“Montagne in Movimento” III evento

“Montagne in Movimento” III eventoDomenica quattordici maggio ha avuto luogo il terzo evento organizzato dal Gruppo Speleologico Gualdo Tadino per “Montagne in Movimento”, una fortunata serie di escursioni “didattiche” sull’Appennino gualdese, che si sono susseguite tra aprile e maggio ed hanno suscitato notevole interesse, coinvolgendo un gran numero di persone. Punto di partenza e luogo dove presentare l’escursione, approfondire la storia e la geografia dei posti attraversati, è il Centro Scout “La Colonia”: da qui una lunga fila di escursionisti, quasi ottanta, si è poi diretta attraverso la Pineta di Roti alla Cava del Ferro, un polo minerario ottocentesco d’indubbio fascino, anche per le vicende dell’attività estrattiva, importante più per le terre coloranti e il loro utilizzo per i riflessi in ceramica che per la trasformazione in ferro del minerale.
“Montagne in Movimento” III eventoUna lunga sosta ha permesso di ripercorrere le antiche gallerie, fino all’imbocco della Grotta della Miniera, esplorata quaranta anni prima dagli speleologi gualdesi.
“Montagne in Movimento” III eventoUn ultimo breve ma impegnativo tragitto ha portato il folto gruppo al Rifugio Monte Penna, per un meritato ristoro, infine la giornata si è conclusa con il ritorno alla Colonia per i sentieri del monte Fringuello, i Nacchi e il passo della Spòrtola. Per la riuscita di “Montagne in Movimento” vincente è stata l’idea, semplice ma interessante, di trattare prima di ogni escursione temi come la formazione e la struttura delle montagne, i movimenti all’interno di queste e le conseguenze, cioè innalzamenti e distensioni, terremoti, faglie, erosioni, grotte, d’illustrare la storia dei luoghi, di parlare di fossili, di minerali, di fauna ipogea, per poi osservare “sul campo” quanto illustrato nelle presentazioni preliminari, avvalendosi delle competenze specifiche di ricercatori, di speleologi e di altri conoscitori della montagna. Il Gruppo Speleologico ha organizzato “Montagne in Movimento” con la collaborazione di altre istituzioni e associazioni locali, come la Sezione CAI di Gualdo Tadino, la Confraternita della Santissima Trinità, il Polo Museale di Gualdo Tadino, il Gruppo Scout AGESCI, il Comune di Gualdo Tadino: a tutti un ringraziamento. In un momento difficile della comunità gualdese si è scelto di unire esperienze diverse, di partire da semplici escursioni per catturare l’attenzione della gente, coinvolgerla e crescere insieme, senza rinunciare alle specificità e alla identità di ogni singola associazione. Una scommessa vinta, dati alla mano: come in poche altre occasioni, per ogni singolo evento tantissimi sono stati i partecipanti, lunghe file di escursionisti si sono disegnate sui sentieri e un simpatico affollarsi c’è stato nei rifugi, per concludere in allegria faticose ascensioni. Anche l’utilizzo di basi operative di tutto rilievo (Valsorda e il rifugio Monte Maggio, la Rocca Flea e l’Eremo del Serra Santa, il Centro Scout “La Colonia” e il rifugio Monte
Penna) ha contribuito ad offrire un valore in più. Un grazie a tutti, partecipanti e organizzatori, un grazie alle tante associazioni coinvolte, un arrivederci: “Montagne in movimento” avrà sicuramente un seguito, su temi e percorsi diversi.

Vittorio Carini

Share
Questa voce è stata pubblicata in Turismo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.