Sicurezza a Gualdo Tadino

Emergenza "Sicurezza" a Gualdo. La posizione di Alessia Raponi

Sicurezza a Gualdo Tadino. Alessia Raponi, referente Lega Nord, plaude le forze dell’ordine e chiede al sindaco un incremento del corpo armato

“Sette furti in tre giorni, prostituzione fuori controllo nella zona della stazione, persone extracomunitarie censite, ma che non lavorano e non si sa come e di cosa campano, risse e liti continue e costanti che non vengono denunciate per paura: sono dati oggettivi emersi e sommersi che purtroppo continuano ad accadere nella nostra città” Alessia Raponi referente territoriale Lega Nord torna a parlare di sicurezza e lo fa senza mezze misure. “Gualdo Tadino è anche crocevia per la Regione Marche e diviene quindi zona di passaggio per delinquenti che continuano a crescere perchè ormai è diventata una zona fuori controllo a causa del numero esiguo delle Forze dell’Ordine che non ce la fanno da sole a mantenere una soglia ed un livello di sicurezza alti. Niente polizia di Stato, pochi militari dell’arma. Sabato 29 Ottobre c’è stata una maxiretata dei carabinieri nelle zone più a rischio e per questo tutti noi dovremmo ringraziarli, ma da soli non riescono a sostenere una tale mole di lavoro! Insisto nel dire che 7/8 carabinieri sono troppo pochi; la maggior parte di loro sono inoltre di età troppo avanzata per l’ incarico che dovrebbero ricoprire. Sono costretti a fare continui straordinari , il che significa mancanza della necessaria freddezza e lucidità, prerogative essenziali e primarie in un mestiere come questo. La nostra caserma è inoltre aperta, da circa due settimane, solo dalle 8.00 alle 13.00 ed è disponibile una sola pattuglia H 24 che deve ricoprire un territorio di circa 42 Km, che va da Scheggia a Nocera Umbra. Neanche i supereroi ce la farebbero.
La sicurezza sociale non è un valore appartenente alla destra o alla sinistra, ma deve riguardare tutta la comunità. L’ ho già sostenuto in passato e lo ribadisco ancora più forte oggi . Attenzione: se si rompono i valori di convivenza tra i cittadini e non si assicura loro una protezione a tutti i livelli si arriverà ad una mancanza totale di tranquillità nel normale svolgimento di tutte le attività quotidiane, dalla attività professionale alla vita familiare e personale, che comporterà una percezione di insicurezza e di paura tangibile ed oggettiva e questo non è tollerabile in una società libera .
L’ordine pubblico è uno dei valori primari da salvaguardare e custodire ; bisogna essere realisti e non vivere nel mondo dei sogni .
Per questo auspico che il nostro Sindaco, come funzionario del Governo più vicino ai cittadini e come massima autorità comunale in materia di sicurezza pubblica , voglia chiedere al Prefetto, insistentemente e ad oltranza , finchè non lo avrà ottenuto, un aumento immediato dell’organico dei carabinierei a Gualdo Tadino. Auspico, inoltre, che voglia emanare tutte le ordinanze necessarie a far sì che il degrado presso la zona della Stazione possa finire e d auspico che accolga realmente i suggerimenti che ho , umilmente, dato in passato.
Da ultimo, una provocazione che potrebbe anche non essere tale : autotassiamoci con una cifra mensile , basterebbero 10 euro a famiglia, per assumere persone del territorio , disoccupate o che hanno voglia di arrotondare lo stipendio , per vigilare sulle vie e sui quartieri della nostra città e coadiuvare così i carabinieri nello svolgimento del loro lavoro .
Insomma, di espedienti per risolvere tali problematiche e garantire ai cittadini gualdesi una maggiore tutela ce ne sono. Quanto meno è necessario e doveroso provarci”.

Alessia Raponi

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sicurezza a Gualdo Tadino

  1. enrico finetti scrive:

    Durante il suo intervento per la chiusura della campagna elettorale siciliana, circondato dalla “morosa” meloni, dal saltimbanco sgarbi ( cdx o csx , basta che c’è na sedia… ) ed un confuso salvini, il più che ottuagenario pluriprescritto, evasore e condannato ha affermato testualmente ” solo se si è commesso un reato di sangue si va in galera, altrimenti si versa una cauzione ” per la gioia di spacciatori, ladruncoli, rissaioli, truffatori, evasori, ecc . Della serie , si predica bene, ma si razzola molto male………..

  2. renzo gatti scrive:

    o miseria che nocità e mica si sapeva niente. L’8 giugno c.a il PERUGIATODAY avdeva pubblicato questo interessante articolo “””INCHIESTA Alla stazione di Gualdo il mercato del sesso apre alle 8 della mattina: 4 squillo, tanti clienti

    INCHIESTA Alla stazione di Gualdo il mercato del sesso apre alle 8 della mattina: 4 squillo, tanti clienti
    Dopo diverse segnalazioni dei nostri lettori gualdesi, abbiamo passato una mattinata alla stazione ferroviaria seguendo clienti e prostitute. Siamo entrati nel boschetto dove avvengono rapporti per 15-20 euro. Ora la storia poi pubblicheremo il video. Pertanto quasta situazione era nota a tutti e c ome mai nessuno è intervenuto? chi aveva il dovere di intervenire? Eppure era sufficiente qualche passaggio a turno delle forze dell’ordine per scoraggiare maggiormente i clienti non certo gli altri attori delle tresche. Se vendere il proprio corpo non è reato almeno chiedere come si mantengono.

  3. Sergio Spinodi scrive:

    Sono pienamente d’accordo con la dott.ssa Raponi, che ne dica il Sig Diso che a quanto pare non interessa essere al sicuro a casa propria (Gualdo Tadino), complimenti Dott.ssa continui così

  4. Marcello Diso scrive:

    Dott.ssa Raponi, non tedi il Sig. Sindaco con queste sciocchezze di poco conto, ha cose molto più importanti di cui occuparsi, c’è una concessione da rinnovare a tutti i costi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *