Museo Opificio Rubboli: apertura ufficiale il 15 gennaio 2015

Museo Opificio Rubboli: apertura ufficiale il 15 gennaio 2015L’Amministrazione Comunale insieme all’Associazione Culturale Rubboli ed al Polo Museale di Gualdo Tadino sono lieti di annunciare per il giorno 15 gennaio 2015 alle ore 15,30 la Cerimonia di Inaugurazione del Museo Opificio Rubboli.

La tanto attesa apertura della struttura avverrà in occasione di una data speciale per Gualdo Tadino: quella del Beato Angelo, Santo Patrono della città. Il Museo Opificio Rubboli resterà aperto in forma di Open Day, con ingresso gratuito, fino a domenica 18 gennaio per permettere a cittadini e turisti di poterne ammirare in esclusiva le bellezze contenute al suo interno.

Il Museo Rubboli, di proprietà comunale, opererà in stretta sinergia con l’Associazione Culturale Rubboli per quanto riguarda la gestione, l’organizzazione di eventi e la promozione. Ospiterà al suo interno l’importante Collezione Rubboli di maioliche a lustro che vanno dal 1878 agli anni Sessanta del Novecento, oltre ad alcune opere significative di altre importanti manifatture ceramiche dello stesso periodo.

“Finalmente – sottolinea il presidente dell’Associazione Culturale Rubboli, Maurizio Tittarelli Rubboli –  è arrivato il momento in cui una esperienza familiare così importante diventa patrimonio della collettività. Ciò accade nel momento più appropriato, che è quello in cui la generazione più anziana ancora ricorda, mentre quella giovane sta quasi per dimenticare”.

Rubboli si pone come erede di una tradizione artistica molto antica, che trova uno dei capisaldi nella figura di Mastro Giorgio Andreoli, attivo a Gubbio dalla fine del ‘400, considerato il padre di questa tecnica che da lui prende l’appellativo di mastrogiorgesca, ed è, nello stesso tempo, capostipite di una riscoperta e singolare penetrazione di questa tecnica, definita anche arte del terzo fuoco.

Il percorso museale comprenderà al suo interno quatto stanze che corrispondono alle fasi produttive della manifattura più un locale esterno dedicato alle muffole, antichi forni risalenti al 1884, unici al mondo, utilizzati per ottenere, mediante una terza cottura con fumo di ginestra, i rinomati riverberi mastrogiorgeschi.

Le stanze saranno così denominate:

  • Sala A Paolo Rubboli;
  • Sala B Daria Vecchi Rubboli;
  • Sala C Società Ceramica Umba;
  • Sala D I fratelli Rubboli e eredi
  • Sala E Le Muffole

“Esprimo estrema soddisfazione – dichiara il Sindaco Massimiliano Presciutti – nel vedere realizzato un nuovo ed importante Museo, che per Gualdo rappresenterà un vero e proprio gioiello e servirà ad arricchire ulteriormente l’offerta museale del nostro Polo. Il Museo Rubboli racconta una parte fondamentale della storia della ceramica della nostra città, esprimendo il genio e l’inventiva di persone straordinarie che negli anni hanno saputo sviluppare un vero e proprio stile riconosciuto ed apprezzato, per la sua alta qualità, in tutto il Mondo. Invito tutti i nostri concittadini, ma anche i turisti, a visitare questa esposizione che permetterà di vivere un’esperienza unica nel suo genere”.

Foto: Paolo Rubboli, Piatto da pompa con Stemma di Gualdo Tadino, maiolica a lustro oro e rubino, 1878, diam. cm 42

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ceramica, Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Museo Opificio Rubboli: apertura ufficiale il 15 gennaio 2015

  1. Maurizio Tittarelli Rubboli scrive:

    Grazie Sandro del sostegno!!

  2. Sandro Farinacci scrive:

    Complimenti Maurizio, “Chi la dura la vince”, e tu hai avuto pazienza, caparbietà e diplomazia. Ti sei saputo circondare di persone capaci, competenti, volonterose e generose ed hai superato tutte le avversità che una burocrazia farraginosa ed una politica, non sempre all’altezza, fatta di cavilli e personalismi, per tre lustri, ti ha intralciato. Dimentica i mal di fegato ed i momenti di scoraggiamento ma fai in modo che la tua passione e competenza vigilino su chi guiderà il vapore per non rendere vane le tue fatiche.

  3. Maurizio Tittarelli Rubboli scrive:

    Ringrazio Maurizio Cuppoloni per il suo interesse e ringrazio l’Allegra Combriccola per aver seguito e documentato, in tutti questi anni, le vicende del Museo Rubboli.
    Nella vecchia fabbrica, visitando le quattro sale espositive per poi arrivare alla stanza dei forni a muffola del 1884, si compie un percorso evocativo molto forte ed emozionante che rappresenta emblematicamente quasi 150 anni di storia della ceramica gualdese: si notano i passaggi generazionali, si sente che il gusto cambia, si avvertono i tentativi di adattarsi alle nuove tendenze artistiche e, prepotentemente, saltano agli occhi i momenti in cui la tradizione non ha più retto l’urto dei cambiamenti.
    E’ un museo ragionato e diversamente non poteva essere visti i suoi 15 anni di gestazione! I componenti dell’Associazione Rubboli, che non finirò mai di ringraziare, sono stati fondamentali per tutta la loro attività di volontariato, le gratuità trovate e l’impegno profuso. Impegno che è servito ad arginare gli errori che si potevano fare in un progetto così delicato che ha visto un opificio ottocentesco, gravemente danneggiato dal sisma del ’97, recuperato in tutta la sua sicurezza edilizia: era un attimo riuscire a trasformarlo in un edificio anonimo e di cattivo gusto, un attimo! Al contrario, nonostante l’obbligata ristrutturazione, siamo riusciti a conservare i suoi elementi tipici ed il suo sapore di vecchio opificio.
    Un ultimo grazie alle tre amministrazioni comunali che si sono succedute in questi anni (Scassellati/Morroni/Presciutti) per il loro comune impegno nella realizzazione di questo difficile progetto.
    Vi ricordo che i primi quattro giorni (dal pomeriggio del 15 gennaio alla domenica successiva) il Museo, gestito dal Polo Museale di Gualdo Tadino a cui vi potete rivolgere per informazioni, sarà aperto al pubblico gratuitamente in forma di Open Day (il sabato e la domenica sarò lì anche io a disposizione per eventuali osservazioni e/o richieste)
    Vi spettiamo!
    Maurizio Tittarelli Rubboli

  4. Maurizio Cuppoloni Perugia scrive:

    Una notizia più bella non potevo leggerla, per un appassionato di ceramica come me, l’ apertura del museo dedicato ad un grande uomo in primis ed un ceramista eccelso è il massimo che si potesse avere. Ringrazio in anticipo tutti quelli che hanno portato avanti il progetto , ovviamente sabato sarò li’ in prima fila. Colgo l’ occasione per inviare un cordiale saluto a quelli dell’allegra combriccola che seguo sempre con simpatia e stima.Maurizio

I commenti sono chiusi.