Porta San Benedetto vince il Palio di San Michele Arcangelo

Porta San Benedetto vince il Palio di San Michele ArcangeloSan Benedetto vince la 39esima edizione dei Giochi de le Porte
La 39esima edizione dei Giochi de le Porte ha visto trionfare la Porta di San Benedetto. I gialloblù hanno portato a casa il Palio realizzato da Amedeo Marchetti e sono tornati alla vittoria che mancava dal 2011. E’ stata un’edizione molto bella, caratterizzata da condizioni climatiche perfette e da un afflusso di gente senza precedenti, che conferma come oramai i Giochi de le Porte siano diventati un appuntamento clou non solo per i cittadini gualdesi ma anche per i tanti turisti venuti da fuori.

Prima dei Giochi disputati nel pomeriggio, in mattinata era stato assegnato il premio del miglior corteo storico, che quest’anno ha visto prevalere la Porta di San Donato con il tema dell’infermo dantesco.

I Giochi del pomeriggio avevano inizialmente visto San Facondino sbaragliare la concorrenza con il somaro Indio che metteva tutti in fila grazie ad un maestoso tempo di 1’57’’. A seguire Gaspare di San Benedetto con 2’03’’, Cesare di San Martino con 2’06’’ e Afrodite di San Donato con 2’09’’. Nel tiro con la fionda sono serviti due spareggi: quello per il primo posto è stato appannaggio di San Benedetto con Samuele Moriconi che, dopo aver totalizzato 5 su 5, ha battuto Samuele Brunetti di San Donato, mentre quello per il terzo posto se lo è aggiudicato Edoardo Comodi di San Martino davanti a Omar Nardi di San Facondino (entrambi 3 su 5).

Anche il tiro con l’arco ha visto prevalere San Benedetto, grazie a Daniele Astolfi che ha totalizzato 40 punti battendo Stefano Brunetti di San Donato con 38 punti, Mirko Cioli di San Martino con 35 punti e Luca Castagnoli di San Facondino con 18 punti. Al termine di questa terza gara i portaioli gialloblu hanno cominciato a festeggiare, visto che matematicamente il Palio era già stato vinto. A nulla è servita, quindi, la spettacolare corsa a pelo, che ha visto primeggiare di nuovo Indio di San Facondino davanti a Cesare di San Martino, Afrodite di San Donato e Gaspare di San Benedetto. Festa grande in Piazza Martiri per i Priori Nicola Bossi ed Eleonora Angeletti, con la bastola che anche quest’anno è stata bruciata al termine dei Giochi. I festeggiamenti sono andati avanti fino a notte fonda, ma da oggi si pensa già al prossimo anno. E sarà un anno molto importante: quello della quarantesima edizione.

Ufficio stampa Ente Giochi de le Porte

GIOCHI DE LE PORTE, I RINGRAZIAMENTI DELL’ENTE

L’Ente Giochi de le Porte, a conclusione di questa splendida edizione, ringrazia pubblicamente la Giunta Comunale, la Commissione Tecnica, tutti i dipendenti comunali, l’ESA, le forze dell’ordine, i vigili urbani e i privati per la fondamentale collaborazione prestata in questi giorni.
Grazie al lavoro congiunto di tutte queste componenti, i Giochi de le Porte si sono svolti nel miglior modo possibile e Gualdo Tadino ha fornito una immagine di sé molto bella e positiva anche agli occhi dei tanti turisti che hanno affollato la Città.

Ufficio stampa Ente Giochi de le Porte

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giochi de le Porte e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Porta San Benedetto vince il Palio di San Michele Arcangelo

  1. Carlo Petrozzi scrive:

    Caro Warriors lo spareggio ci sarebbe stato (solo con San Donato) solo in caso di squalifica di San Benedetto e cioè zero punti.

  2. Warriors scrive:

    Dopo il plauso per la splendida festa, che ne dite del giocoliere in polo??????????

  3. Warriors scrive:

    Un grande plauso all’Ente giochi delle Porte e a tutti i componenti delle quattro porte e di coloro che hanno contribuito a questo successo.Senza se e senza ma, è stata un’edizione splendida in tutto!!!!!!Un successo per Gualdo e per tutti noi Gualdesi….Era da tempo che non si vivevano tali soddisfazioni!!!
    Un riconoscimento particolare va al Priore Nicola Bossi, che con la sua immensa pacatezza e signorilità è riuscito a stemperare le sempre brutte espressioni (per non dire insulti) dei bandi di sfida!!!onore e merito a Nicola che sebbene attaccato da tutti poteva rispondere per le rime. Con innata signorilità si è limitato a decantare il suo amore per i giochi e per Gualdo……Grazie Nicola, anche per il tuo emotivo saluto finale e moderatamente trionfale ai portaioli di San Benedetto e a tutti i componenti della porta, non tralasciando gli altri…..Solo da uno come te poteva nascere l’idea di intonare l’inno di Gualdo!!!!!
    Ce ne fossero di Uomini come Te, Gualdo sarebbe migliore!!!!!!!
    Io non riesco ad essere come lui e pertanto vorrei correggere, a parer mio, un piccolo errore dell’ufficio stampa Ente giochi de le Porte ove nel comunicato riporta che dopo la terza prova il palio era MATEMATICAMENTE vinto da San Benedetto, forse era più giusto riferire che era PRATICAMENTE vinto da San Benedetto… Con i punteggi acquisiti, la corsa a pelo poteva portare allo spareggio…….Quisquilie, rispetto ad una festa così bella e così grande in tutto e per tutto!!!!!!EVVIVA GUALDO ED EVVIVA I GIOCHI DELLE PORTE!!!!!

  4. massimiliano barberini scrive:

    Lavorare sui parcheggi: gente che il sabato sera ha dovuto parcheggiare fino alla stazione;utilizziamo ad es.il piazzale della stazione,appunto,con un servizio di navetta,oppure abbattiamo il rudere di S. Margherita;a parte quest’ultima,purtroppo battuta,l’ Ente dia priorità a questo aspetto tralasciandone altri di cui si può far benissimo a meno. Anche questa è l’immagine che si dà ad una città per chi soprattutto viene da fuori,oltre alla sfilata.

I commenti sono chiusi.