Porta San Facondino: riorganizzare il corteo storico

Porta San Facondino: un dibattito per riorganizzare il corteo storicoCon una lettera inviata all’Ente Giochi e alle Porte di San Donato, San Benedetto e San Martino, Porta San Facondino intende aprire un dibattito intorno alla riorganizzazione del corteo storico con le novità introdotte lo scorso anno. Cinque i punti in cui Porta San Facondino ha voluto condensare le criticità emerse: tradizione e storicità; gestione e sicurezza; comprensibilità; tempi e conclusione del cerimoniale; taverne. Un giudizio non proprio positivo quello formulato da Porta San Facondino nella sua lettera circa la partenza di tutti i cortei dai giardini, l’ingresso in piazza, la lettura dei bandi e la chiusura del corteo storico. Una modifica che Porta San Facondino ha giudicato fallimentare e, chiedendo il ritorno al cerimoniale del 2014, vuole aprire un dibattito in seno all’Ente Giochi e alla città su tale argomento.

Di seguito i cinque punti contenuti nella lettera di Porta San Facondino all’Ente e alle altre Porte:

  1. Tradizione e Storicità

La piazza di Gualdo è uno spazio con una sua precisa e logica morfologia. La città medievale, infatti, e prima ancora quella romana, è identificata da due strade (il cardo e il decumano) che si incrociano e si incontrano nella piazza, dando luogo a quattro parti chiamate appunto quartieri. È da lì che tutto nasce: i rioni, la costruzione delle porte, il senso di appartenenza, la vita associata, la piazza come spazio comune di incontro e confronto. Scegliere di sfilare partendo ognuno dal proprio quartiere e dalla propria strada nella serata del sabato vuol dire usare lo spazio della piazza nella sua “essenza”, per quello che storicamente, simbolicamente e narrativamente è. Tale ragionamento si lega non soltanto al concetto di tradizione – della quale, piaccia o meno, occorre comunque avere rispetto e salvaguardia – ma anche al concetto stesso di rievocazione storica, intesa come riproposizione didattica di valori, istanze e motivazioni del passato.

  1. Gestione e Sicurezza

La Commissione Tecnica ha messo in evidenza, a più riprese, l’ingestibile situazione venutasi a creare nella zona dei Giardini sin dal primissimo pomeriggio, a causa della partenza unica dei Cortei: vie di accesso chiuse, traffico bloccato, impossibilità di accesso a strutture, esercizi commerciali e servizi importanti, difficoltà nel liberare i parcheggi, interdizione al transito pure per i residenti ecc. La Commissione Tecnica ha poi sottolineato l’estrema pericolosità riscontrata nel dover raccogliere oltre settecento figuranti nell’angusto spazio del Soprammuro durante l’entrata in piazza dell’ultimo Corteo storico – misura dettata unicamente dall’esigenza di lasciare libera la visuale ad una fila di spettatori sulle tribune: è del tutto evidente, infatti, che l’area del Soprammuro è insufficiente ad accogliere una tale mole di figuranti (in attesa, ma in continuo movimento), stipati insieme a decine di carri scenografici e ad animali di grossa taglia che già da soli costituiscono una plausibile e preoccupante causa di incidenti per cose e persone (cfr. la “Relazione morale” della Commissione Tecnica).

  1. Comprensibilità

La soluzione adottata nel 2015 ha inoltre evidenziato la confusione che si crea negli spettatori allorché nel medesimo istante si trovano a transitare per la piazza i Cortei di due Porte distinte (l’uno proveniente da Via F. Storelli, l’altro rientrante da Corso Italia), confusione e incomprensibilità aumentate dal fatto che soltanto di uno di essi viene fornita la descrizione da parte dello speaker sul palco e per di più al termine del giro, lasciando il pubblico – sia quello in piazza, sia quello lungo il percorso – per tutto il resto del tempo all’oscuro di quanto passa sotto i suoi occhi.

  1. Tempi e Conclusione del cerimoniale

Altra situazione critica si è rivelata la conclusione del cerimoniale. I cambiamenti apportati non hanno consentito alle sfilate di terminare prima rispetto alle edizioni del passato, come si auspicava: ci si è trovati, anzi, nella condizione di dover ricomporre quattro Cortei ad un’ora ancora più tarda del consueto e per percorrere soltanto un breve tratto di strada.
D’altra parte, pensare di finire il cerimoniale con la lettura dei bandi toglierebbe alla serata l’impatto spettacolare che manifestazioni di questo tipo presuppongono e abbandonerebbe la piazza ad un caos generale, la cui unica soluzione sarebbe una sorta di “rompete le righe” di figuranti e scenografie, ancora una volta inappropriata alla rilevanza dell’evento e ritenuta proibitiva dalla stessa Commissione Tecnica.

  1. Taverne

Un paragrafo a parte – ma strettamente collegato al precedente – merita l’analisi dell’andamento della Taverna per la serata del sabato: dalle 20.30 alle 2 di notte si è incassato quanto dalle 19 (orario di apertura della Taverna) alle 20.30. Vale a dire che nell’arco di quasi sei ore si è guadagnata la stessa cifra ottenuta nella prima ora e mezza. Tale dato rivela che dalle 20.30 sino al termine del Corteo storico la Taverna di San Facondino è stata praticamente irraggiungibile per turisti e portaioli, tagliata fuori in maniera pressoché continuativa dal procedere della sfilata lungo Via R. Calai. Questo ha comportato un vuoto di diverse ore nell’attività della Taverna, colmato solo da un’ostinata dedizione e voglia (non ripetibile) dei tavernieri, che hanno assicurato la preparazione dei pasti sino a tarda notte, a vantaggio soprattutto dei figuranti del Corteo. A ciò si aggiungono le assenze di coloro che hanno preferito andare direttamente a casa. Se la scelta della modifica del Corteo storico doveva servire ad incrementare l’attività delle Taverne, davvero questo non è successo e “l’esperimento” è da considerarsi fallito: infatti, anche tenuto conto dell’orario di avvio del corteo (ore 21.00), la maggior parte degli spettatori ha preferito mangiare a casa, mentre altri, di fronte al prevedibile affollamento di persone dalle 19 alle 20, hanno preferito un pezzo di pizza al servizio della Taverna.

Il Comitato di Porta San Facondino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giochi de le Porte. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Porta San Facondino: riorganizzare il corteo storico

  1. massimiliano barberini scrive:

    Vi giuro,aspettare la lettura dei bandi prima della sfilata,ad es. in zona piazza Mazzini,è un vero e proprio calvario e oltretutto non deve essere freddo:non si sente nulla,i maxi schermi funzionavano male,è un’attesa lunga e sfiancante,detto poi da un gualdese…immaginate uno di fuori Gualdo!

    • caterina scrive:

      condivido in pieno il bando secondo me dovrebbe essere spostato il venerdi quando si aprono i giochi xche aspettare il sabato è davvero lunga… e poi come dice barberini …non deve essere freddo, xche i bandi sono fatti solo x i gualdesi,e un turista non ci capisce niente,e stufa. questa è la mia opinione!

  2. Francesco scrive:

    Giusto,

    lo svolgimento del corteo è molto più razionale e comprensibile con le porte che arrivano ognuna dal proprio quartiere.

    Anche simbolicamente c’è maggiore senso di appartenenza.

  3. Merlo 3 scrive:

    tagliate i bandi e di conseguenza il protagonismo fuori luogo dei priori che sta prendendo sempre di piu’campo a fronte di una festa che deve essere di anonimato popolare.

  4. Riccardo scrive:

    Sono d’accordo al 100% con la Porta San Facondino ed ai 5 motivi esposti ne aggiungerei un 6° che ho già avuto modo di rilevare all’indomani dei Giochi in un mio articolo. Ero in piazza il sabato sera all’arrivo del corteo “unico” e non ho visto quell’entusiasmo, quell’aria trionfale che si respirava negli anni precedenti. Quando ogni Porta arrivava dal suo quartiere aveva il suo momento di gloria nell’entrata in piazza Martiri ed era un tripudio di colori, tamburi, braccia sollevate. Quel tripudio che nell’ultima edizione non ho percepito. La nuova formula, inoltre, penalizza soprattutto le Porte che non sfilano per prime.
    E’ stato un esperimento e non c’è niente di male a prendere atto che non ha dato i risultati sperati. Si torni all’antico e per risparmiare sui tempi si taglino (lo chiediamo da anni) i bandi. Cinque minuti ciascuno sono più che sufficienti per sfidare le Porte concorrenti ed incitare i propri portaioli.

I commenti sono chiusi.