Positività all’antidoping. Ripartire da zero per riscrivere una nuova pagina

Positività all’antidoping. Ripartire da zero per riscrivere una nuova paginaIl Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, presa visione del Comunicato Stampa redatto dall’Ente Giochi sulla positività all’antidoping del somaro Cesare della Porta di San Martino, di cui era stato avvisato per le vie brevi dall’Ente Giochi stesso, ha voluto manifestare la sua posizione.
“Esprimo il mio più profondo rammarico per una notizia che mai lontanamente avrei immaginato di dover commentare. Il Comune di Gualdo Tadino negli anni ha sempre creduto e sostenuto il mondo de i Giochi de le Porte con investimenti importanti, vedi taverne e stalle concessi gratuitamente in gestione alle porte. Lo spirito della festa e l’immagine della città ne escono sicuramente danneggiati da questo spiacevole episodio.
Se è vero che a Gualdo Tadino si sono anticipati i tempi nei controlli a tutela del benessere degli animali, ciò che è emerso nelle ultime ore è di una gravità assoluta ed auspico pertanto che vengano posti in essere tutti gli strumenti a disposizione per fare chiarezza rispetto alle reali responsabilità.
Allo stesso tempo non si può non prendere atto della necessità di un confronto sereno, ma di merito, sia con l’Ente Giochi sia con i responsabili delle Porte.
Nelle ultime tre edizioni dei Giochi, che ho avuto modo di seguire direttamente da Sindaco, mi sono sempre assunto tutte le responsabilità che mi erano proprie, con l’obiettivo di cercare di far crescere, conoscere e tutelare l’immagine della festa, spesso andando anche al di là dei miei compiti strettamente istituzionali. L’ho fatto con piacere, nella consapevolezza che guidare una comunità comporta onori e oneri.
Non sono fuggito, come fatto da alcuni in passato, ed ho sempre cercato il massimo delle sinergie con l’Ente e le quattro Porte facendomi spesso carico di responsabilità che non mi erano proprie. Non è mia intenzione puntare l’indice contro nessuno, ma non posso non prendere atto di una situazione che va affrontata e chiarita nel più breve tempo possibile nell’interesse dei Giochi de le Porte, della città e dei tanti giovani e meno giovani che nel mondo dei Giochi hanno trovato un ambiente sano dove svolgere attività di volontariato. Tutto ciò non può essere messo in discussione da questa spiacevole notizia.
Occorre pertanto fermarsi, affrontare il problema senza esasperarlo o minimizzarlo per cercare di condividere un percorso che possa far emergere, in maniera chiara ed inequivocabile, da un lato le responsabilità sull’accaduto, dall’altro con forte senso di responsabilità di assumere tutte le decisioni necessarie a tutela dei Giochi e della città.
Non escludo quindi la possibilità di azzerare tutte le cariche in essere proprio per sgomberare il campo da ogni possibile illazione di questo parlerò già lunedì prossimo con l’Ente e le Porte. Ripartire da zero per riscrivere insieme una nuova pagina di una storia che non può essere messa in discussione da comportamenti moralmente ed eticamente inqualificabili.
In attesa di accertare bene e fino in fondo tutte le responsabilità occorre un segnale forte ed inequivocabile che il mondo dei Giochi e la città tutta non possono non dare.

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

 

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giochi de le Porte e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Positività all’antidoping. Ripartire da zero per riscrivere una nuova pagina

  1. Marcello Diso scrive:

    Caro Sig. Sindaco,

    Il fatto di cui si parla è sicuramente increscioso. Grave? forse, sicuramente sarebbe stato meglio se ciò non fosse accaduto e su questo penso che tutti ne possono convenire. Tuttavia, al suo posto, prima di suonare la gran cassa, avrei cercato di conoscere meglio, di capire, di sentire le parti e nel caso, nel limite del possibile avrei cercato di lavare i panni sporchi in casa, prendendo tutte misure (in suo potere) che avrebbe ritenuto necessarie. Invece trovo commenti e prese di posizione date in pasto ai media in una fase in cui almeno il beneficio del dubbio e la prudenza sarebbero stati dovuti. Questa sua scelta inevitabilmente ha esposto alla gogna mediatica tutti coloro che hanno creduto e credono ancora in questa manifestazione, con i suoi pro ed i suoi contro, ma sicuramente un prezioso mezzo per trasmettere valori e tradizioni della nostra terra alle nuove generazioni… e voglio credere che ancora sia tale. ” In attesa di accertare bene e fino in fondo tutte le responsabilità occorre…” …occorre contare fino a 10, aspettare per il bene dell’immagine de i giochi e di tutto coloro che ci credono ancora. Intendiamo bene Sig. Sindaco, lei ha tutte le ragioni ad essere indignato, un atteggiamento doveroso, le dico però che la stessa indignazione avrei voluto vederla anche quando elementi della sua giunta sono stati coinvolti in vicende giudiziarie, in quell’occasione però non si stracciò le vesti. Anche se oramai da diversi anni sono fuori dalla giostra dei giochi per vari motivi, non rinnego le mie origini di portaiolo e da tale confesso che mi è dispiaciuto non poco vedere un Sindaco assumere questa posizione che ha esposto i giochi e Gualdo al pubblico ludibrio con tutto ciò che ne consegue anche nei rapporti con gli Enti Istituzionali.

  2. Carlo Petrozzi scrive:

    Bravo Sindaco. Ma ora qualcuno paghi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Togliamo l’incompetenza e la presunzione dai Giochi!!!!!!

  3. Cosimo Berlinsani scrive:

    Tutti i somari, indistintamente, fanno io! Io! Io! Io!

I commenti sono chiusi.