Offerta formativa: al solito”l’asso piglia tutto”

Offerta formativa: al solito"l'asso piglia tutto"Offerta formativa: necessario un piano territoriale condiviso
L’offerta formativa e scolastica rappresenta una necessità primaria di ogni comunità e su questo delicato tema il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti ha voluto esprimere il suo parere dopo le vicende riguardanti l’Istituto Alberghiero a Gubbio che la Commissione del Consiglio Regionale ha recentemente approvato.
“Ormai da troppo tempo in tema di scuola e di indirizzi scolastici – sottolinea il Sindaco Presciutti – si va troppo spesso in ordine sparso, privilegiando interessi di campanile piuttosto che i bisogni degli studenti e del territorio. Anche gli ultimi atti, che hanno riguardato la nota vicenda dell’istituzione dell’Istituto Alberghiero a Gubbio, vanno a mio avviso in questa direzione. Per quanto mi riguarda voglio affermare con forza la necessità di chiudere in fretta la fase meramente rivendicativa per passare celermente a quella programmatoria. Il territorio nel suo complesso potrà crescere, anche sotto l’aspetto scolastico e formativo, solo se sarà in grado di costruire un futuro legato ad una visione complessiva e non particolare. Paradossalmente, ad oggi, nella città di Gubbio si potrebbe arrivare ad avere più indirizzi scolastici che nel capoluogo di regione Perugia. Ciò dimostra in maniera inequivocabile che si continua ad agire in ordine sparso (forse volutamente) pensando troppo spesso al proprio orticello più che ai bisogni di un territorio più ampio. Per quanto mi riguarda, questo modo di agire non è più tollerabile. La scuola ed il futuro dei nostri ragazzi sono argomenti troppo importanti e non possono essere trattati in maniera disinvolta o peggio ancora opportunistica. La città di Gualdo Tadino è pronta a fare la sua parte e a svolgere il ruolo che le compete, a patto che nessuno pretenda di fare sempre e comunque l’asso pigliatutto. Di questo è bene che ne prenda atto anche la Regione dell’Umbria prima di deliberare”.

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Offerta formativa: al solito”l’asso piglia tutto”

  1. Giovanni scrive:

    Il commento è molto polemico ma devo riconoscere che Maurizio ha strombazzato ai quattro venti le sue volontà di fare impresa con promozioni e suggerimenti. Peccato che le cose sono andate in questo modo ma si sa che noi siamo un popolo uso soltanto a criticare e fare i doppioni delle associazioni forse per protagonismo e disfattismo.
    Altra musica a Gubbio, sempre tutti uniti per la città, poi i panni sporchi li lavano in casa e anche duramente!
    Sai Maurizio “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire” e la tronfia politica ne è capofila.

    • maurizio biscontini scrive:

      Appunto Giovanni!
      I panni sporchi dell’eterna e mai sopita querelle tra Gualdo e Gubbio debbono lavarsi ai piedi del Colle Eletto con l’Acqua che, addosso, per grave giogo, de retro (Perugia) le piagne, Nocera con Gualdo.
      Qui si piagne subito da Mammà Grifa, senza parlarsi coi vicini.
      Se siamo riusciti ad unificare i servizi per la salute, vedi Branca, se non più importanti, almeno di pari di livello a quelli dell’istruzione, è mai possibile che a nessun genio di casa nostra è venuto in mente un coordinamento dell’offerta a livello intercomunale?
      Ahimé Dante è morto invano! Solo quando i carretti si attaccheranno alle barelle in una unica cordata di comprensorio si riuscirà a dare una svolta! Ma il primo passo deve essere fatto da chi ha da guadagnare, o se volete, campalinisticamente parlando, “da difendersi” … e non è certo Gubbio :).

      • maurizio biscontini scrive:

        post scriptum per la sempiterna INORRIDITA: per dirla alla gualdese “l’identità” che cerchi ce la sbattiamo se non la sappiamo sfruttare :).

        L’identità è diventata oramai un diabolico sistema autoreferenziale, sopportabile solo in tempo di vacche grasse, ora è il momento di agire e di trovare sbocchi produttivi, la sovranità identitaria non ce la possiamo permettere se non vogliamo morire del tutto.

  2. maurizio biscontini scrive:

    finalmente una buona notizia:
    Un preside ed una città con gli attributi!
    VIVA GUBBIO – VIVA I CERI – VIVA l’IIS CASSATA GATTAPONE!!!

    Appena accennai il progetto di portare una specializzazione di Alta Moda con
    una grande Mastro di una famosa scuola milanese gli istituti e l’Assessore alle politiche giovanili di Gubbio mi hanno aperto le porte ed attivato una fattiva collaborazione.

    Per dovere di cittadinanza ho atteso prima e dato comunicazione alla cittadinanza di Gualdo tramite i social: risatina e girata di spalle …. ma dimenticavo che è così che si fa lo sviluppo economico a Gualdo 🙂

    Spero solo nel nuovo Presidente dell’Ente Giochi de le Porte, se lo seguite potrà fare più lui per Gualdo che tutti i Sindaci messi assieme che si sono succeduti da quando è stato istituito il Comune.

    Adesso che i buoi sono scappati fate l’applauso a chi urla per la stalla aperta …. maffatemilpiacereva!

    Rigali sempre più enclave di Gubbio.

  3. mariateresarenzini scrive:

    continuare a prendersela con il popolo eugubino, semplicemente perchè cura,insieme ai suoi politici gli interessi del Suo territorio e della Sua gente è inutile,Gubbio propone unito ,ha sempre proposto,propone tanto e dunque è più facile che ottenga. Le scuole di Gualdo propongono poco e male; indirizzi che si trovano già dietro l’angolo e a cui cambiano nome sperando che l’artificiosa arte della copiatura possa dare fumo negli occhi a chi concede.Oppure le amministrazioni propongono indirizzi nuovi ed anche interessanti, ma siccome le scuole lamentano di non essere state loro a proporre si sentono in diritto di rifiutare in uno sterile gioco delle parti per cui tra i due litiganti, il terzo (è Gubbio che ha visto la concessione dello sportivo) gode.Non prendiamocela con gli altri delle nostra debolezze e dei piani occulti che non vengono portati alla partecipazione, ma decisi nelle stanze dei bottoni.Ciliegina sulla torta: Gualdo ,che a suo tempo aveva chiesto l’alberghiero, che gli è stato negato a suo tempo per massonici accordi, Gualdo che ha, presso la Scuola Media Storelli, una struttura (sala e cucina)che a suo tempo è costata centinaia di milioni ed è inutilizzata, perchè non ha dato concretezza al progetto di chi da più parti proponeva un alberghiero a Gualdo?
    A scuola quando un alunno non raggiunge risultati è bocciato, se li raggiunge è promosso. Non prendiamocela con gli altri pper i nostri demeriti.Innamorata dell’alberghiero

  4. INORRIDITO scrive:

    Ma per forza che tocca invitallo, ORMAI semo semplicemente una stampella di Gubbio. Sia chiaro io non sono attaccata al campanilismo spesso sterile e ormai ai nostri tempi inadatto, ma credo fortemente su ciò che è da tempo acclarato e persino estremamente evidente.
    Prociutti è un “nome” messo lì da smacchi, il consigliere comunale gubbino,per ringraziarlo(oltre ad avergli fatto fare il suo portaborse per 4 anni) dei 400 voti che prociuttino gli fece prendere a Gualdo alla precedente campagna elettorale regionale.
    Ci tengo a sottolineare FIN QUI’ NIENTE DI ECCEZIONALMENTE STRANO!!!
    Quello che è estremamente deleterio per la nostra Gualdo, è che il nostro comune è ormai di fatto un “quartiere” di gubbio.
    Non è assolutamente per campanilismo, ma noi(intesi come gualdesi) quando la conquisteremo la nostra identità????

    Mi rivolgo ai gualdesi.
    Con questo voto di maggio,seppur legittimo percarità,piano piano ci stiamo rendendo conto di aver riportato la città al lontano medioevo e al buio più completro mentre il mondo va avanti in un processo di cambiamento inarrestabile.

    Nota polemica:
    Ma prociutti NON SI VERGOGNA a mettere piede nel terreno dove stanno riqualificando l’area ex consorzio?Quella è solo vanto ed esclusiva opera della politica del centro destra.Ma ormai è abituato ad appropiarsi di lodi non indirizzate a lui.
    Il gualdese non è stupido !!

  5. Giovanni scrive:

    Se Andrea Smacchi, consigliere Regionale del PD, eletto con molti voti dei gualdesi continuerà a fare solo gli interessi di Gubbio dimenticandosi completamente di noi, per la Città di Gualdo Tadino saranno tempi bui.
    Cari cittadini elettori del PD, ricordatevene quando siete nell’Urna!

I commenti sono chiusi.