Melania El Khayat si qualifica per la fase internazionale delle Olimpiadi della Filosofia

Promozione della legalità al “Casimiri” di Gualdo TadinoUmbria sugli scudi alla finale nazionale delle Olimpiadi della filosofia, che si è svolta a Roma dal 13 al 15 maggio 2019. Nella sezione in lingua italiana si è infatti aggiudicato il primo premio il perugino Daniele Ceccarani, studente del Liceo classico “A.Mariotti”, mentre per la sezione in lingua inglese si sono distinti Lorenzo Luccioli del “Frezzi” di Foligno e Melania El Khayat, studentessa dell’Istituto “R.Casimiri” di Gualdo Tadino, i quali hanno avuto l’onore di passare alla fase internazionale della manifestazione.
La studentessa gualdese ha redatto in inglese un saggio di filosofia teoretica sviluppando una traccia tratta dall’opera di Scienza e filosofia. Problemi e scopi della scienza di Karl Popper, argomentando sulla funzione della scienza e sulla sua “influenza liberalizzatrice” nei confronti dei pregiudizi.
Alla fase internazionale della rassegna, che si terrà a Roma dal 16 al 19 maggio, parteciperanno almeno un centinaio di studenti, provenienti da oltre cinquanta nazioni. Non resta che augurare alla già due volte finalista regionale Melania El Khayat il più caloroso “in bocca al lupo” per il prosieguo della manifestazione, certi che ancora una volta saprà tenere alto il nome dell’Umbria.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Melania El Khayat si qualifica per la fase internazionale delle Olimpiadi della Filosofia

  1. Elisa Faraoni scrive:

    Melania, già studentessa, era bravissima , (e la ricordo molto bene), nella scuola secondaria di primo grado alla ” F. Storelli “di Gualdo Tadino: aveva vinto il primo premio al Concorso regionale, indetto dalla CROCE ROSSA ITALIANA ,Regione Umbria, sul progetto contro il bullismo, la violenza sessuale e il femminicidio, che ho sostenuto e seguito , come volontaria Cri, con quella classe e altre della stessa sede, nella piena condivisione delle docenti titolari.

I commenti sono chiusi.