PASQUELLA 2012: la “Classe 46” dona il ricavato al centro Alzhaimer

La Pasquella a Gualdo Tadino è una tradizione secolare ininterrotta, che ha luogo la vigilia dell’EpifaniaLa “Pasquella” a Gualdo Tadino è una tradizione secolare ininterrotta, che ha luogo la vigilia dell’Epifania, con la quale vengono annualmente riproposti frammenti di cultura popolare che una volta rappresentavano l’essenza del mondo rurale, vere e proprie pillole di saggezza. Alla vigilia del 6 gennaio è da secoli usanza di diversi gruppi di andar la sera casa per casa cantando la Pasquella. Generalmente l’organetto, la fisarmonica e la chitarra accompagnano il canto e, per ringraziare della visita e degli auguri di buona salute, la gente dona qualcosa: uova, vino, salsicce, polli, piccole offerte in denaro con i quali i cantori nei giorni successivi festeggiano tutti insieme. Quella sera, pertanto, per le vie della città e nelle campagne circostanti riecheggerà ancora una volta l’antico canto popolare. Ma nel 2012 a Gualdo Tadino la Pasquella avrà anche un aspetto di solidarietà, grazie all’iniziativa promossa dalla classe 1946. I nati in quell’anno, infatti, si recheranno casa per casa portando il tradizionale canto popolare e il ricavato delle offerte in denaro verrà interamente devoluto al centro diurno Alzhaimer “Il Biancospino” per l’acquisto di strumenti e altri oggetti utili per l’attività del centro, così come quelle in natura saranno destinate alle famiglie bisognose. Il comitato della classe 1946 ha così deciso di unire la tradizione al sociale, aiutando concretamente chi è più sfortunato.

Salvatore Zenobi

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo. Contrassegna il permalink.