Un anno di rilancio, grazie alla Regione

Quello che si sta aprendo è un anno molto particolare per la politica umbra e gualdese. Un 2020 in cui la politica territoriale dovrà confrontarsi, al di là di questo primo periodo di rodaggio, con la nuova guida regionale della Presidente Tesei, del nostro Roberto Morroni in qualità di suo vice e di una Giunta che dovrà entrare nel vivo di una azione politica necessaria e doverosa per rilanciare una regione dilaniata da anni di scelte, o probabilmente di non scelte, ad opera della politica.
Su questa direttrice il nostro auspicio è che anche la guida locale, capeggiata dal Sindaco Presciutti, abbia la volontà e capacità di agganciarsi ad una traiettoria che possa traghettare il nostro territorio fuori da una palude stagnante dove, a nostro parere, l’Amministrazione gualdese ha operato in maniera conservativa (e, ad onor del vero, anche con successo elettorale), ma con un azione poco rispondente alle esigenze di una città che sta vivendo una fase di sofferenza ancor peggiore del periodo a cavallo del 2008.
D’altronde apprezziamo lo slancio con cui il PD ha salutato con favore l’elezione e la nomina a vicepresidente della Regione dell’Umbria. Ma è ora di dar corpo a buoni propositi che, altrimenti, rischiano di rimanere solo sulla carta.
Già la nostra azione di pungolo è stata, nel 2019, ben incentrata sulle tematiche che contano: sviluppo economico, sicurezza, welfare e ambiente. Non che le altre siano meno importanti, ma Gualdo non può più aspettare alla finestra in maniera inerme ed inerte.
La sensazione che abbiamo da anni di amministrazione Presciutti è che si viaggi “alla giornata”. Ne è esempio la vicenda “Area Stazione”: la nostra scelta di non partecipare alla votazione in aula non è dettata da una bocciatura sul progetto. Perché quest’ultimo non è neanche oggetto di discussione, in quanto nessuno può avere la certezza dell’aggiudicatario di quell’area, visto che la sua alienazione passa per un bando pubblico europeo! Peggio ancora è stata l’impostazione politica.
A noi piacerebbe, per una volta, che si parlasse di strategie a tutto tondo: mettiamo sul piatto la nostra collaborazione in tal senso: facciamo un punto zero sulla situazione economica gualdese per una volta? E valutiamo in che modo il Comune dovrebbe sviluppare, anche a livello urbanistico, una serie di ragionamenti su come coniugare, ad esempio, recupero degli edifici in disuso, necessità di non consumare suolo, allargamento e favoreggiamento di attività imprenditoriali nuove, per far sì che una realtà in fondo piccola come Gualdo possa caratterizzarsi, ad esempio, su prodotti tipici ma anche su innovazione e tecnologia?
Passiamo al tema della sicurezza: qui attendiamo che la maggioranza intera mantenga ciò che ha promesso in commissione. A fronte di ben 3 proposte distinte, a nome di Forza Italia e degli altri gruppi di opposizione, è stato fatto un grande sforzo di sintesi, da parte di tutte le forze proponenti, per presentare unitariamente i punti salienti su cui si dovrebbe incentrare la tematica: controllo degli accessi alla città mediante telecamere sulla viabilità principale, monitoraggio del territorio, commissariato di polizia. A fronte dell’impegno, da parte del Sindaco in persona, di voler approvare un documento che possa passare all’unanimità in Consiglio Comunale, non ci siamo tirati indietro nel voler condividere le nostre richieste. Ma siamo già a fine gennaio e attendiamo con molta solerzia che i cittadini vedano concretizzarsi alcune misure per fronteggiare il disagio e la paura che hanno caratterizzato gli scorsi mesi.
In ultimo, accendiamo i riflettori su altre tematiche che riscalderanno questo 2020: Ex Ospedale Calai e Area Rocchetta. Ci sarà tempo e modo di approfondire. Buon 2020 alla nostra Città.

I consiglieri comunali di Forza Italia
Silvia Minelli
Fabio Viventi

Share
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.