Vignavecchia: le ferite che rimarrano per sempre

Il progetto di messa in sicurezza/bonifica del sito PG017 ubicato in loc. Vignavecchia – Gualdo Tadino (sito messo in procedura di infrazione anche dalla Corte di Giustizia dell’UE per il mancato rispetto delle Direttive 75/442/CEE, 91/689/CEE e 1999/31/CE), prevede l’incapsulamento dei rifiuti pericolosi in loco (con un costo di oltre mezzo milione di euro), in quanto la loro rimozione non sarebbe sostenibile economicamente.
Le sostanze inquinanti, rilevate ad oltre 7 metri di profondità, sono rame, zinco, idrocarburi, diossine e furani. Risultano contaminate anche le acque sotterranee, per la presenza di alte concentrazioni di manganese e triclorometano.
Il progetto prevede, oltre all’incapsulamento dei rifiuti, una copertura superficiale alla profondità di circa 1 metro dal piano campagna, che verrà poi ricoperta con terreno locale.
Tutto ciò permetterà di uscire dalla procedura di infrazione della Commissione Europea, ma non restituirà mai il luogo ai cittadini: quel terreno rimarrà interdetto ed inutilizzabile per sempre; nonostante le migliori “cure”, la cicatrice di quella profonda ferita non scomparirà mai.
Proviamo una profonda tristezza, ma anche una fortissima determinazione nell’impegnarci sempre di più affinché certi disastri ambientali non si ripetano, operando anche per una diversa gestione dei rifiuti.
La nostra generazione ha un conto sempre aperto con i giovani, ed il M5S non si tirerà mai indietro nella battaglia a difesa del territorio e delle risorse naturali.
Lo dobbiamo ai nostri figli.

Troiani Stefania – Capogruppo consiliare M5S
Meet Up Gualdo Tadino

Share
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Vignavecchia: le ferite che rimarrano per sempre

  1. MERLO scrive:

    Queste sono le discussioni che mi piacciono.

    Uno domanda e l’altro risponde.

    Tutto con interesse e senza supponenza,

    Vi imploro……………… continuate.

    MEDITATE

  2. warriors scrive:

    Non c’è alcuna confusione!!!!! La falda acquifera sottostante è comunicante e va dalla piana di San Leonardo a sud di Rigali passando nei terreni ineressati, per Fontegramaccia, raggiungendo le Cannoine sotto Sant’Ippolito (strada vecchia Flaminia) e giungendo fino alla zona delle ex carceri di Cerqueto per poi scendere verso il Feo, nella piana sotto il Cerqueto.

  3. Merlo 3 scrive:

    Forse state confondendo Vignavecchia, l’escavazione situata piu’ a valle di quele effettuate a Rigali, con quella subito a valle dell’ampliamento stabilimrnto ROcchetto.

  4. warriors scrive:

    Caro Giovanni, condivido in Toto il tuo commento. Non penso che occorre scomodare un ingegnere idraulico per capire che essendo la zona interessata posta in pianura,a valle delle pendici dei monti da una parte e dall’altra delle colline di Voltole, Grello, riceve acqua piovana e forse anche di scarichi industriali tutta lì sotto. La falda acquifera sottostante posta a circa 16/20 metri dal piano di campagna in condizioni normali di riposo idrico resta pulita. In caso di abbondante pioggia o di eccessivi scarichi di industrie poste anche nelle vicinanze(mega piazzali completamente asfaltati),la falda che si trovava ad una profondità di inerzia, ricevendo acqua in abbondanza dal suolo e dalle vene acquifere più in alto, risale dalla profondità consueta e va a (SLAVARE) tutta quella porcheria trasportandola non si sa dove e facendola pervenire dapprima nei pozzi escavati poi guardacaso anche nella sorgente affiorante di FONTEGRAMACCIA……Ora mi domandò perché spendere tutti quei (EURONI) per una boiata pazzesca come l’incapsulamento?????? L’acqua del soprassuolo incriminato in ogni modo, (dai terreni limitrofi) arriverà nella falda acquifera sottostante rigenerando di nuovo lo (SLAVAMENTO) di tutti quei rifiuti altamente inquinanti e particolarmente nocivi per la nostra salute. (Basti pensare al Freon contenuto nei compressori dei frigoriferi). Mi domando i tecnici dell’ ARPA demandati e pagati per la nostra salute ed i tecnici comunali, in fase di stesura del progetto ed in fase di Conferenza dei servizi dove erano? Forse a pensare di lasciare uno sgradito ricordo ai nostri discendenti con un’opera eccelsa di grande spessore ingegneristico come l’INCAPSULAMENTO con calcestruzzo….BOOH,NON MI RIMANE CHE PIANGERE LACRIME AMARE NEL VEDERE COME VENGONO SPESI I NOSTRI (EURONI) PER FARE DEI BUCHI NELL’ACQUA (INQUINATA)!!!!!!

  5. Giovanni scrive:

    Intervengo assistito solo dal buon senso perché di questa materia non ho conoscenze per discernere ma, l’incapsulamento dei rifiuti con una copertura superficiale alla profondità di circa 1 metro dal piano di campagna mi sembra ridicola. Quando pioverà, gli ultimi eventi ci hanno fatto conoscere anche “le bombe d’acqua”, gli eccessi di acqua invaderanno gli elementi inquinanti trasportando i lavaggi in ogni dove e ….

    Non ho parole, parlar male di chi ci amministra non ha più senso, siamo alla deriva!

    • enrico finetti scrive:

      stiamo soccombendo su tutti i fronti, vergognosamente inermi di fronte ai tanti malaffari. con l’idea che “a me non compete”, nessuno fa niente per impedire questi scempi.
      stefania sta dimostrando che cambiare si può, ma se non viene sostenuta, come può fare ?
      quello che ha fatto in regione con i due consiglieri regionali è un evento di straordinaria importanza. mai, dico mai, alcun politico locale aveva fatto questo.
      se non ci si mette la faccia i risultati poi sono quelli riportati , ovvero :
      danni irreparabili all’ambiente, milioni di euro da pagare ( noi con nuove tasse ) per tamponare i danni con l’impossibilità del riutilizzo dei siti, terreni o quant’altro . in cambio di cosa? del nulla . prelievi che continuano a fronte di fidejussioni non incamerabili. gualdesi svegliatevi, ne va della storia, dell’ambiente e …..delle tasche………..

  6. MERLO scrive:

    Mio caro Warriors tanto non glie ne frega niente a nessuno.

    Te guarda su un caso così quanta gente interviene per dire la sua e per fare “Opinione pubblica”.

    Ci sta bene così. Bene, bravi.

    MEDITATE

  7. warriors scrive:

    Caro MERLO vorrei fare tre domande alle quali chiederei risposte da chi tutela la nostra salute:
    Ti sei mai chiesto quanti pozzi, quante colture e quanti orti sono nelle vicinanze di Vignavecchia?
    Ti sei mai chiesto dove può arrivare l’inquinamento di quella falda acquifera? (Il pozzo Angeli, sempre inquinato potrebbe essere uno di quelli).
    Ti sei mai chiesto perché GUALDO TADINO è il Comune umbro con il più alto tasso di tumori dello stomaco e dell’intestino?
    Poi vorrei fare una precisazione: all’epoca delle indagini della Forestale era ministro uno che dal tuo pseudonimo aveva in più una consonante e una vocale finali!!!!!!!!!!MEDITIAMO GENTE!!!!!!!!!!!!

  8. warriors scrive:

    Tanto alla fine paga sempre P A N T A L O N E!!!!!!!!!

  9. warriors scrive:

    Non credo che gli artefici di siffatto misfatto siano I G N O T I. Da quello che mi risulta, tanti anni fa il Corpo Forestale di Gualdo Tadino ha eseguito indagini su tale ritombamento ed ha notiziato, come di dovere,la Procura della Repubblica con nomi e cognomi di titolari di concessione, di titolari di imprese escavatrici e di ritombamento, ditte e loro rappresentanti legali sia della provenienza dei materiali interrati sia di quelle che dovevano smaltirli regolarmente. Credo che ci sia stata anche una truffa, perché la ditta che ha subito l’incendio aveva pure una assicurazione. Copia di parte delle indagini, per quanto di competenza, dovrebbe averle anche il Comune di Gualdo Tadino. Se poi qualche ditta è tempestivamente fallita; se la procedura, come spessissimo accade,quando subentra la politica come a Roma Capitale, ha fatto slittare i tempi in modo da arrivare alla Prescrizione, non diamo le colpe a quei quattro scalzagatti che controllano e si trovano da soli a combattere contro i mulini a vento quando è in atto un uragano che riesce a distruggere tutto!!!!!!!!!!!!

  10. MERLO scrive:

    Se un qualsiasi cittadino si va leggere la documentazione inerente a Vignavecchia potrà notare che il funzionario dichiara che:
    “…. dall’esecuzione del Piano d’Indagine (sondaggi meccanici, analisi del suolo e delle acque, ecc.) è emerso che in loc. Vignavecchia sono stati seppelliti da ignoti dei rifiuti consistenti in residui di capannoni industriali, residui di elettrodomestici bruciati, plastica, ecc., classificabili come rifiuti pericolosi…..”
    Io non credo che ci voleva Sherlock Holmes per sapere chi aveva l’autorizzazione al prelievo della breccia in quel terreno.
    Come anche non credo che ci voglia Sherlock Holmes per sapere che vicino alla nostra città si è incendiato un insediamento industriale che guarda caso costruiva elettrodomestici.
    Dalle notizie stampa non risulta che sia mai stato denunciato qualcuno.
    In realtà ci prendono per il culo alla grande. Tutti sanno che ogni bonifica fondiaria corrisponde e corrispondeva nel seppellire materiale “strano”.
    Io che non capisco niente mi domando e vorrei che qualcuno risponda, ma dove cazzo erano i funzionari comunali quando si scavava fino a 7 – 10 metri di profondità quando la legge permette molto meno.
    Ma dove cazzo erano i vigili urbani quando accadevano queste cose.
    Ma perchè non vengono denunciati , una volta per tutte, quelli che dovevano controllare visto che chi ha commesso il fatto è ufficialmente “ignoto”.
    Quando si permettevano queste cose andava tutto bene solo perchè gli “inprenditori” coinvolti sponsorizzavano il basket, la pallavolo ecc.
    Io credo che ci vorrebbe una sommossa di popolo per impedire questa cementificazione inqualificabile che non risolve minimamente il problema, e che permette hai soliti noti di fare business.
    Sicuramente io sto diventando cattivo è aspetto con impazienza che qualcuno venga arrestato, perchè chi si comporta da delinquente deve essere arrestato con i suoi conniventi pagati con i nostri soldi (mi riferisco ai funzionari comunali).
    Comunque se la devono smettere di prenderci per il culo con DETERMINAZIONI formalmente esatte ma bacate nei contenuti….., “ignoti” perchè non mettono nome e cognome?
    In subordine perchè non ammettono che non hanno controllato?
    So già che queste rimarranno…….. ” parole al vento come lacrime nella pioggia….”

    MEDITATE

I commenti sono chiusi.