“L’OSPITE” con la regia di Ciro Masella al Teatro Talia

"L’OSPITE" di Oscar De Summa al Teatro TALIALa Stagione di Prosa di Gualdo Tadino si conclude al teatro Talia, mercoledì 10 aprile, alle 21, con L’OSPITE (una questione privata) di Oscar De Summa, per la regia di Ciro Masella.
In un momento storico in cui temi come l’accoglienza, il rispetto delle differenze (di razza, di religione, di orientamento sessuale), i confini della propria e delle altrui libertà, i limiti del sacrosanto diritto alla giustizia di ciascuno (quando in troppi pensano di potersi sostituire agli organi preposti ed ergersi a giustizieri armati), l’autore affonda la “penna” in una storia che ci coinvolge tutti e ci costringe a scegliere da che parte stare, orchestrando un gioco a tratti beckettiano e con tinte “alla tarantino” in cui due attori, interpretati con bravura da Ciro Masella e Aleksandros Memetaj, si contendono strenuamente il torto e la ragione, il ruolo del “buono” e del “cattivo”, su quel confine pericoloso e sempre meno netto e sicuro fra bene e male.
Che cosa succederebbe se tornando a casa, la vostra casa, la vostra piccola e umile casa, messa su con tanti sforzi, con rinunce e sacrifici, con lunghe e faticose ore di lavoro, magari un lavoro che neanche vi piace… ecco, che cosa succederebbe se tornando nel vostro rifugio, nella vostra piccola tana, l’unico pezzettino di mondo che è il vostro, che avete arredato con amore e gusto, sempre con un occhio al portafogli, quel luogo dove ogni cosa che vi è dentro corrisponde a ore del vostro tempo, ore vendute al mercato del tempo…insomma che cosa succederebbe se tornando a casa vostra: i cassetti aperti, gli armadi svuotati, i letti disfatti, le vostre cose sparse ovunque, cose che hanno una storia, che corrispondono ad affetti, eventi, avvenimenti, regali di compleanno… ecco, che cosa succederebbe dentro di voi se vi trovaste, tornando a casa, davanti a questo scempio. E che cosa succederebbe se, per un caso fortuito, riusciste ad immobilizzare chi ha compiuto questo scempio? Che cosa si meriterebbe quel bastardo che senza porsi nessuna domanda è entrato nella nostra casa per portarsi via le nostre cose? Credo anch’io che chi ha fatto tale violenza, chi ha provocato questa ferita, questo dolore debba pagarla: un paio di schiaffi non glieli leva nessuno…forse anche più di un paio…forse una bella serie di paia di schiaffi: e se la nostra rabbia non si placa? Se non si vuole placare perché sotto di essa vive addormentata la paura, quella paura che ti porti dentro da sempre ma che non vuoi ascoltare, perché se questa paura si sveglia…
È questo uno spettacolo che indaga il potere e la giustizia, il momento in cui nasce quell’assunzione di responsabilità, quel diritto-dovere che uno assume su di sé nel ritenere di essere all’altezza di giudicare ciò che è bene e ciò che è male, un desiderio di giustizia che nasce dall’impotenza. È questo uno spettacolo che non dà risposte ma che pone delle domande, semplici, che scaturiscono dall’inevitabile disagio della civiltà.
Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria, 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.
E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.