mia (se ne va indignata mentre rientrano le altre sorelle con la foto)
1A SORELLA- Io c’ho questa. Era de la prima comunione, ma nun ce n’ho più.
EMMA- (L’osserva) Va bene, nun s’è cambiata tanto. S’è ‘n po’ più arraspita, ma è meglio cucì. (Prende le altre e le inserisce, poi chiude la busta) Ecco fatto. Su la busta ce scrivemo “pe’ Cerquetino” cucì la metto dentro la busta che je spedisco io e risparmiamo sul francobollo.
MAMMA- Sterì, pija n’ovo e dajelo. Cucì ce paga ‘el francobollo. Anzi, dajene due va, che t’ha fatto ‘n gran piacere co’ sta lettera. Si n’era lia quanno ‘l trovavi ‘n principe francese?

Si chiude il sipario.

Atto 8° – La costruzione della casa

Scena:
U n terreno.

Voce fuori campo di Cerquetino:
“E così, quando tornai in Italia per le ferie, andai a conoscere Sterina di persona, ci siamo piaciuti, ci siamo fidanzati e ci siamo sposati. Le cose sono andate sempre meglio. Ho preso un piccolo appartamento, un locale unico. Non c’era il bagno e non c’era nemmeno l’acqua. Bisognava andare in cortile. Poi ho messo da parte qualche soldo e ci siamo presi un appartamento vero, con tutti i confort, e siamo stati bene. Ma il mio sogno era sempre quello di costruirmi la casa a Cerqueto”.

Personaggi:
Cerquetino e Sterina (vestiti bene), Cesare (padrone del campo), la moglie di Cesare Maria e le figlie di Cesare, un mediatore e il geometra.

Sulla scena ci sono Cesare ed i suoi famigliari.

MARIA- (Rivolta al marito) Te ricordi que t’ho itto, sì?
CESARE- (stizzito) E ‘n me ricordo? Mae fatto ‘l lavaggio del cervello. Nun la fa tanto lunga.
1A FIGLIA- Ha itto mamma che n’è da fa ‘l cojone, ba’..
2a FIGLIA- Babbo, questo vene da la Francia, c’ha i soldi. Je da chiede ‘n bel po’-
3A FIGLIA- Cucì finalmente ce poe arfà la cammera nova.
4a FIGLIA- E tammé me serviria anche ‘l vestito.
MARIA- N’arcominciamo co’ tutte ste pretese, eh!
CESARE- Oh, ancora ‘n’emo preso ‘na lira e già ve l’ete spesi tutti?
1A FIGLIA- Camina, strollico. Mo’ che c’emo du soldarelli ‘n ce voi accontentà?
CESARE- Io, pe’ la verità, me ce vorrìo fa la 500. Me so’ stufato de gi’ a lavorà co’ la motocicletta. ‘Ste tramontane che vengono giù da Serrasanta la matina te tajeno le recchie!
2A FIGLIA- Allora facemo ‘n po’ de conti. Pe’ la 500 quanto ce vole?
3A FIGLIA- 400 mila lire.
2A FIGLIA- Pe’ la cammera nova?
3a FIGLIA- 100 mila lire.
2a FIGLIA- (rivolto alla 4a figlia) Pel vestito tua?
4° FIGLIA- 20 mila lire.
2A FIGLIA- ‘n colpo! Que te vesti da fata Turchina?
1A FIGLIA- Tammé me co vorrìeno le scarpe.
2A FIGLIA- Altre diecimila lire.
MARIA- ‘nte sta casa ognuno pensa per sé, ma da sta somara che lavora da la matina a la sera ‘n ce pensa mai niciuno. Anche tammé me ce vorrìa ‘l vestito novo.
2A FIGLIA- E sono altre 15 mila lire.
CESARE- Ma se magnamo tutto? Qualche soldarello da parte pe’ facce i boni postali ‘n c’el consideramo?
2A FIGLIA- Quanto dichi, ba’?
CESARE- Almeno 500 mila lire. E pu’ ce saria anche d’argiustà ‘ntantino casa. Tocca arfà i pavimenti, le finestre, daje ‘na ‘mbiancatura, sistemà ‘l tetto.
2A FIGLIA- Quanto ce vorrìa?
CESARE- ‘n’a milionata.
2A FIGLIA- Allora facemo i conti: (conta mentalmente)….facemo conto paro. Je chiedemo tre milioni e ce dovrìa scappà tutto.
MAMMA- Brava fija mia, tu sì che li sae fa bene i conti. Meno male che t’ho mannato a la scola. Sinnò ta babbeto je leveno anche le mutanne.

Arrivano il geometra, il mediatore, Cerquetino, Sterina e si salutano dicendosi buon giorno.

MEDIATORE- Allora signor Cerquetino. Questo è il signor Cesare con la sua famiglia che vende questo terreno. Io ve vojo fa’ fa’ st’affare. Sinnò que fo’ a fa’ il mediatore? Vi piace?
CERQUETINO- Mi piace, mi piace. Vero Sterina? E’ ‘n bel posto.
STERINA- Sì, nun me disgusta.
MEDIATORE- Allora c’è solo da mettese d’accordo sul prezzo. Quanto volete?
CESARE- (Tergiversa un po’) Beh, io…’n’emo parlato ‘n famiglia…pensiamo…
MARIA- (Rivolta al pubblico) Te pijasse ‘l brutto male. Pare che se vergogna a chiedeje i soldi.
CESARE- Pensiamo a 3 milioni.
CEQUETINO- Tre que? (Si avvicina) Io me chiamo Cerquetino ma tu qui (indica la fronte) que c’è scritto Cretino? Gemo via, va (prende la moglie per un braccio e fa per allontanarsi)
MEDIATORE- (lo trattiene) Ma do’ gete co’ sta prescia. Do’ gete! Ragionamo ‘ntantino, no? Vue quanto sete disposto a spenne.
CERQUETINO- Io me so’ ‘nformato bene. Il terreno da fabbrica’ a Cerqueto costa 2000 lire al metro quadro. Sono 700 metri quadri e quindi facete vue il conto. Enno 1 milione e quattrocento mila lire.
1A FIGLIA- (Rivolta al pubblico) Nun è manco la metà. Emo fatto i conti senza l’oste.
MEDIATORE- Cesare. El volete venne sto campo sì o no?
CESARE- Certo che ‘el vojo venne.
MEDIATORE- Allora tocca scenne ‘ntantino. Sete montato su ‘na scala troppo alta. Nun se po’ gi’ ‘n Paradiso con pezzetto de terra cucì.
CESARE- Beh, io nun so’ ‘n cane. Facemo 2 milioni e 700.
2A FIGLIA- (Rivolta al pubblico) Addio ‘l vestito mia.
CERQUETINO- Ma per l’amor di Dio. (Prende la moglie per un braccio) Gemo via che nun è aria.
MEDIATORE- (Lo trattiene) Ma do’ gete pe’ sta peggio? Que, ve scappa via ‘el treno? Sete venuto co’ la macchina. E que sete furestico? ‘ntantinello ete da cresce anche vue no? Sinnò, commo se fa?
CERQUETINO- Ce metto altre cinquanta mila lire. Ma nun me chiedete de più, è?
KISSINGER- Cesare, tocca calà tu qui, sinnò sto pezzo de terra nun se venne.
CESARE (perplesso, osservando i famigliari) 2 milioni e 500 mila lire?
4A FIGLIA- (Rivolta al pubblico) Addio la cammera nostra.
CERQUETINO- Sentite Cesare. Io i soldi nun so gito a rubballi. So gito a piedi fino su ‘na montagna che parìa che siamo arriati ‘n Paradiso pe’ quanto era alta, ho dormito s’un tavolaccio ‘nten carro merci che manco i maiali ce sarieno stati bene, nun so’ gito dietro da i divertimenti, ho lavorato commo ‘n somaro da la matina a la sera pe metteme da parte qualche soldarello pe’ famme casa. E adesso, me dispiace, ma nun li regalo ta vue.
MEDIATORE- (Prende da una parte Cesare) Senti Cesare, ma ‘l voe venne o no sto campo?
CESARE- E certo che ‘l vojo venne.
MEDIATORE- E allora è sparato troppo alto. Je chiesto più del doppio.
CESARE- El so, ma la cammera pe’ le fije, ‘l vestito, la 500, la casa da aggiustà…Que haio da fa?
MEDIATORE- Sì, ma te stae a venne 700 mq di terra, mica tutta la spianata de Cerqueto.Tocca scenne. Te va bene si partimo da 1 milione e otto? Cucì, si va be’, po’ esse che a 1 e 700 ci arriva.
CESARE- (Alza le spalle) E girà be’ commo dicete vue.
MEDIATORE- (A Cerquetino) Allora signor Cerquetino. Pare che le cose se mettono bene. Cesare ha capito che ha sparato ‘n po’ troppo. Secondo me ‘l prezzo giusto è 1 milione e 800.
CEQUETINO- (spazientito) Emo perso già troppo tempo. Dico la mia ultima parola. Gli do’ 1 milione e 650 giusto perché nun vojo perde tempo a gi’ a trattà co’ ‘n’altro.
KISSINGER- (Prende la mano di Cesare e quella di Cerquetino e le unisce) Allora semo d’accordo. 1 milione e 700 e nun se ne parla più. ‘N ve vorressivo fa’ cojonà pe’ 50 mila lire (separa le mano mimando il taglio con un braccio) Finalmente je l’emo fatta.
CEQUETINO- M’ete fregato 50 mila lire. Vorrà di’ che le levo da quei soldarelli che aio da dà ta vue pe’ ave’ fatto ‘sta mediazione..
KISSINGER- E te paria che ‘n c’arimettìo io.
CEQUETINO- Adesso, si nun ve dispiace, vorrìo rimanè da solo col geometra che jo da spiegà ‘n po’ de cose. Aspettateme al bar che beemo qualcosa pe’ festeggià l’accordo(Gli altri salutano e se ne vanno. Rimangono Cerquetino, Sterina e il geometra)
CERQUETINO- Allora sor geometra, adesso ve spiego que dovete fa.
GEOMETRA- (Si prepara a scrivere con il blocco notes) Voi ditemi, che io prendo appunti.
CERQUETINO- Vojo ‘na casa bella. E’ l sogno de la vita mia e la vojo fa’ bene, bella, coi muri forti, con tutti i comforti.
GEOMETRA- Non c’è problema. Dipende anche da quanto volete spendere.
CERQUETINO- Tu nun te preoccupa dei soldi. I soldi c’enno. Però nun m’hae da fregà che me n’accorgo. El sae commo me chiameno ‘n Francia? Cerquetino, scarpe grosse e cervello fino. Le scole nun ce l’ho alte, ma ha da nasce chi mi frega.
GEOMETRA- Allora ditemi. Quanto la volete fare grande questa casa?
CERQUETINO- Io nun n’el so. Io te dico que ce vojo, e tu sae quanto ha da esse grande. La porta la vojo tuquì, no da st’altra parte, perché c’è la tramontana e si apri la porta quanno c’è ‘l vento te la risbatte ‘ntel muso. Di qua, verso il monte, ce vojo la cammera mia co’ ‘na finestra grande, immensa. Quanno me svejo la matina vojo vedé per prima cosa la cima del monte Serrasanta. (Rivolto alla moglie) Tu moje que ce vorresti?
STERINA- C’emo tre figlie. ‘na cameretta per uno ce vorrà. Pu’ ‘na bella cucina, ‘na bella sala, du’ gabinetti, uno pe’ la zona giorno e uno pe’ la zona notte, ‘no stanzino pe’ arlocà la robba che nun te serve e nun sae mai do’ mettella…
CERQUETINO- E davanti ‘n bel porticato che la matina, quanno ‘l tempo ‘l permette, me ce vojo mette a sede a legge ‘l giornale e gustamme l’aria de casa mia che me l’arsogno anche la notte quanno sto in Francia.
GEOMETRA- Poi naturalmente il garage, una cantinella e tutto il resto.
CERQUETINO- Certo, commo dicete vue
GEOMETRA- Allora io preparo il progetto e poi ve lo faccio vedere (escono parlando) Penso che tra una settimana potrebbe essere pronto. Vi avviserò io.

Si chiude il sipario. 

Atto 9° – L’interno di una casa

Scena:
L’interno di una casa.

Voce di Cerquetino fuori campo:
“E venne il giorno della grande decisione. Rimanere in Francia per sempre o ritornare in Italia? Furono i nostri figli a farci decidere. Fu per loro che decidemmo di tornare e goderci la nostra casa nuova”.

Personaggi:
Cerquetino, Sterina e le figlie, tutti seduti intorno ad un tavolo.

CERQUETINO- La vacanza è quasi finita. Lunedì si parte.
1a FIGLIA- Oh, no, babbo! Si sta tanto bene qui.
2A FIGLIA- Babbo, perché dobbiamo partire, perché non ci fermiamo un’altra settimana?
STERINA- Perché vostro babbo ha da gi’ a lavorà. L’ha finite le ferie.
3a FIGLIA- Senti babbo, perché non ti trovi un lavoro qui e ci fermiamo per sempre in questa bella casa.
4A FIGLIA- Io sono d’accordo con nonna, ha detto che mi ospita lei. Io non ci ritorno in Francia. Ho trovato un lavoro come impiegata e mi fermo qui.
STERINA- Tu da sola tuquì nun te fermi.
4A FIGLIA- E perché? Me ospita nonna.
STERINA- Nonneta è vecchia, e è anche ‘n po’ mezza rimbambita, je saresti de troppo peso.
CERQUETINO- Mammeta ha ragione. Eppù nun saressimo tranquilli a lasciatte tuquì. La famiglia ha da esse unita. Emo da sta tutti ‘nsieme.
STERINA- Da sola tuqui nun te ce lasso, manco se schioppi.
4A FIGLIA- Io non vengo via. Vi ho detto che ho trovato lavoro. Comincio dopodomani. In Francia non ci ritorno. Non mi sento a casa mia. Qui mi sento a casa mia.
CERQUETINO- Sterì, que dichi? Commo facemo?
STERINA- Tanto prima o poi è ‘na decisione ch’emo da pijà. C’arvenemo o nun c’arvenemo.
CERQUETINO- Io me vorrìo arvenì, dopo la pensione. Sinnò la casa me l’aio fatta ‘n Francia.
1A FIGLIA- E nojaltri che facciamo? Voialtri v’arvenite e ta noialtri ce lassate lassù?
2a FIGLIA- Ma che dici? Ce portano via anche a noi, no?
3° FIGLIA- Dipende da quando. Può darsi che conosco un ragazzo francese, mi innamoro, mi sposo e quando loro vengono via io devo rimanere lassù da sola.
STERINA- Certo che po’ succede. Po’ succede sì.
CERQUETINO- Ma voialtri che ne pensate? Ve piaceria d’artornà per sempre in Italia?
1a FIGLIA- Io dovrei lasciare qualche amica. Ma qualche amichetta già me la sono fatta anche qui.
2a FIGLIA- A scuola come sarebbe? Non ci troveremo in difficoltà?
STERINA- Pe’ la scola è mejo de fallo adesso sto passo. Più gemo in là e peggio è. Eppoi l’italiano ‘el conoscete bene. Tanti problemi nun ce li dovessivo avé. Anzi. In più conoscete anche el francese…anche se in casa parlamo sempre italiano.
2A FIGLIA- Italiano! Il cerquetano!
3a FIGLIA- Io dovrei prendere le superiori. Meglio adesso che un’altr’anno. Almeno comincio le superiori dall’inizio.
4a FIGLIA- Io l’ho già detto come la penso.
1A FIGLIA- Certo che in questa casa si sta molto meglio che in quella della Francia.
2A FIGLIA- E’ vero. Alla cameretta mia ce penso ogni giorno dopo che siamo ritornati.
3a FIGLIA- Io penso che se tanto avete intenzione di tornare comunque in Italia per sempre è meglio farlo adesso che dopo.
CERQUETINO- Io ve lo ripeto. Doppo la pensione sarei tornato qui per sempre. In Francia se sta bene, se guadagna bene, te tratteno bene…ma me sento sempre ‘no straniero. Tuquì ìnvece me sento veramente a casa mia.
STERINA- Anche per me è lo stesso. Sul palazzo do abitamo mica me chiameno per nome. Me chiameno l’italiana.
CERQUETINO- C’è ‘n problema, però.
1a FIGLIA- E quale sarebbe?
CERQUETINO- Tuquì le paghe enno molto più basse. Se guadagna de meno. C’emo qualche soldarello da parte, ma mica ce potemo magnà tutto, no?
2A FIGLIA- Non ci basterebbero i soldi che guadagni?
CERQUETINO- Pe’ bastà dovrieno bastà, ma nun se potrà scialacquà tanto commo ‘n Francia.
STERINA- Sì ma la vita ‘n Francia è più cara.
CERQUETINO- Sì, anco questo è vero. Ma in Francia se guadagna tre volte di più.
4A FIGLIA- Ma io guadagnerò il mio stipendio. Anche io darò il mio contributo.
CERQUETINO- Nun sia detto mai che me fo mantené da la figlia. Lo stipendio tua t’ha da servì per te, per fatte el corredo e tutto quanto.
STERINA- Anch’io girò a lavorà. Voi di’ che su qualche fabbrica nun ce saria ‘n postarello anco per me?
CERQUETINO- Sì, ‘n posto ‘l troamo. A Gualdo, da ‘n po’ d’anni a sta parte, enno cresciute le fabbriche commo i funghi. Ma le figlie? E la casa?
STERINA- Oh, ‘nte scordà che a du’ passi da tuquì c’è anco mamma tua. Lia c’aiuta, fin ch’el po’ fa’.
CERQUETINO- Allora pare che s’emo tutti d’accordo. Facemo sto passo adesso.
TUTTE- Sì sì, rimaniamo a Cerqueto.
4A FIGLIA- Io lo vado a dire a nonna. Senti tu quanto sarà contenta.
1A FIGLIA- Io lo vado a dire a Giovanna, l’amichetta mia. Andremo a scuola insieme.
3a FIGLIA- Io lo vado a dire a Giuseppe. Giusto me lo diceva sempre di rimanere.
CERQUETINO- Ah, ecco il motivo di tanto entusiasmo! Già c’abbiamo i giretti?
2A FIGLIA- Eh, altro che giretti! Li ho visto io ier sera che se sbaciucchiavano.
3a FIGLIA- Brutta disgraziata. Te la chiudo io quella boccaccia (la insegue ed escono)
CERQUETINO- Emo chiuso ‘l cerchio. So’ partito che ero ‘n fijo, nel ’50, ho tribbolato, ho sentito freddo, ho lavorato commo ‘n mulo, ho rischiato la vita…e ora, doppo 30 anni, eccome al punto de partenza.
STERINA- Ma nun è più commo prima. N’è valsa la pena de fa tutti sti sacrifici.
CERQUETINO- Ah sì. Adesso stemo bene. Nun semo ricchi, ma stemo bene.
STERINA- Co’ le ricchezze que ce fae? Basta che c’hae la casa, quello che te serve e la salute.
CERQUETINO- La salute è la cosa più importante. Ma adesso ch’emo deciso de fermasse per sempre in Italia pare che me sento mejo. C’ho ‘n’allegria dentro lo stommico che prima nun ce l’haìo. Tocca festeggià st’avvenimento. Adesso vo’ al bar e me pijio ‘na sbornia co’ gli amici. E’ da ‘n po’ che nun me succede.
STERINA- Questa ce volìa proprio

Si chiude e fine.

©Riccardo Serroni – Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *