“Storia dell’antica Villa di Rigali, dalle origini all’Unità d’Italia”

 "Storia dell'antica Villa di Rigali, dalle origini all'Unità d'Italia"Domenica prossima alle ore 21, presso il Cva di Rigali, sarà presentato il volume, “Storia dell’antica Villa di Rigali, dalle origini all’Unità d’Italia”. L’autore, Sergio Ponti, è alla sua diciassettesima opera letteraria legata, come le altre, alla storia del territorio. La sua è una indagine minuziosa che ricostruisce le vicende della frazione di Rigali e che è iniziata nell’ormai lontano 1973 allorchè diede alle stampe le prime memorie di questa antica Villa. Adesso pubblica il risultato di una ricerca minuziosa su fatti di interesse generale e con lo scopo di valorizzare le singole famiglie, gli uomini e le donne che hanno vissuto un ambiente naturale di rara bellezza. “Certo – ci dice – mi sono dovuto confrontare con una lunga fase di ricerca e, per certi aspetti, ardua per le difficoltà di consultazione degli archivi. Ma alla fine sono riuscito a dar luce a un’ingente quantità di documenti che mi hanno consentito di approfondire la struttura politica, amministrativa e sociale dell’antica Villa di Rigali”. Tutto ciò ha costretto l’autore a suddividere in tre volumi la quantità di notizie raccolte. E quindi, quello di domenica, non è che il primo di tre appuntamenti. Alla presentazione daranno voce al volume il sindaco della città, Massimiliano Presciutti; il professore Emerito dell’Università di Perugia, Antonio Pieretti; Andrea Maiarelli, docente della Pontificia Università Antonianum; don Angelo Menichelli, allievo di monsignor Gino Sigismondi e autore di numerosi studi sulla storia antica di Nocera Umbra. Coordina i lavori il giornalista, Mario Anderlini.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e Spettacolo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a “Storia dell’antica Villa di Rigali, dalle origini all’Unità d’Italia”

  1. Giuseppe scrive:

    Complimenti Sergio!
    Gli abitanti della Villa di Rigali saranno sicuramente curiosi di leggere la storia del proprio paesello, ma immagino che saranno altrettanto fieri di annoverare fra i propri compaesani uno storico di valore come Te.
    Ci saro’!
    Giuseppe Pompei

I commenti sono chiusi.