Vittorio Sgarbi e le sue incursioni notturne

Vittorio Sgarbi e le sue incursioni notturneGigi Marzullo avrebbe detto: “Quando un giorno sta per terminare ed un altro non è ancora cominciato”. Ed è proprio quello che è avvenuto la scorsa notte a Gualdo Tadino, quando Vittorio Sgarbi, il noto critico d’arte già ospite ufficiale della scorsa edizione dei Giochi De Le Porte, ha regalato alla città una delle sue incursioni notturne. L’occasione è stata l’inaugurazione venerdì 25 luglio a Fabriano della mostra da “Giotto a Gentile”, per cui il Comune di Gualdo Tadino ha accordato il prestito dalla Rocca Flea del crocefisso ligneo  del Maestro dei Beati Becchetti, definita dal critico una delle mostre più importanti dell’ultimo decennio.

Invitato dalla direzione del Museo a raggiungere la città in seguito, nel cuore della notte la telefonata del critico non è tardata ad arrivare. Ed è così che con grande entusiasmo tutta la Pro Loco di Cartiere ha salutato il suo arrivo. Riaperta la cucina in grande fretta e riaccesi i fornelli, non poteva assolutamente mancare l’assaggio della tagliatella fatta a mano, la nota sagra vanta oramai trentadue edizioni, in cui donne e uomini con grande generosità e passione difendono questa bella tradizione alimentare. Vittorio Sgarbi si è intrattenuto con i presenti e non si è sottratto ad autografi e foto, ma soprattutto ha voluto lasciare al Presidente e a tutti i volontari dell’organizzazione un bel ricordo del suo passaggio con questa dedica quale segnale d’affetto e riconoscenza: “Agli amici generosi e notturni della Pro Loco Cartiere-Casale-Caselle che combattono fino all’ultima tagliatella per la felicità degli spiriti gentili”.

Museo Rocca Flea

Share
Questa voce è stata pubblicata in Accade a Gualdo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Vittorio Sgarbi e le sue incursioni notturne

  1. taginae6 scrive:

    Ha pagato?

I commenti sono chiusi.