“Non lascio ma raddoppio” ha dichiarato il Sindaco Presciutti

"Non lascio ma raddoppio” ha dichiarato il Sindaco PresciuttiCome preannunciato nei giorni scorsi, d’intesa con il Presidente del Consiglio Comunale Fabio Pasquarelli, e sentite le disponibilità dell’Assessore Regionale alla Salute e Coesione Sociale, Dott. Luca Barberini e del Direttore Generale, Az. USL Umbria n. 1, Dott. Giuseppe Legato il prossimo 26 gennaio si terrà una seduta aperta del Consiglio Comunale di Gualdo Tadino, nella quale saranno discussi e approfonditi i temi inerenti la sanità e i servizi sul territorio.

“Un altro impegno che rispettiamo – ha dichiarato il Sindaco Massimiliano Presciutti – a testimonianza di come la nostra attività prosegue nell’interesse della nostra comunità. Anche in questi giorni, dove il confronto e la dialettica con toni forti mi ha contraddistinto, abbiamo comunque mantenuto uno stretto rapporto istituzionale con Regione e Usl, in particolare con l’Assessore Barberini ed il Direttore Generale Legato. La giornata del prossimo 26 gennaio sarà quindi utile per fare il punto della situazione e per sancire pubblicamente gli impegni nei confronti della città di Gualdo Tadino e del territorio.
Voglio in ogni caso sottolineare, fin da subito, alcuni temi che in questi mesi sono stati al centro del nostro lavoro e che, grazie all’impegno dell’Assessore alla Sanità Barberini e del Direttore Generale dell’Usl 1 Giuseppe Legato, hanno trovato una soluzione. Nella fattispecie:

– La Giunta Regionale ha deliberato il Piano di Valorizzazione dell’Ex Ospedale Calai. Al contrario di quanto affermato da qualcuno che ci ha definito molto “disinvolti e superficiali”, nessuna risorsa è stata distratta o dirottata da altre parti. L’investimento complessivo, senza aggravio alcuno per i gualdesi, avverrà per stralci funzionali e supererà i 3 milioni di euro. Gualdo Tadino tornerà ad essere punto di riferimento a livello regionale in tema di prevenzione e riabilitazione cardiologica con investimenti sostanziosi sia in strumentazioni sia in professionalità;
– In quell’area completamente rinnovata, che sarà più bella e funzionale nascerà un Polo dei Servizi. Nessuna struttura rimarrà inutilizzata e anche l’Easp trarrà grandi benefici da questa operazione;
– I locali dell’ex Farmacia Centro Storico, di proprietà Usl, saranno adibiti per il laboratorio il Narciso. I lavori sono già iniziati ed i ragazzi del Germoglio avranno presto un laboratorio nuovo nel centro storico:
– Per quanto riguarda l’Ospedale comprensoriale di Gualdo Tadino-Gubbio voglio riconfermare la nostra posizione: quella struttura è nata grazie ad una grande lungimiranza politica del territorio e ad oggi rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la sanità Umbro-Marchigiana. Anche in questo caso la città di Gualdo Tadino ed il territorio si aspettano risposte ed impegni concreti per il suo potenziamento.

Rispetto alle mie prese di posizione di qualche giorno fa, posso tranquillamente affermare che “non lascio ma raddoppio”. Niente sconti a nessuno, ma una forte volontà e determinazione nell’affrontare e risolvere i problemi”.

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a “Non lascio ma raddoppio” ha dichiarato il Sindaco Presciutti

  1. cittadino scrive:

    Addirittura su fb ho letto,con coseguente aggricciamento di pelle, che si contesta l’anonimato del Somaro de Cianfico.( andate a vedere)
    E’ vero che non me stupisce più niente ma questa proprio non me l’aspettavo.

  2. Fabio Acciari scrive:

    purtroppo il Consiglio Comunale aperto servirà solo a sancire quello che è stato ordinato dall’alto e abbiamo visto quanto conta chi ci governa

  3. Giovanni scrive:

    Il Sindaco Rolando Pinacoli (non ero un suo fan) non avrebbe mai permesso un così grave affronto istituzionale, non si sarebbe trincerato dietro ad un comunicatino di indignazione, sono convinto che sarebbe andato a Branca a quell’inaugurazione ed avrebbe battuto così forte i pugni che di sicuro il tavolo si sarebbe spaccato!
    Ma, forse sbaglio a scrivere quanto sopra, di sicuro al Sindaco Rolando Pinacoli o al Sindaco Carlo Gubbini nessuno mai si sarebbe permesso di trattarlo come un insignificante attore della commedia in atto sulla pelle dei gualdesi.
    Caro sindaco attuale, dici di avere la schiena eretta e la volontà di volere il bene di Gualdo (e di ciò nessuno ha dubbi), per favore al Consiglio Comunale aperto evitate le chiacchiere, usa l’orgoglio, non farti irretire, dimentica per una volta che sei un politico di mestiere e medita sui progetti scellerati che ti propinano. 🙁

  4. marameo scrive:

    Carletto te stonno a mena’ a destra e a manca chiedi il cambio come in un incontro di Wrestling damme retta….

  5. MERLO scrive:

    Piglio da poliziotto é ?????????
    Non abusare della tua professione, quando non sei in servizio .. “STACCA”.
    Un fraterno abbraccio.

  6. Carlo Calisti scrive:

    Merlo prima di dire altro identificati.

  7. MERLO scrive:

    Per Carlo Calisti.
    Tu mi puoi contestare i concetti che esprimo, non come li esprimo.
    Quindi se hai concetti “TUOI” sono ben felice di incrociarmi dialetticamente con te, se non hai concetti “TUOI” da esprimere allora stai facendo una polemica inutile e gratuita, in quanto su questo sito il nickname, come è stato più volte sottolineato, non è solo tollerato ma è bene accettato.
    Il nickname è utilizzato non per diffamare, ma per proteggersi dagli imbecilli che non hanno nulla da dire, ma che non si tirano mai indietro quando c’è attaccare personalmente una persona che esprime idee o concetti che non fanno comodo.

    Facciamo cosi, io continuo a fare: “…. lo scienziato saputello capace solo di fare il fenomeno è continuare a sparlare dietro un nik name….”
    Tu continua a fare il cojone invidioso, senza idee proprie, che legge dal buco della serratura.
    Un fraterno abbraccio.

    MEDITATE prima di parlare, ma MEDITATE MOLTO

  8. John Spartan scrive:

    Nota per i gestori del sito

    Il commento di prima è inoppugnabile da qualsiasi punto di vista, in primis legale.
    Anzi, è l’esplicitazione di un sentire diffuso che questa testata dovrebbe a sua colta diffonder e sostenere.
    Trattasi, nello specifico, esclusivamente di libere opinioni su pubblici soggetti politici.

    Tra l’altro suffragati dalla citazione di fatti e vicende facilmente riscontrabili. Ad esempio tramite ricerca in rete.

    Si consiglia la ripubblicazione, unita alla cancellazione del presente.
    E l’avvio di apposite campagne mediatiche da parte di questo sito per il sostegno degli interessi locali.

    Decidete: o gazzettieri, tra l’altro non ufficiali, dei piccoli palazzi locali, o voce del popolo gualdese.

    • Sandro Farinacci scrive:

      Non credo di meritare simili accuse: “Decidete: o gazzettieri, tra l’altro non ufficiali, dei piccoli palazzi locali, o voce del popolo gualdese.” perché la storia di Allegra Combriccola ha dimostrato ampiamente negli anni la capacità di offrire a tutti la possibilità di esprimere le proprie idee indipendentemente dal credo politico, tant’è che i comunicati vengono sempre pubblicati integralmente.
      Scrivi un comunicato,firmalo e invialo. Ti garantisco che sarà pubblicato perché ribadisco che sempre tutti sono stari postati, anche quando da me non condivisi.

      Quanto ai commenti, gli OBBLIGHI sono pochi:
      REGOLE per COMMENTARE:
      1. Nome e un indirizzo e-mail con nome e cognome;
      2. L’indirizzo e-mail non è visibile ai lettori;
      3. Il Commento è sottoposto a moderazione.

      Se il servizio non è di tuo gradimento me ne farò una ragione ma ribadisco: “My castle my rules”.

  9. John Spartan scrive:

    John Spartan – COMMENTO SPAM (Disclaimer)

    REGOLE per COMMENTARE:
    1. Nome e un indirizzo e-mail con nome e cognome;
    2. L’indirizzo e-mail non è visibile ai lettori;
    3. Il Commento è sottoposto a moderazione.

  10. Carlo Calisti scrive:

    Riecco lo scienziato saputello capace solo di fare il fenomeno è continuare a sparlare dietro un nik name. Sei ridicolo.

    • Giovanni scrive:

      Quello che conta è il concetto. Puoi controbattere se non condividi ma la tua e la sua opinione resta e gli interessati all’argomento ne trarranno le deduzioni!
      Attaccare la persona è mediocre perché a te interessa poter schiacciare il nemico e quindi sfoghi la tua acredine accusandolo di anonimato.
      In un mondo 2.0 è inaccettabile, siamo comunque granelli di sabbia anche se mettiamo nome, cognome e paternità 🙂 non cambia nulla, è il concetto che conta.
      Buona giornata, la mia per il momento non è un granché 🙁

    • Bazzucchi Enzo scrive:

      carissimo carlo ci conosciamo da una vita e come amico ti capisco però scusami se ti dico una cosa.è apparsa una foto su facebook facile da trovare basta andare sulla mia pagina.questa foto era dello scorso anno e riguardava il premio beato angelo dato ai donatori dell avis GUALDESE.il premio BEATO ANGELO è un premio che riguarda gualdo e i gualdesi che si sono distinti nel portare il nome di gualdo nel mondo.ora io ti domando cosa c’entra in quella foto il consigliere regionale ikuvino certo smacchi? dimmi tu che cosa c’entra questa persona che notoriamente se fà giustamente i cazzi sua e di gubbio con gualdo?niente ma continuamo ad invitarlo continuamo a faje prende 500 voti a gualdo quando lui per gualdo nun ha mai mosso un dito?è questo il punto ad essere troppo buoni spesso s’ardà sul tonto.non te la puoi prendere con chi anche se sotto nickname dice cose giuste come il mio amico merlo.non lo conosco ma lo apprezzo,caso mai prenditela con i compagni che tu ben conosci che pur di non votare uno de gualdo alla regione mandano su uno de gubbio con tutto rispetto per loro ma poi i risultati li vedi.ma a gualdo chi è causa del suo male pianga se stesso.

  11. MERLO scrive:

    Io credo che fare un Consiglio Comunale Aperto, per invitare l’Assessore Barberini e il Dott. Legato, non serve a un cazzo.
    Prima di farsi confermare tutte le “promesse già fatte” bisogna far passare il messaggio che i cittadini di Gualdo Tadino sono offesi, indignati ed incazzati per le promesse mai mantenute.
    Il Sindaco dice: “Anche in questi giorni, dove il confronto e la dialettica con toni forti mi ha contraddistinto, abbiamo comunque mantenuto uno stretto rapporto istituzionale con Regione e Usl, in particolare con l’Assessore Barberini ed il Direttore Generale Legato” e io mi domando se ancora non ti è bastato come ti hanno trattato, come ci hanno trattato istituzionalmente.
    Noi, popolo, siamo offesi e in questo momento è importante che il primo passo la facciano loro.
    Dove sono le scuse della Marini? Dove sono le scuse di Barberini? Dove sono le scuse ufficiali di Legato? Dove sta scritto che dobbiamo invitarli?
    Mettendogli a disposizione un’altro pulpito per sparare cazzate.
    Il Sindaco dice che raddoppia, si raddoppia le cazzate.
    Io non pretendo che il sindaco dia retta o ascolti MERLO, ma che ascolti quel silenzio assordante di tutti quei cittadini che sono stati offesi nella loro dignità.

    MEDITATE – MEDITATE SE POTETE – l’importante che è che MEDITATE

I commenti sono chiusi.