Protocollo d’intesa per la legalità e i tentativi di infiltrazione criminale

Protocollo d’intesa per la legalità e i tentativi di infiltrazione criminaleSarà una giornata importante quella di lunedì 2 maggio. Presso la Sala Consiliare del Municipio gualdese alle ore 11.30 verrà sottoscritto dal Sindaco del Comune di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, dal Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro e dal Sottosegretario al Ministero dell’Interno Gianpiero Bocci il “Protocollo d’intesa per la legalità e i tentativi di infiltrazione criminale”.

Nello specifico il protocollo avrà l’obiettivo di innalzare il livello di collaborazione e cooperazione fra la Prefettura di Perugia ed il Comune di Gualdo Tadino non solo estendendo l’ambito delle verifiche antimafia anche al di sotto delle soglie di valore previste dalla legge, ma anche prevedendo ulteriori sinergie finalizzate alla prevenzione di possibili infiltrazioni nelle attività economico-commerciali e negli interventi di lottizzazione e trasformazione urbanistica di maggiore impatto.

Per quanto riguarda gli appalti pubblici in settori di attività considerati più a rischio di infiltrazioni mafiose, secondo quanto previsto dal protocollo, il Comune di Gualdo Tadino inserirà nei propri bandi e contratti un’apposita clausola,  che impone alle ditte contraenti di comprovare l’iscrizione nell’elenco fornitori, prestatori ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa. Tali informazioni antimafia, inoltre, saranno richieste anche per tutti i contratti di opere o lavori pubblici d’importo superiore a 250 mila euro o di servizi e forniture di valore superiore a 150 mila euro, oltre che per tutti i subappalti e subcontratti di valore superiore a 50 mila euro.

Esperite le procedure di gara, il Comune di Gualdo Tadino comunicherà alla Prefettura i dati di imprese e società a cui intende affidare i lavori o la fornitura di servizi per la relativa informativa antimafia e, in caso di informativa ostativa, il contratto non verrà stipulato. Lo stesso Comune si impegnerà poi a vigilare sul rispetto della sicurezza delle condizioni di lavoro delle maestranze e di tutela dell’ambiente.

La richiesta alla Prefettura di informative antimafia riguarderà anche il settore dell’edilizia (anche privata) e dell’urbanistica, mentre per quanto concerne le attività economico-commerciali (con particolare riferimento a quelle di somministrazione di cibo e bevande, ricettive e di intrattenimento, giochi e scommesse) verranno implementati i controlli amministrativi da parte della Polizia Municipale, favorendo uno scambio informativo con la Prefettura volto ad intercettare eventuali fenomeni di riciclaggio, usura ed estorsione.

Il “Protocollo d’intesa per la legalità e i tentativi di infiltrazione criminale”, infine, prevederà anche azioni mirate di vigilanza per prevenire possibili fenomeni di irregolarità nel settore abitativo e di sfruttamento dell’immigrazione.

“La firma di questo Protocollo è un evento di grande rilevanza – ha sottolineato il sindaco Presciutti – per tutta la nostra comunità. La città di Gualdo Tadino, con questo atto formale, alza una barriera a difesa del proprio territorio contro i tentativi ormai tangibili di infiltrazioni criminali e mafiosi, che spesso sono sempre più presenti anche nella nostra Regione. Si tratta di un tema molto delicato sul quale quotidianamente stiamo profondendo un impegno costante per cercare di arginare tale fenomeno. Abbiano, in ogni caso, gli anticorpi necessari per mettere in atto un’incisiva azione di contrasto, grazie anche ad un apparato eccellente nella magistratura, nelle forze di Polizia e dell’Arma, con uomini di alta professionalità e passione. Noi come istituzione faremo la nostra parte come sempre”.

Ufficio Stampa Comune Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.